Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La WTA ha avvertito che lascerà la Cina se la violazione di Peng Shuai non sarà resa chiara e crescono le richieste di boicottaggio dei Giochi invernali.

La WTA ha preso di mira la Cina per la scomparsa di Peng Shuai (Reuters/Adnan Abedi/foto d’archivio/foto d’archivio)

È stato aggiunto un nuovo capitolo su Bo International ScandalLa scomparsa dell’ex tennista cinese Peng Shuai, di cui da allora non si sa dove si trovi Ha riferito di essere stata aggredita sessualmente da Zhang Gaolie Ex vicepresidente del governo cinese. L’amministratore delegato della Women’s Tennis Association (WTA), Steve Simon, ha avvertito che non esiteranno a cancellare l’attività in Cina se non sarà chiarito cosa è successo con la 192a racchetta del mondo.

Presidente, durante un colloquio con CNNE ha indicato che la federazione è pronta a sopportare le perdite del milionario che potrebbero significare la cancellazione dei suoi rapporti con il Paese asiatico se non viene chiarita la questione relativa all’atleta. “Siamo disposti a far uscire la nostra attività da lì e ad affrontare tutte le complessità che ne derivano perché è davvero più importante del business. Le donne vanno rispettate e non monitorate“, nota. Va notato che la WTA ha attualmente diverse competizioni in Cina, come le finali a Shenzhen.

Peng non è apparsa in pubblico da quando ha accusato l’ex vicepremier cinese Zhang Gaoli di averla costretta a fare sesso a casa sua. Lo ha fatto il tennista, ex numero uno mondiale del doppio e in questo modo due volte campione del Grande Slam, attraverso un post sul social Weiboche è stata eliminata dopo 30 minuti come per ogni effetto maschile.

“L’abbiamo contattata a tutti i numeri di telefono e indirizzi e-mail che abbiamo e attraverso altre forme di contatto, ma finora non siamo stati in grado di ottenere una risposta”.Simon, che ha confermato di aver avuto interviste con la Chinese Tennis Association, ha rivelato. In cambio, l’agenzia gli ha assicurato che l’atleta sta bene e gode di buona salute a Pechino.

READ  Italia contro Svizzera Live DirecTV Sports Online Programma, canali e dove guardare le qualificazioni europee del Qatar 2022 online tramite DirecTV Go | Sport totali

Questo problema è sorto poco prima dell’inizio delle Olimpiadi invernali, che hanno sede a Pechino (4-20 febbraio 2022 nella capitale della Repubblica popolare cinese). La situazione ha suscitato critiche da parte di varie organizzazioni e sono cresciute le voci su un possibile boicottaggio diplomatico dell’evento.

“Il palese sforzo di mettere a tacere Peng Shuai sembra essere in contrasto con l’approccio della Cina per rendere le Olimpiadi di Pechino un successo”, ha affermato Natasha Kassam, direttore dell’opinione pubblica e della politica estera presso il Lowy Institute ed ex diplomatico a Pechino.

Joe BidenDa parte sua, il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato, giovedì scorso, durante un incontro bilaterale con il primo ministro canadese Justin Trudeau, che il boicottaggio di “È qualcosa a cui pensiamo”.

Il media cinese CGTN, che è collegato al governo di quel paese, ha trasmesso una presunta lettera di Peng Shuai alla WTA (Immagine: REUTERS)
Il media cinese CGTN, che è collegato al governo di quel paese, ha trasmesso una presunta lettera di Peng Shuai alla WTA (Immagine: REUTERS)

Mercoledì di questa settimana, Steve Simon ha già espresso la sua preoccupazione per la sicurezza di Peng Shuai e Dubbi sull’autenticità dell’e-mail Che è stato trasmesso dai media cinesi CGTN, legati al governo di quel Paese, in cui la giocatrice ha confermato di stare bene, riposando a casa, e in cui ha smentito tutti i fatti, comprese le accuse di abuso sessuale dell’ex leader.

“Se è costretta a scriverlo o se qualcuno lo scrive per lei, non lo sappiamo, ma in questo momento non credo che abbia alcuna validità e non saremo a nostro agio finché non avremo l’opportunità di parlare con lei”, ha sottolineato. Il funzionario sportivo ha anche affermato che questa e-mail era una “dichiarazione preparata di qualche tipo”.

Il direttore esecutivo della WTA Steve Simon ha messo in dubbio la veridicità del messaggio di Peng Shuai mostrato dai media cinesi (Immagine: Reuters)
Il direttore esecutivo della WTA Steve Simon ha messo in dubbio la veridicità del messaggio di Peng Shuai mostrato dai media cinesi (Immagine: Reuters)

In una lettera, il presidente della WTA ha dichiarato: “Come organizzazione dedicata alle donne, rimaniamo fedeli ai principi su cui siamo stati fondati: uguaglianza, opportunità e rispetto. Trovo difficile credere che Shuai Peng abbia effettivamente scritto questa dichiarazione o quella può essere attribuito a lei. Peng ha mostrato un grande coraggio nel commentare Si tratta di aggressioni sessuali da parte di un ex leader del suo paese. La WTA e il resto del mondo hanno bisogno di prove verificabili che sia al sicuro. Ho provato a contattarla più volte e di nuovo e semplicemente non può essere.”

READ  Puoi ancora suonare in Italia | Gli sport

Uno dei personaggi del circolo era quello di mettersi alla prova contro quello che è successo L’americana Serena Williams. “Sono scioccato e scioccato nell’apprendere la notizia della mia compagna Bing Shuai. Spero che sia al sicuro e che la trovino il prima possibile”, ha scritto l’ex tennista numero uno al mondo sul suo account Twitter. Questo deve essere indagato e non messo a tacere”.Ha detto nel messaggio che ha scritto su Twitter, accompagnato da una foto di un sorridente Peng con le parole “Dov’è Bing Shuai?” (“Dov’è Bing Shuai?”). Invio amore a lei e alla sua famiglia in questo momento molto difficile.Ha aggiunto.

Prima dell’affermazione di Serena, altre figure del tennis come il serbo Novak Djokovic o la giapponese Naomi Osaka avevano espresso pubblicamente le loro preoccupazioni per le condizioni di Shuai, l’ex numero uno mondiale nel doppio, che Non è stato visto per due settimane in concomitanza con la sua denuncia di violenza sessuale contro l’ex vice primo ministro Zhang Qaoli.

Continuare a leggere: