Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La verità su Cuba | Pagina 12

Siamo un po’ nervosi, troppo storditi per una birra, e abbiamo appena fatto una cazzata, ma l’unico stronzo sono io, un venticinquenne. I due sono molto più anziani e sono già giornalisti famosi, uno dei quali leggendario. Cerchiamo di non guardarci per non ridere, ma lui non esce e si sente tentato. Abbiamo fatto un giro di cinque tempo fa per decidere chi sarebbe salito sul palco a quel molo nei pressi dell’Avana, per ringraziare i vicini per l’ottima accoglienza che ci hanno appena riservato.

Tutto è stato molto veloce. Siamo a Cuba da quasi due settimane, viaggiando su un camioncino, con autisti di veterani dell’Angola, e siamo fratelli a quasi 5.000 km di distanza. Stamattina siamo tornati all’Avana perché oggi è il giorno in cui si celebra l’anniversario a cui siamo stati invitati: 35 anni fa nascevano i Comitati per la Difesa della Rivoluzione (CDR), ovvero ogni isolato in ogni quartiere di ogni città dell’isola.

Oggi in furgone, appena arrivati ​​in città, abbiamo chiesto cosa avremmo fatto di notte, e ci hanno detto ‘niente, hanno cenato in albergo’. L’invito era per l’anniversario della CDR, ma includeva la conoscenza del Paese dall’inizio alla fine. La festa in ogni comitato quella sera era comunitaria ma allo stesso tempo intima: i vicini che si conoscevano da una vita uscivano a celebrare la loro organizzazione nelle strade dei loro quartieri, ci hanno detto, che in tempi turbolenti includevano i difesa militare, ma ora servono come custodi dell’edificio, dove si sa se una o più donne incinte nel nodulo alla fine hanno bisogno di un medico, se una persona anziana vive da sola o è dove vanno tutti coloro che hanno un problema.

Noi, cinque giornalisti argentini, non dovevamo andare a nessuna celebrazione perché non sono stati mostrati i rapporti consolidati sui risultati. Noi, che ci siamo incontrati a Ezeiza, abbiamo passato i primi giorni divisi in due gruppi (tre favorevoli, due contrari – da Cuba -), ma con il trambusto del viaggio ci siamo trovati bene. Uno dei “dissidenti” nel furgone ha detto che volevamo andare a una festa quella sera. Il resto di noi ha detto di no, va bene così, lasciarli in pace. E la persona che ha insistito è un uomo di un giornale del sud di estrema destra, i cui proprietari sono stati implicati in crimini contro l’umanità. All’epoca non si diceva così. La democrazia aveva due anni. Ma a Ezeiza, quel giornalista ha ammesso la sua deturpazione, quando il resto di noi è stato sorpreso di chiamarlo e glielo ha detto. “Lo saprò, ma poi dirò tutta la verità”, ci ha detto, come se conoscesse già Cuba e come se sapesse già la verità che stava per dire. Il resto di noi russa. Era francamente anticubano.

READ  Come sono le case di 6 mq per i senzatetto - News

Questo pomeriggio, un autista si è preso cura del suo reclamo, ma ha detto che non poteva risolverlo. ho dovuto consultare. Che dovrebbe essere un qualsiasi altro cdr ma non quello della tua zona, perché potrebbe essere considerato un ‘effetto’ che nessuno vuole. Si consultò e dopo un po’ gli diedero dati di massa in qualsiasi quartiere.

Siamo arrivati ​​di notte dopo più di mezz’ora di viaggio. Siamo scesi dal camion. Quelli di noi “sostenitori” si sono vergognati di qualcun altro perché stavamo interrompendo la nostra partecipazione a una celebrazione che non era la nostra. Tuttavia, non appena siamo entrati nel quartiere, abbiamo visto frettolosamente uno spettacolo che diceva “Benvenuti, fratelli dell’Argentina”. Dall’altra parte abbiamo visto un centinaio di uomini, donne, bambini e vecchi che ci applaudono e ci festeggiano.

Queste persone semplici sono venute a salutarci. Ci tuffiamo in un mare di braccia, abbracci, baci, carezze di capelli, risate. Il tavolo d’onore è stato allestito per noi. Ci hanno riempito di regali: i bambini ci hanno realizzato oggetti artigianali, bambole, legno dipinto, collane di sassi, disegni con i pennarelli. Hanno riempito la nostra tavola con tutte le prelibatezze fatte in casa di fagioli, avocado, patate dolci ripiene, insalate a foglia verde amara e olio profumato al pepe.

E poi è iniziato lo spettacolo. Abbiamo visto dieci bambini salire e mettersi in fila sul palco e cominciare a recitare molte più strofe di Martin Fierro, più di quanto sapessi, più di quanto ognuno di noi avesse memorizzato. Seppero di loro quel pomeriggio, quando giunsero loro la notizia della visita. E quelle vocine che ci dicevano qual è la nostra voce che non sapevamo erano in pochi secondi penetrando le nostre emozioni. Abbiamo finito per applaudire e tremare perché tutta quella loro festa ci stava dando.

READ  La violenza e la repressione del regime di Daniel Ortega aumentano prima delle elezioni di novembre in Nicaragua

Avresti dovuto essere grato. Noi cinque ci siamo riuniti e abbiamo deciso, ovviamente, che la persona che ha indicato di salire sul palco era del quotidiano del Sur, che pensava di sapere la verità. L’altro “contro” non fu severo: votò lo stesso, morì dalle risate, perché conosceva meglio l’amarezza e la bile che la persona del sud aveva già portato.

Ora il sudista è già sul gradino più alto del podio. Ho dato un’occhiata a Enrique Sadric e ho dato un’occhiata ad Ariel Delgado, membri del mio gruppo “For Favor”. Siamo tentati perché se questo amore ci ha logorati, ne dubitiamo, ma sappiamo che è stato eroso dall’estrema avversione. Abbiamo fatto una piccola trappola alla giustizia nominandolo un delegato. Parli e sia grato, se lo vediamo sorpreso, lo abbracci e si commuova alla recita dei bambini. Prende il microfono a cui si attacca.

Lo vediamo sudare e la camicia fradicia. Lui ci guarda e noi facciamo gesti di “vai avanti”, ridendo di nuovo a crepapelle. Ma quando inizia a parlare, lo sentiamo ringraziarlo, e una volta che ha finito, afferra forte il microfono e se lo mette in bocca, come se stesse per diventare un grido infuocato. Guarda Enrique e Ariel. Non ci proviamo più, aspettiamo perché non sappiamo cosa uscirà dalla sua bocca.

Succhia l’aria e agita le mani prima di ricominciare a parlare, ma ora con un tono più alto e non esposto, con una grammatica povera ma con dizione. Quello che dice è che le persone non dovrebbero mai separarsi, che i cubani sono meravigliosi e che non hanno mai pensato di vivere una notte come questa, fratelli cubani, li porterò sempre nel mio cuore, dice mentre si batte il petto. Allora comincia a piangere, e lì i bambini vanno a circondarlo, abbracciarlo e riempirlo di nuovo di baci.

READ  La più grande nave della marina iraniana è affondata in circostanze misteriose

Con Enrique e Ariel sveliamo la felicità tra lattine di birra e lattine. “Era un contributo”, dice uno di loro. Poi i vicini ci portano fuori a ballare tutti e tre. Solo i vecchissimi restano sulle loro sedie. Il resto è pura festa, famiglia, ispirazione, hip e spalla, di corpi e anime pronti per essere goduti in quel piccolo angolo del pianeta dove i vicini del blocco celebrano il loro modo di vivere.