Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La visita del cancelliere Olaf Schulz in Cina ha accresciuto le preoccupazioni per la Germania in Europa

Parigi: il controverso viaggio del cancelliere tedesco in Cina, Olaf Schulzrivelare Una pericolosa divisione tra il suo Paese e il resto dell’Unione Europea, la fragilità della sua coalizione di governo e alcune improvvisazioni nella sua politica estera..

Tutti questi dubbi sono sorti a seguito delle iniziative assunte dal governo tedesco nelle ultime settimane. In meno di 15 giorni, i diplomatici sono giunti alla sconvolgente conclusione che Il motore franco-tedesco che girava nell’Unione Europea da poco più di mezzo secolo cominciava a dare segni di stanchezza. I primi segnali di avvertimento sono iniziati alla fine di settembre, quando il governo socialdemocratico tedesco ha rivelato Un piano di rilancio per l’economia del Paese da 200.000 milioni di dollariLo ha annunciato senza preavviso ai suoi alleati francesi – e tanto meno – al resto dei suoi partner europei.

A questo gesto rude si è aggiunto, quasi subito, un disaccordo sulla migliore risposta alla crisi energetica che sta sconvolgendo l’Europa già prima dell’inizio dell’inverno. Tutte quelle crepe hanno finito per rivelarlo Le vere ragioni della divergenza erano geopolitiche. L’atmosfera di confusione è stata esacerbata dalle divergenze a Berlino e Parigi sulla guerra in Ucraina e su come trattare con il leader russo, Il presidente russo Vladimir Putinper porre fine al conflitto ed evitare le metastasi della crisi.

Dopo sette mesi di combattimenti, lo scoppio della guerra in Europa centrale ha accelerato lo sviluppo dei rapporti di forza all’interno dell’Unione Europea: l’Europa centrale si sente più vicina — e più protetta — dagli Stati Uniti, mentre gli Stati baltici, come Finlandia e Svezia , Criticano apertamente l’atteggiamento “troppo accomodante” di Francia e Germania nei confronti del Cremlino.

READ  Israele ha attaccato una base militare di Hamas in risposta al lancio di palloni incendiari da Gaza

L’Eliseo e il Quai d’Orsay (sede del Ministero degli Affari Esteri) iniziarono a sospettare che il motivo principale della dissonanza fosse lo scetticismo tedesco sui “progetti di sovranità della difesa europea” promossi dal presidente Emanuele Macron Durante la prima metà dell’anno, mentre la Francia ha ricoperto la presidenza di turno dell’Unione Europea. Il governo di Berlino non si è mai espresso pubblicamente contro questa iniziativa, ma non l’ha mai appoggiata: Né Schulze ha sostenuto l’idea di costruire un aereo da combattimento europeo (SCAF) o il famoso “carro armato del futuro” (Leopard).

Invece, senza avvertire Paris, ha sparato inaspettatamente un’idea scudo missilistico, basato sulla tecnologia del Nord America e di Israele, che dovrà coinvolgere 14 paesi europei nella NATO. Questo sistema, sfidato dagli industriali tedeschi, minaccia lo sviluppo di un progetto franco-italiano e un terzo progetto dalla Polonia. Un portavoce di Macron ha chiarito che la Francia ha rifiutato di sostenere questo progetto, sostenendo che “minaccia di rilanciare la corsa agli armamenti”.

I due paesi non sono d’accordo sull’atteggiamento verso cui dovrebbero adottare Domanda di adesione all’Unione Europea presentata dai paesi dei Balcani occidentali. Macron ha lanciato a maggio l’idea di creare una Comunità politica europea (CPE) con il duplice obiettivo di trasformare il CPE in una sala d’attesa volta a ritardare l’allargamento dell’UE e neutralizzare le manovre di riavvicinamento di Mosca nel mezzo di esso. la guerra. Per ottenere il sostegno di quella massa slava. Entusiasta dell’idea, la Germania, invece, cercherà di riportarla a proprio vantaggio per includere questi paesi in un blocco capace di rafforzare il proprio peso specifico all’interno dell’Europa e spostare il baricentro del continente verso est, e più . a favore dei suoi interessi strategici.

READ  Bassa vaccinazione e alti tassi di mortalità: la Russia ha il suo momento peggiore a causa di una crescita delta variabile

“Francia e Unione Europea non sembrano continuare a far parte delle priorità di Schulz”disse Elvir Fabry dell’Istituto Jacques Delors.

Il problema più grave che appare al momento è L’interesse di Schulz a stabilire un “rapporto più profondo” con il regime di Pechino Solo una settimana dopo che il Partito Comunista aveva trincerato il potere assoluto di Xi. Questa posizione contrasta con la posizione europea, che di recente ha definito la Cina un “nemico sistemico”.

L’attuale viaggio del Segretario di Stato alimenta contraddizioni che minano l’unità della coalizione. Pochi giorni fa, lo ha avvertito la sottosegretaria all’Ambiente, Annalena BarbockE i pericoli di “dipendere da un Paese che non condivide i nostri valori”. Questa situazione potrebbe mettere ancora una volta il Paese in una posizione di “ricatto politico”, come è successo quando Putin ha deciso di tagliare le forniture di gas.

Per alcuni esperti, la posizione di Schulz rivela il panico di Berlino per il crollo dei due pilastri che hanno sostenuto il suo modello economico: Le importazioni di gas russo a prezzi bassi competitivi hanno assicurato la sua industria e le esportazioni in Cina hanno assicurato enormi eccedenze commerciali. Le esportazioni tedesche superano attualmente i 100.000 milioni di euro.

I giganti dell’auto – come BMW, Mercedes e Volkswagen – realizzano tra il 30% e il 40% delle loro vendite in Cina. Ma questa situazione è in pericolo. Tuttavia, la prima parte di questi pilastri è crollata con la guerra in Ucraina e la seconda sembra essere stata messa a repentaglio dal ruolo che Xi ha assunto, sulla base del dogma ideologico tripartito, della sicurezza nazionale e del controllo del partito. Nell’attuale contesto di tensione con l’Occidente, Xi aspira a costruire un’economia geopoliticamente resiliente, meno dipendente dai mercati esteri e dagli investimenti.

READ  Un'argentina ha raccontato come è riuscita a raccogliere $ 87 in una pista da bowling a Las Vegas ed è diventata virale.

Schultz è stato criticato all’interno e all’esterno del suo governo, giurando alla vigilia del suo viaggio di non nascondere le “differenze” e di non smettere di sollevare questioni di preoccupazione tedesca, come le tensioni su Taiwan e la posizione cinese sulla guerra in Ucraina che gli occidentali considerano essere. A favore del Cremlino, oltre al “rispetto delle libertà civili e politiche” e ai “diritti delle minoranze etniche”, come gli uiguri (musulmani residenti nello Xinjiang, oppressi dal regime).

La Cina oggi non è più quella di 10 anni fa. Ha detto riferendosi al recente congresso del PCC, che ha consolidato il potere di Xi. “Se la Cina cambia, anche le nostre relazioni con la Cina devono cambiare”.preciso.

Questi commenti hanno scatenato la reazione del portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, che ha lanciato un chiaro avvertimento: Pechino, ha detto, Si oppone a qualsiasi ingerenza nei suoi affari interni ea qualsiasi distorsione con il pretesto di discussioni sui diritti umani.

Conosci il progetto Trust