Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

la variante omicron esplode in Spagna senza protocollo di restrizioni concordate | Economia

La perturbazione di un nuovo tipo di omicron Covid – scoperto in Sud Africa – ha costretto i Paesi europei al salvataggio sull’orlo della morte Restrizioni per contenere la diffusione del virus. Tra questi c’è la Spagna, che lunedì si è unita ai 30 casi confermati di questo ceppo in Europa.

Sebbene gli allarmi inizino a riemergere in tutto il pianeta, la Spagna, con uno dei pochi incidenti nel continente (199 casi), ha accettato solo misure che proteggano il Paese dall’importazione di più infezioni di questo tipo per via aerea. Così, il declino del ceppo porta il Paese senza ancora determinare quali restrizioni siano associate al nuovo segnale di rischio Covid per limitare l’espansione della variante omicron all’interno del territorio spagnolo.

Martedì il Consiglio dei Ministri approverà la sospensione dei voli con destinazioni o partenze dai paesi sudafricani colpiti da questo boom, come il Sudafrica o il Botswana, anche se da ieri è in vigore l’ordinanza che impone a tutti i viaggiatori di questi territori di servire un quarantena per dieci giorni…

Anche il turismo britannico sarà limitato da mercoledì. L’amministratore delegato di Pedro Sanchez ha annunciato sabato che dal 1° dicembre solo quelli vaccinati con doppie linee guida potranno entrare in Spagna, lasciando 28 milioni di viaggiatori dal Regno Unito, la principale fonte di turisti in Spagna.

Misurare il caos

Quello che la Spagna non ha ancora deciso è come affrontare il virus con una voce comune tra le comunità autonome. Il recente accordo tra Ministero della Salute e Regioni ha dato vita a un nuovo semaforo per il Covid, più lassista, per l’impatto positivo della vaccinazione nel Paese, che già copre l’89,2% della popolazione target.

READ  L'Italia batte la Spagna ai rigori e si qualifica per la finale di Coppa dei Campioni

In questa soglia alto rischio Per un’incidenza cumulativa a 14 giorni sopra 300 casi ogni 100.000 residenti. Questo marchio, secondo i dati pubblicati questo lunedì da Health, È già stato superato in tre comunità: Aragona, Navarra e Paesi Baschi.

Per questo è preoccupante che questo nuovo termometro sia assente dalle misure legate ai livelli di allerta, nonostante le Regioni abbiano chiesto un ombrello legislativo nazionale che eviti scioperi giudiziari locali per misure come il passaporto Covid.

Ad esempio, questa certificazione è già richiesta per circa 20 milioni di spagnoli – il 42% della popolazione – per avere accesso ad hotel, ristoranti e strutture ricreative in comunità come la Galizia, la Catalogna o la Navarra. Questo martedì, i tribunali hanno autorizzato la sua applicazione nella comunità valenciana.

Tuttavia, in altri paesi come il Paese Basco, che ha il secondo tasso più alto in Spagna, un giudice basco ha respinto la petizione. Questo vuoto ha indotto il distretto ad avvertire che decreterà l’emergenza sanitaria se la situazione peggiora e aumenta la pressione sui reparti di terapia intensiva.

Paura in Europa

L’Europa ha affrontato l’avvento della nuova ondata di Covid con la sua ricetta per i mesi più difficili dell’epidemia: chiusura delle frontiere, limitazione dell’orario di lavoro, capienza e prenotazione. Il Blocco comunitario, composto da 27 membri, ha attivato il freno di emergenza su richiesta del presidente della Commissione europea (CE) Ursula von der Leyen e si è opposto ai voli dal Sudafrica, mossa criticata dall’Organizzazione mondiale della sanità, che ha chiesto decisioni “guidate dalla scienza”. senza essere guidati dalla scienza.” impone un pesante fardello alle vite e ai media” nei paesi sottoposti a embargo.

READ  Primo Elenco dei Temi Principali per Prensa Latina .Day

Fino a ieri l’Ue ha confermato 34 positivi con la variante omicron. I Paesi Bassi e il Portogallo sono di gran lunga i paesi più colpiti, con 13 infezioni ciascuno, secondo le autorità sanitarie. Anche Germania, Danimarca, Italia e Belgio hanno scoperto questo nuovo ceppo. Mentre il Regno Unito, vicino al territorio della comunità, ha segnalato tre casi.

Di fronte all’avvertimento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul rischio “molto significativo” rappresentato dalla nuova variante omicron del coronavirus, molti paesi, come Portogallo e Regno Unito, hanno ripristinato alcune restrizioni come l’obbligatorietà della mascherina o il requisito per il test PCR oltre al passaporto Covid, sia per i viaggi aerei che nei ristoranti o nei teatri.

Altri Paesi come la Slovacchia e l’Austria, che superano il tasso di infezione cumulato nel continente, con 2.672 e 2.089 casi, hanno fatto ricorso al confinamento generale della popolazione. Mentre la Repubblica Ceca, che è tra le più colpite dalla nuova ondata, ha optato per il confinamento notturno.

Biden dà gli ultimi ritocchi a un nuovo piano

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in una videoconferenza con il presidente cinese Xi Jinping a novembre. Agenzia di stampa Francia
  • Niente panico. Ieri il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sottolineato che la nuova variante dell’omicron è “causa di preoccupazione, ma non di allarme”, poiché ha sottolineato che il Paese nordamericano – che non ha ancora confermato un caso di questo ceppo – non imporrebbe misure aggiuntive. “Se le persone vengono vaccinate e si usa una maschera, non c’è bisogno di reclusione”, ha aggiunto. Sì, al momento sono state imposte restrizioni ai viaggiatori dal Sudafrica e da altri sette paesi del continente africano.
  • Più vaccinazioni. D’altra parte, Biden ha insistito sull’importanza che la popolazione mondiale si vaccina, soprattutto nei paesi con meno risorse, per sconfiggere la pandemia. “Non possiamo fermarci finché tutti non saranno vaccinati”, ha sottolineato. Il Presidente ha osservato che gli Stati Uniti avevano già lanciato una campagna per donare dosi, l’ultima a settembre, per un totale di 500 milioni di dosi del vaccino Pfizer da inviare ai paesi in via di sviluppo, e ha esortato più governi ad unirsi… strategia. A tal proposito, il ministro della Salute, Carolina Daria, ha confermato ieri l’impegno della Spagna a donare 50 milioni di dosi di vaccini entro la fine del primo trimestre del 2022, di cui circa 30 milioni già devoluti al Global Access Fund. Vaccini (Cofax). La Cina, dal canto suo, si è impegnata ieri a donare mille milioni.
READ  La Marina tunisina intercetta un barcone irregolare con 24 persone a bordo