Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Ambasciatore d’Italia Fabrizio Lucentini: “La candidatura di Roma a Expo 2030 è una proposta di prim’ordine che merita il sostegno dell’Argentina”

Ambasciatore d’Italia in Argentina Fabrizio Lucentini.

Per quasi tremila anni, Roma È stata un modello di adattamento al cambiamento, la “città eterna”, il cui presente non può essere rinnovato in altro modo. Ora, la capitale italiana cerca di porsi in prima linea nella sfida più pressante del nostro tempo: la Conversione di energia. Per questo le piace la casa Esposizione Universale (Expo) Dentro 2030.

La visione di Roma per EXPO nasce dalla sua capacità di attingere al suo patrimonio e valutare le sue esigenze attuali nell’ottica di creare un futuro sostenibile. All’insegna del motto “Persone e Territori, Rigenerazione Urbana, Inclusione e Innovazione”, il bando mira a promuovere il concetto di città inclusiva, policentrica, verde e sostenibile. Secondo gli organizzatori, “sarà un’occasione unica e irripetibile per reinventare l’uomo e il suo ‘habitat’, la città, in equilibrio tra sviluppo e sostenibilità ambientale”.

Infobay Ha parlato con l’Ambasciatore d’Italia in Argentina. Fabrizio Lucendini. L’ambasciata partecipa all’iniziativa delle istituzioni della penisola, scegliendo così Roma assemblea legislativa Ufficio delle Esposizioni Internazionali (BEI) capitale Italia Competerà con Busan (Corea del Sud), Odessa (Ucraina) e Riyadh (Arabia Saudita). Tutti cercano l’appoggio dei paesi che compongono l’assemblea Argentina.

“Roma è una candidata di prim’ordine”, afferma l’ambasciatore Lucentini. “Riteniamo che meriti il ​​sostegno dell’Argentina non solo per migliori relazioni bilaterali, ma anche per la qualità della proposta.”.

Perché era tempo che Roma ospitasse un’Esposizione Universale?

– Da un lato, c’è una ragione storica. Roma non ha mai ospitato una fiera universale. La città si candidò all’Expo del 1942, che purtroppo non ebbe luogo a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale. D’altra parte, il motivo di fondo è il messaggio della fiera. Il tema è Persone e Territorio, Rigenerazione Urbana, Innovazione e Inclusione. Tutti i problemi sono fortemente legati alla sfida globale del cambiamento ambientale. Nel 2025, inoltre, il Giubileo E i due eventi sono strettamente legati. Il terzo motivo è che l’Expo mondiale si terrà nel 2025 GiapponeLa precedente risale al 2021 Dubai. Asia e Medio Oriente, dunque. In assenza di candidati provenienti da altre aree geografiche, riteniamo giusto celebrare nuovamente l’Expo nell’Unione Europea, e in questo senso Roma è l’unico candidato.

READ  Morales ha dimostrato il suo valore e dovrebbe affrontare un'altra sfida in Italia

– Il motto della candidatura di Roma è “Persone e Territori, Rigenerazione Urbana, Inclusione e Innovazione”. Cosa significa questo?

– Il 55% della popolazione vive attualmente in aree urbane. Secondo le stime delle Nazioni Unite, questa percentuale aumenterà al 70% entro il 2050. Secondo alcuni studi, questa percentuale sarà raggiunta anche entro il 2030. Pertanto, la convivenza nei centri urbani è un aspetto fondamentale per ripensare il nostro modello di sviluppo. La rigenerazione urbana sarà fondamentale per affrontare la sfida globale Cambiamento ambientale E garantire che la nostra convivenza abbia un impatto zero e sia, quindi, sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale.

-In particolare, come verrà attuata la mozione di Roma?

– La proposta sarà aperta ad altri contributi. È desiderio dell’organizzazione mantenere un dialogo aperto su questo progetto con tutti i paesi partecipanti all’Esposizione Universale. L’evento non vuole essere una conferenza master sulla rigenerazione urbana. Progetti collaborativi compreso il campo di ricerca.

Il masterplan dell’evento, redatto dall’architetto Carlo Rutti, punta a definire nuovi standard di sostenibilità. Come pensi di raggiungerlo?

– La fiera si terrà a Tor Vergata, una parte semicentrale o semiperiferica della città, vicino a uno dei principali poli universitari di Roma. Un esempio che si può segnalare: l’idea di avere un’area espositiva Impatto climatico zero Y Autosufficienza energetica Creando un campo di pannelli solari, l’energia dell’intero evento sarà autonoma e senza impatto climatico.

Qual è il significato del logo dell’Expo di Roma?

Il logo è una reinterpretazione di un motivo architettonico storico della città: l’arco romano. Roma è la “Città Eterna”, una città con una storia di circa trentamila anni e durante questi tremila anni è stata sempre rivisitata, rimodellata e reinventata. Il tutto, peraltro, con un evidente contributo multiculturale. In altre parole, Roma è una città di attrito interculturale e abbiamo sempre vissuto come una città nel cuore del Mediterraneo. Questo portale dovrebbe essere un collegamento al passato da un lato e un progetto verso il futuro dall’altro. Apre le porte allo sviluppo sostenibile delle nostre città.

Logo Expo Roma 2030
Logo Expo Roma 2030

Durante l’evento di presentazione a Buenos Aires con il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, la nomina non è arrivata solo da Roma ma da tutta Italia, perché?

READ  Intel e l'Italia finalizzano un accordo da 5.000 milioni per costruire una fabbrica di assemblaggio di chip | Aziende

-In primo luogo, da quando il fascicolo è stato presentato al BIE a Parigi lo scorso settembre, ha il supporto di tutti i livelli dell’organizzazione. La presentazione è stata accompagnata da una lettera del Presidente della Repubblica, quindi non c’era modo migliore per dimostrare il sostegno delle autorità italiane a questa candidatura. In secondo luogo, poiché è stato creato un organismo di coordinamento attorno alla nomina, è aperto ai contributi di tutte le amministrazioni del paese. E, in terzo luogo, Roma non è solo la capitale d’Italia, ma l’intero Paese affronta la sfida fondamentale del cambiamento ambientale e cerca di contribuire al dialogo internazionale su questo tema. Per questo tutto il Paese è coinvolto nella candidatura e, come accaduto con l’Expo di Milano del 2015, se Roma vincerà la votazione al BIE nel novembre 2023, tutto il Paese sarà coinvolto nella realizzazione della mostra.

Come trarrà vantaggio l’Argentina dall’Expo di Roma?

-L’Argentina affronta la sfida del cambiamento ecologico e può svolgere un ruolo fondamentale. Conosciamo tutti il ​​potenziale dell’Argentina in termini di energie rinnovabili, gas e soprattutto la capacità di produrre litio e idrogeno nella produzione di energia rinnovabile. Nel contesto dell’Expo, aperto alla cooperazione, l’Argentina può trarre vantaggio dalla ricerca di forme di cooperazione industriale con altri paesi che possono investire nel miglioramento delle capacità argentine.

– L’Argentina ha già dato il suo sostegno alla candidatura?

Quello che ci aspettiamo dall’Argentina è il supporto che non è stato ancora mostrato. Ci sono altri contendenti che sono impegnati nella ricerca del consenso internazionale, così con l’Argentina. Abbiamo sempre detto che l’Italia e l’Argentina hanno una storia di cooperazione. Non è solo una storia ben nota delle relazioni storiche e culturali tra i due paesi. E soprattutto c’è una base economica condivisa. Sono circa 250 le aziende che operano in Argentina e l’Italia ha sempre avuto investimenti in Argentina, in alcuni casi risalenti a secoli fa. L’Italia è stata parte del sistema economico argentino e lo sarà sempre, e l’Expo sarà lo stimolo per approfondire questa cooperazione.

READ  L'Argentina al completo affronterà l'Italia per la Nations League

Nonostante ciò, riteniamo che la candidatura di Roma sia una candidatura di prim’ordine e quindi meriti il ​​sostegno dell’Argentina non solo per le sue ottime relazioni bilaterali, ma anche per la qualità della proposta. Certo, le relazioni tra i due paesi sono buone, lo sono sempre state, e anche economicamente solide. Proprio per questo la squadra italiana si aspetta pieno sostegno dall’Argentina.

Continua a leggere: