Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La vaccinazione obbligatoria non è saggia?

Sebbene alcuni paesi europei abbiano i tassi di vaccinazione più alti al mondo, continuano a fare pressioni per persuadere coloro che si oppongono a farlo. Alcuni governi hanno imposto la Covid Card come incentivo, mentre altri hanno scelto direttamente di rendere obbligatorie le vaccinazioni.

L’Austria, ad esempio, è stata la prima a imporre il vaccino e sarà obbligatorio dal 1 febbraio, indipendentemente dall’età o dall’attività professionale. La Grecia e l’Italia hanno ordinato la vaccinazione o la sanzione rispettivamente per gli over 60 e 50 anni.

Il cancelliere tedesco, Olaf Schulz, mercoledì, in un giro di domande, ha sostenuto la vaccinazione obbligatoria del Paese. I legislatori dovrebbero discutere alla fine di questo mese. Attualmente, lo stato ha imposto restrizioni alle persone non vaccinate, richiedendo la prova della vaccinazione o il recupero dal Covid per entrare nei bar, nei ristoranti e nella maggior parte dei luoghi culturali e di intrattenimento. La Francia, che ha già un permesso di ingresso sanitario valido, dovrebbe seguire l’esempio della Germania alla fine di questo mese.

Ma gli esperti sono preoccupati per l’impatto che queste misure potrebbero avere.

“Penso che con normative molto rigide, i farmaci anti-vaccino, che ora sono in minoranza, avranno più potere”, ha detto a Euronews Julia van Vert, professoressa alla School of Social and Behavioral Sciences dell’Università di Amsterdam.

“Questo è il pericolo a lungo termine”, ha aggiunto. “È qualcosa che senza dubbio dividerà la società e aumenterà la polarizzazione”.

Lascia che i non vaccinati si arrabbino

La successiva modifica della legislazione in Francia ha spinto le persone a scendere in piazza. Il paese ha circa il 91% degli adulti con un programma vaccinale completo e il 79% dei bambini di età compresa tra 12 e 17 anni. Più di 105.000 persone hanno manifestato in tutto il Paese domenica contro la “testimonianza Covid”, quattro volte l’ultima manifestazione avvenuta il 18 dicembre.

READ  Suggerimenti per migliorare il sonno ed evitare l'insonnia quando si soffre di dolore cronico

Questi numeri potrebbero derivare in parte dalle dichiarazioni del presidente francese Emmanuel Macron. Ha sottolineato che voleva davvero “disturbare i non vaccinati”. Per gli esperti, questo tipo di linguaggio può essere controproducente.

Il professor Martin Pickersgill, professore di sociologia della scienza e della medicina all’Università di Edimburgo, ha detto a Euronews di essere preoccupato per il commento di Macron: non ha nulla a che fare con il miglioramento della salute pubblica. Queste parole possono avere l’effetto opposto e invece di motivare le persone, possono demotivarle”.

Tuttavia, Macron può affermare che la strategia del governo francese, finora, ha avuto successo. Ha incoraggiato le persone a vaccinarsi facendo vaccinare obbligatoriamente gli operatori sanitari e ha lanciato la tessera sanitaria Covid, che attesta che il titolare è stato vaccinato con entrambe le dosi, è precedentemente guarito dalla malattia o ha avuto esito negativo al test . Il governo, grazie alla sua strategia, ha assicurato che il sistema sanitario sia in grado di resistere alle varie ondate dell’epidemia.

Ci fidiamo delle informazioni sui vaccini?

La certificazione Covid è considerata un successo nel vaccinare le persone. Uno studio sui suoi effetti in Danimarca, Israele, Italia, Francia, Germania e Svizzera, pubblicato dal Medical Journal bisturi E ha scoperto a dicembre che il numero delle vaccinazioni è aumentato 20 giorni prima della sua domanda, un effetto che è persistito fino a 40 giorni dopo l’annuncio.

Tuttavia, nonostante le restrizioni imposte alla vita quotidiana dei cittadini, alcuni continuano a scegliere di rinunciare alle vaccinazioni.

Secondo una scala UE pubblicata nel maggio 2021, i motivi principali per non vaccinare contro il Covid-19 sono la convinzione che i vaccini non siano stati ancora adeguatamente testati e le preoccupazioni per gli effetti collaterali.

READ  Zarate, lo scienziato fedele cresciuto nei collegi in Italia

L’indagine, in cui sono state consultate più di 26.000 persone di età superiore ai 15 anni in 27 Stati membri dell’UE, ha mostrato che le fonti più affidabili per gli europei, quando si tratta di ricevere informazioni accurate sui vaccini, sono gli operatori sanitari e le autorità sanitarie nazionali (61 %, 44 % rispettivamente).

La stessa UE ei dirigenti nazionali si sono classificati al terzo posto, rispettivamente con il 20% e il 19%, davanti alle autorità regionali/locali e ai media (14% e 11%).

Pickersgill ha sottolineato che “fiducia, comunicazione aperta e partnership sono caratteristiche essenziali di tutte le campagne di salute pubblica. Soprattutto, la fiducia non può essere semplicemente richiesta: la credibilità dei politici che fanno politiche sanitarie deve essere chiaramente dimostrata. Salute pubblica”.

“I benefici e i rischi della vaccinazione devono essere annunciati in modo chiaro e pubblico, altrimenti è comprensibile che i cittadini si sentano esclusi da loro, il che alimenta la sfiducia”, ha aggiunto.

Non tutti coloro che non sono stati vaccinati sono vaccinati

Da parte sua, Van Vert ha ammonito che le minoranze non ancora vaccinate non dovrebbero essere classificate come anti-vaccino, ma piuttosto “un gruppo eterogeneo di persone” che fanno parte delle società in cui la disinformazione si diffonde più velocemente. Possono essere persone di basso status socioeconomico, studenti e immigrati, ma anche persone che hanno dubbi sulla loro storia medica e hanno bisogno di affrontare specificamente le loro preoccupazioni.

“Penso che i governi dovrebbero fare tutto il possibile per raggiungere queste persone prima di imporre ulteriori restrizioni”, ha affermato, chiedendo più “strategie ad hoc” che coinvolgono importanti parti interessate o figure chiave nelle società.

“È meglio raggiungerli, ad esempio, autorità indipendenti o medici possono svolgere un ruolo importante in questo senso”, ha affermato, così come figure religiose, tra cui imam e sacerdoti.

READ  Il nuovo trailer di Batman mostra l'alterazione fisica di Robert Pattinson

Ha evidenziato, ad esempio, il successo di una “linea diretta per le domande” nei Paesi Bassi che le persone non vaccinate chiamano per discutere le loro preoccupazioni con i professionisti del settore medico. Il servizio riceve una media di 1.000 chiamate al giorno.

La vaccinazione obbligatoria funziona?

Per Van Weert, l’impatto della vaccinazione obbligatoria nell’Europa occidentale non sarà di vasta portata. “Quello che so dalla ricerca è che il valore aggiunto dell’implementazione è maggiore quando i tassi di vaccinazione sono bassi”, ha affermato. Ha aggiunto che è altamente improbabile che colpisca coloro che si oppongono ideologicamente al vaccino.

“Gli anti-vaccinatori sono così sicuri che non sono convinti di nulla. Penso che sia meglio lasciare in pace queste persone per un po’ e non prestare loro molta attenzione. E più sono stigmatizzate, meno sono preparate a essere vaccinato”.

Beckersgill è stato anche cauto riguardo al suo effetto, dicendo a Euronews che “è possibile che le ipotesi ‘funzionano’ esclusivamente nel senso che potrebbero costringere alcune persone preoccupate per gli effetti dei vaccini, ad accettare la possibilità della vaccinazione”.

Oltre il 69% della popolazione dell’UE/SEE è ora completamente protetta contro i rischi di malattie gravi, ma esistono notevoli disparità tra i 31 paesi della regione.

Danimarca e Portogallo hanno immunizzato completamente oltre l’82% della loro popolazione, mentre Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Irlanda, Italia, Germania, Paesi Bassi, Norvegia e Spagna hanno tassi compresi tra il 70 e il 78%. Ma i paesi dell’Est non ebbero tanto successo. La Bulgaria deve ancora vaccinare un terzo della sua intera popolazione, mentre i tassi in Romania e Slovacchia sono inferiori al 50%.