Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’accordo del G7 apre le porte alla Spagna per aumentare le aziende già nel 2022 | Economia

L’accordo per la fissazione di un’aliquota minima d’imposta sulle società questo fine settimana da parte dei ministri delle finanze del G7 rappresenta, da un punto di vista internazionale e storico, un passo senza precedenti verso la creazione di basi imponibili comuni nel villaggio globale, mentre, a livello nazionale, tale accelerazione potrebbe è una parte importante della riforma fiscale che il governo spagnolo sta pianificando. Nello specifico, come confermato da fonti ufficiali, se l’accordo sfocerà in un consenso internazionale nelle prossime settimane, la Spagna proverà a fissare l’aliquota minima aziendale a partire dal 2022 e ad anticipare di un anno il resto delle principali misure fiscali che sta valutando. .

Tutto ora dipenderà dal calendario internazionale. Dopo che l’accordo è stato firmato sabato a Londra dai funzionari finanziari di Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Canada, Italia e Giappone, i leader di questi paesi dovrebbero ratificare l’accordo al vertice del G7 il prossimo fine settimana a Cornovaglia (Inghilterra) come preludio al suo slancio in The Group of Twenty, che si riunirà a luglio a Venezia.

Verrà quindi determinato il mondo delle multinazionali soggette alla scala, in base al loro fatturato annuo e alla percentuale di quello che avviene al di fuori del proprio Paese di origine. Da concordare anche l’aliquota minima da applicare definitivamente, anche se tutto lascia pensare che la cifra vincente sarebbe il 15% difeso dagli Usa, che hanno abbassato la proposta iniziale dal 21% per assicurarsi un maggiore consenso.

L’amministrazione di Joe Biden non è stata solo la chiave per scatenare un dibattito che è stato bloccato per anni dalla posizione opposta del suo predecessore alla Casa Bianca, Donald Trump, ma è diventata anche una delle più proattive nel far rispettare il tasso globale come formula. Per finanziare massicci piani di ripresa economica post-Covid. La sua carriera è stata ora sostenuta dal Gruppo dei Sette e nelle prossime settimane il G-20 promette di portare sul tavolo un accordo multilaterale nel quadro dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) quest’anno.

READ  Economia / Affari. Amazon ha istituito il primo centro europeo di innovazione per le operazioni in Italia

Se collegato, il governo spagnolo intende diventare uno dei paesi leader nella fissazione dell’aliquota minima, e per farlo dal 2022 se il calendario lo consente, accetta questo giornale dal ministero delle Finanze.

Del resto, l’amministratore delegato Pedro Sanchez si era già posizionato a favore della creazione di un tipo di società inferiore al 15% a livello nazionale, ancor prima di dare l’autostrada a un accordo globale. Questa misura è stata inclusa nel piano di bilancio 2019 concordato dal PSOE e United We Can, e il Congresso ha finito per essere rovesciato, portando alle prime elezioni generali quell’anno. Ma il piano è rimasto nel cassetto in attesa del suo ricorso.

Ma la crisi aperta dal Covid ha spinto il nuovo governo di coalizione a rinviare questa misura, rimuovendola dai conti per il 2021. Per quest’anno è stata mantenuta solo la riduzione dal 100% al 95% dell’esenzione sui dividendi delle controllate. Nel 2019 il governo ha stimato che entrambe le misure avrebbero raccolto circa 1.700 milioni di euro, mentre l’imposta sui dividendi approvata prevede di raccogliere 473 milioni di euro nel 2021. Cioè, i vecchi calcoli del governo indicavano una raccolta annua vicina ai 1.300 milioni di euro per il tipo minimo di società nel contesto pre-crisi.

Tuttavia, un nuovo Osservatorio fiscale europeo la scorsa settimana ha abbassato tale cifra a soli 700 milioni dall’aumento della riscossione delle imposte spagnola a causa di un accordo globale sulle aziende.

Non sapendo se il governo ha un sostegno parlamentare sufficiente per promuovere nuovi budget per il 2022, il patto globale potrebbe portarlo ad aumentare l’aliquota minima con un regolamento stabilito in modo che entri in vigore all’inizio del prossimo anno. Questa misura potrebbe significare un significativo aumento delle tasse per le multinazionali un anno prima dell’avvio della grande riforma fiscale che il Tesoro intende promuovere nel 2023, a condizione che il livello del PIL prima della crisi si sia ripreso e che il divario di reddito con l’Europa L’unione si restringe. Tutto ora dipende dal conto alla rovescia per il Global Compact.

READ  I campionati di calcio registrano perdite di milioni di euro a causa del “Covid-19”

Lo schema che Montero ha già cercato di promuovere

La Spagna ha un’aliquota nominale dell’imposta sulle società del 25% per tutte le società, indipendentemente dalle loro dimensioni e operazioni globali, ad eccezione delle banche e delle compagnie petrolifere, per le quali viene applicata l’aliquota del 30%. Stimando che, grazie all’utilizzo di agevolazioni fiscali e altre strategie fiscali, l’aliquota effettiva che le aziende finiscono per pagare è in media ben al di sotto di queste soglie, il CEO Pedro Sanchez ha già tentato di promuovere un’aliquota inferiore del 15% complessiva. , e il 18% per le entità finanziarie e petrolifere i cui conti ammontano a più di 20 milioni. Questa misura è stata inserita nel fallito piano di bilancio 2019, che ha abbassato il tasso nominale per le piccole e medie imprese (con un fatturato fino a 1 milione) al 23%. Il nuovo governo di coalizione formato dal PSOE e United We Can ha mantenuto l’intenzione di promuovere un tasso più basso, anche se la crisi del Covid-19 lo ha spinto a sospenderlo. Anche il ministro delle finanze, Maria Jesus Montero, ha annunciato ad aprile che valuterà il suo appello per il 2022 nonostante la mancanza di un accordo globale, anche se in seguito ha chiarito che aspetterà di sentire il panel di esperti sulla riforma fiscale, che pubblicarsi a febbraio.