Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Algeria vede l’Italia come un grande partner energetico dopo la crisi con la Spagna | Economia

Un dipendente lavora nell’industria del gas Zarzaitine (Algeria).LOUAFI LARBI

A volte basta una parola per cambiare la geopolitica di una regione. Era sufficiente l’avverbio comparativo “più”. Lettera Il 14 marzo il Presidente della Spagna si è rivolto a re Mohammed VI, scatenando così movimenti tettonici sulla geopolitica del Mediterraneo, e soprattutto Dipartimento di Energia. Da quanto scrisse Pedro Sánchez al re del Marocco Proposta di autonomia Per il Sahara occidentale, fornito nel 2007, è una “base molto seria, realistica e credibile” per risolvere il conflitto. Il governo italiano, il cui presidente Mario Draghi lunedì è in visita ad Algeri, sembra desideroso di cogliere l’occasione.

La guerra di Putin in Ucraina ha portato molti paesi a vedere l’Algeria come un’alternativa al gas russo. Sonatrach, il capo della compagnia energetica algerina, Touffik Hakkar, aveva già avvertito il 1 aprile che l’Algeria non era oggi in grado di fornire alla Russia volumi aggiuntivi per la fornitura di gas. Ma ha anche aperto le porte a progetti più grandi: “Con la velocità della nostra ricerca, le nostre capacità raddoppieranno in quattro anni, il che suggerisce opportunità promettenti con i nostri clienti europei”, ha affermato.

La Spagna aveva ottime condizioni per affermarsi come hub per la fornitura di gas algerino all’Europa. Fino al momento in cui l’Algeria decide di ritirare il suo ambasciatore da Madrid. Ora, solo l’Italia occupa lo spazio privilegiato. Una fonte dell’Agenzia europea per l’energia privata, anonima, ha detto a EL PAS che l’Algeria è il Paese giusto per fornire una parte del gas dalla Russia all’Europa. “Nessun altro è vicino. E nel settore energetico, avere un paese vicino significa avere un prezzo migliore. La Germania e i paesi dell’Est Europa si affidano al gas russo non perché siano stupidi, ma perché il costo è così basso rispetto a a navi provenienti da altri continenti.

READ  Un tecnico ha sostituito i freni di una funivia caduta il 23 maggio

Oggi, la stessa evidenza riconosce che la cooperazione tra Italia e Algeria non si riflette in alcuna statistica o accordo specifico che potrebbe danneggiare la Spagna. Ma dice che Roma ha tre fattori che potrebbero fare dell’Algeria un hub per le forniture di gas all’Europa. In primo luogo, secondo l’esperto sopra citato, Eni, grande azienda privata semi-pubblica italiana, è disposta a investire nella ricerca. Eni è una grande azienda internazionale in Algeria. L’Italia è il terzo fornitore dell’Algeria, dopo Cina e Francia. Questo è il suo primo cliente prima di Francia e Spagna.

Il secondo fattore a favore dell’Italia è che Roma ha una grande “volontà politica” di espandere le importazioni di gas dall’Algeria. “In questo mondo energetico è fondamentale avere una volontà politica con le grandi aziende private. Questo è quello che ha l’Italia”.

Maggiore dipendenza dal gas russo

Chi conosce a fondo tutte le facce della medaglia.

Registrazione

E il terzo fattore a favore dell’Italia, secondo la fonte sopra, è che il Paese è fortemente dipendente dal gas russo. “L’Italia ha più fame della Spagna perché dipende dalla Russia”, conclude. Il 40% delle sue importazioni di gas proviene dalla Russia, seguito dal 27% dall’Algeria (21.000 milioni di metri cubi). L’amministrazione mira a dissolvere la dipendenza della Russia dal gas entro il 2025.

Il primo ministro italiano Mario Draghi vuole aprire la strada a un futuro senza gas russo tra tre anni con la sua visita di lunedì. Al Siki Palace, sede del governo, sottolineano che il vantaggio dell’Algeria è che l’infrastruttura di due gasdotti è già stata realizzata. La stessa fonte afferma che “potrebbero essere stabiliti nuovi collegamenti in futuro”.

READ  Angola e Repubblica del Congo - L'Italia si impegna ad aumentare la fornitura di gas al mondo

Claudio Descalci, il leader della delegazione italiana, si è recato ad Algeri il 3 aprile per incontrare il leader del Sonatrack algerino. L’obiettivo era rafforzare la partnership tra le due società. L’incontro tra i due dirigenti è avvenuto poche ore dopo che Hakkar aveva rivelato che il suo Paese avrebbe svolto un ruolo chiave nella fornitura di gas alla Spagna. Mantiene il prezzo per tutti i suoi clienti, tuttavia non esclude di rivedere il suo “cliente spagnolo”..

La visita di Tracy ad Algeri lunedì è stata preceduta da una conversazione telefonica con il suo omologo algerino Abdelmid Debon il 1 aprile. In esso hanno evidenziato le relazioni “strategiche ed energetiche” tra i due paesi. Anche i vertici bilaterali sono stati fissati in calendario per i prossimi mesi. Entro la fine di maggio, Debbie dovrebbe arrivare a Roma.

La citata fonte del Dipartimento dell’Energia sottolinea che mentre l’Algeria non può rinunciare ai soldi che arrivano per il gas dalla Spagna, Madrid ha “ucciso l’anatra ovaiola d’oro”. L’anno scorso, la Spagna Pagato 2.600 milioni di euro Importando gas algerino. Terzo Vice Presidente del Governo e Ministro per il Cambiamento Ambientale, Teresa RiveraL’Algeria ha annunciato la scorsa settimana Avevo già programmato da ottobre Ha alzato il prezzo del gas in Spagna attraverso la sua società Sonatrac.

La stessa evidenza sottolinea che i prezzi in questo momento avranno le sue conseguenze al di là di un aumento tempestivo. “Nel panorama di questa guerra, l’Algeria è importante. Non si sputa in faccia a un alleato. La Germania cerca ovunque fonti di energia. Noi, che la teniamo molto vicini, abbiamo chiuso una porta. Catturati.

READ  'Ho raggiunto il mio obiettivo da quando sono arrivato in Italia'