Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Landa chiude la ferita del Giro d’Italia

Vitoria – La placca che stabilizzava la clavicola sinistra, rotta nella brusca caduta della quinta tappa del Giro d’Italia, non appartiene più al Fisioterapista di Mikel Landa. Martedì la restrizione è stata revocata in un centro sanitario di Giustizia. In un certo senso, questo lavoro di routine dei chirurghi ortopedici ha segnato la conclusione di un ciclo complesso e tortuoso di scalatori murgiani. Nulla prefigurava quel racconto. Landa ha iniziato la sua campagna con uno sguardo radioso. È salito sul podio nello stupore dell’Adriatico tirrenico conquistato dall’insaziabile Tadej Pujacar, il ciclista dell’anno, che sosteneva il dominio di un’epoca. Un’altra stella, Wut van Aert, è arrivata seconda e lo spagnolo ha ottenuto un impressionante terzo posto. Quelle buone sensazioni a metà marzo lo hanno portato al Giro d’Italia, obiettivo di Alava.

A Sestola, al culmine della prima gara, Landa ha lasciato il segno. Un sorriso aperto gli attraversò il viso. Succede che nel ciclismo, la miseria e la gloria condividano spesso un rango. Sono insolubili. Il destino aspettava Landa con uno sguardo malizioso, pronto a strappargli la felicità. È successo sulla strada per Cattolica, quando la corsa è stata annunciata a gran voce. Landa, brillante come un dannato, è caduta dove nessuno se l’aspettava. In effetti, è stato accidentalmente lasciato cadere da Dombrowski. La sfortuna non cade mai su Alavés, che ha lasciato il Giro con una clavicola sinistra e diverse costole rotte dallo stesso lato. La caduta di Landa è avvenuta in linea retta in cui sporgeva una spina, indicata dal commissario dell’organizzazione. Dombrowski, il vincitore del Sestola, cambia direzione all’ultimo minuto, lo colpisce e porta Landa in vantaggio.

READ  In fuga dalla sua città natale, Cristiano Ronaldo ha conquistato Madrid e ha abbagliato il mondo: Georgina Rodriguez, l'argentina che ha cambiato il suo destino.

Nonostante il dolore, l’americano è riuscito ad andare avanti e completare la tappa. Non è stato così per Landa, che è stata evacuata all’ospedale di Riccione, dove sono state riscontrate lesioni da gravi cadute. Una volta a Gasteiz, ha subito un intervento chirurgico, quando la placca è stata riparata. Tornò alla competizione nella Klasika di Donostia. Poi ha vinto una Vuelta a Burgos. Con quell’oncia di felicità, Landa è andato alla Vuelta, ma la gara è diventata così indigesta che ha scelto di fare marcia indietro prima di salire ai laghi di Covadonga. Ha detto basta Landa. Ha poi corso con la CRO prima di gareggiare in Italia per concludere la stagione con un rinnovo di due anni per il Bahrain. A questa buona notizia si aggiunge la rimozione della placca che sosteneva la clavicola rotta. Dopo una stagione con il piede sbagliato, Landa ha schiarito l’orizzonte per il 2022 una volta chiusa la ferita di Giroud.