Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’accesso alla rete elettrica soffoca la Spagna | un lavoro

La Spagna è salita di quattro posizioni nella classifica globale per sicurezza energetica, equità e sostenibilità, secondo il Trilemma Index, che misura i progressi compiuti da ciascun paese in questi tre aspetti chiave della transizione ambientale e della decarbonizzazione. Ora è al 13° posto rispetto al 17° dell’anno scorso in questa classifica stilata dal World Energy Council in collaborazione con Oliver Wyman. Il rapporto mette in evidenza i progressi compiuti dalla Spagna in tutte e tre le aree; Ma riflette una valutazione inferiore in termini di diritti di accesso, che è un punto chiave per migliorare le connessioni di rete e quindi facilitare la transizione. Qualcosa, tra l’altro, che le aziende rinnovabili chiedono con insistenza, come si può vedere all’8° Solar Forum organizzato questa settimana dal datore di lavoro del settore dell’Unione fotovoltaica spagnola (Unef).

La variabile equità si riferisce alla capacità di ciascun sistema di garantire l’accesso all’energia a prezzi accessibili per uso domestico e commerciale; La sicurezza energetica riflette la capacità di ciascun paese di soddisfare la domanda energetica attuale e futura e, infine, la sostenibilità misura il ritmo di transizione dei sistemi energetici nazionali verso la riduzione dei danni ambientali e la mitigazione del loro impatto sui cambiamenti climatici. Fonti ministeriali confermano che ci sono margini di miglioramento. “Ecco perché stiamo lavorando per garantire l’accesso a diverse fonti di energia a prezzi ragionevoli e questo non pregiudica la competitività estera”. Ad esempio, hanno messo le recenti aste di rinnovabili a prezzi ben al di sotto dei prezzi di mercato.

L’indicatore globale del Trilemma, che di solito appare ogni anno in questo periodo, non può essere tempestivo. Viene presentato in un momento in cui l’Unione europea è in pieno dibattito sulla decarbonizzazione e sulla transizione energetica complessiva dovuta all’impatto del gas sui prezzi dell’elettricità. In altre parole, è caratterizzato da circostanze eccezionali che possono rappresentare un punto di svolta per la riconfigurazione del sistema energetico globale, con differenze significative tra le regioni.

READ  Draghi ha un piano di ripresa italiano

Secondo il rapporto, l’Europa è in cima alla classifica, con un’agenda energetica fortemente orientata alla sostenibilità a scapito dei combustibili fossili. In un anno segnato dall’epidemia, che ha portato a un calo significativo della domanda energetica (con un calo del 21% in Italia, del 19% in Francia, del 17% in Spagna), le energie rinnovabili hanno preso slancio nel continente, generando fino a 38 per cento per l’elettricità consumata e scavalcando carbone e gas come principale fonte di generazione di elettricità.

L’indice è diventato uno standard internazionale dopo 11 numeri. In questo analizza le politiche e le normative energetiche di 127 paesi nel 2020, ovvero include l’impatto della pandemia. Nonostante la Spagna sia tredicesima nella classifica nazionale (a pari merito con il Lussemburgo), il suo punteggio di 76,9 su 100 è il decimo, visto che ci sono tre partite davanti. Ciò significa che può essere considerato tra i primi 10 punteggi. Ma la verità è che ha davanti 12 paesi.

I paesi OCSE continuano a dominare le prime posizioni, con 11 paesi europei tra i primi 14. Nove di loro sono in equilibrio tripla A (sono cioè tra le prime 25 delle tre variabili analizzate), in più rispetto all’anno precedente. Il declino della Spagna nella variabile azionaria ha portato a non ottenere la Tripla A. E succede che l’anno precedente non lo era, ma questa volta era sul secondo gradino della sicurezza. È migliorato quest’anno in questo aspetto, ma lo ha perso in tutta onestà. Cioè, va da BAA ad ABA. Questo calo, secondo lo studio, indica che la Spagna è tra il 25% e il 50% dei migliori paesi per valore.

READ  Un'occasione per coglierla, di Redacción

Una media di 76,9 è inferiore di un punto rispetto al 2019; Ma permette di superare Italia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovenia. Si ripetono sul podio, ma la Svezia supera in testa la Svizzera e la Danimarca resta al terzo posto. Il quarto è condiviso da Regno Unito e Finlandia, mentre il sesto è condiviso da Francia e Austria. Canada, Germania e Norvegia si sono classificati ottavo, nono e decimo. Nuova Zelanda e Stati Uniti a pari merito con Spagna e Lussemburgo per il tredicesimo.

Per Oliver Wyman, il progresso della Spagna è una grande notizia, anche se questa analisi è anche “un chiaro riflesso di quelle aree in cui il sistema energetico deve essere rafforzato per adattarlo a uno scenario in cui sostenibilità, rinnovabili e accesso universale alle risorse energetiche devono essere campioni .” “.

Le fonti consultate valutano i risultati “positivamente”, il che “è un chiaro esempio dell’impatto delle riforme adottate”. Allo stesso modo, evidenziano il cambio di paradigma verso un modello meno dipendente dai combustibili fossili importati da paesi terzi, che “scommette chiaramente sulle abbondanti risorse rinnovabili di cui disponiamo, il che si traduce in prezzi dell’energia più bassi e una maggiore diversificazione degli approvvigionamenti energetici e quindi sulla loro sicurezza”. Secondo queste fonti, questo processo ha portato a un risultato impressionante, “ma siamo ambiziosi e fiduciosi che ci permetterà di andare avanti con le prossime versioni della classifica”.

“In conclusione”, affermano le fonti, “i risultati della graduatoria sono la prova che la trasformazione ambientale comporta benefici economici e ambientali chiari e misurabili, portando ad un miglioramento della posizione del Paese a livello globale con il conseguente impatto positivo sui suoi cittadini e imprese». Pertanto, il governo continuerà ad attuare riforme e misure che ci consentano di anticipare i benefici della transizione energetica”.

READ  Italia e Francia firmano un nuovo trattato dopo il turbolento periodo diplomatico

Alcuni temi sono emersi all’8° Solar Energy Forum, dove si sono valutate le aziende, davanti al 3° Vice Presidente e Ministro del Settore, Theresa RiberaLa necessità di accelerare la trasformazione ambientale a causa dell’alto costo della bolletta e del ruolo di questa energia nel realizzarla. “Più energie rinnovabili, più economico è il conto”, ha detto. Jose Donoso, direttore generale dell’organizzazione, che ha chiesto anche la semplificazione delle procedure amministrative e ha evidenziato la spinta all’autoconsumo attraverso il dialogo con i comuni e la strategia di stoccaggio. A questo proposito, Donoso ha annunciato che presto presenteranno i loro piani al governo.