Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La strategia di Djokovic: infortunato a dicembre | Un giorno dopo un’assunzione positiva, partecipa ad un evento pubblico senza mascherina

Il tennista numero uno al mondo Novak Djokovic ha richiesto un’esenzione medica per giocare all’Australian Open senza vaccinazione perché ha contratto il Covid-19 lo scorso dicembre, e i suoi avvocati hanno depositato questo sabato davanti ai tribunali di quel paese, poche ore prima della sentenza del tuo caso.

“La data del primo test positivo per Covid PCR era il 16 dicembre 2021”, hanno menzionato i loro rappresentanti nel documento presentato alla Corte federale come strategia di difesa per annullare la cancellazione del visto per entrare nel paese. Nella nota depositata sabato, gli avvocati hanno anche chiesto il trasferimento del serbo dal Park Hotel di Melbourne, dove si trova da giovedì, in un’altra sede con strutture per gli allenamenti degli Australian Open, che inizieranno il 17 gennaio.

Ma al di fuori della strategia giudiziaria, c’è un fatto che complica di per sé la sua difesa. Il numero uno del mondo ha pubblicato sui suoi social le foto della sua partecipazione a un evento pubblico a Belgrado, senza mascherina, il giorno dopo il presunto test positivo, quando sulla sua immagine sono stati apposti dei timbri. L’evento è stato completato con premi e riconoscimenti per i giovani giocatori dei loro paesi.

Djokovic è in attesa di una decisione giudiziaria sul suo caso lunedì per poter entrare in Australia, dopo aver presentato ricorso contro la cancellazione del suo visto per non essere stato vaccinato contro il virus Corona. Conosciuto contro il vaccino, si è recato a Melbourne per giocare il suo primo torneo importante dell’anno dopo aver ricevuto una “esenzione medica” dalle autorità oceaniche.

READ  Massimo ordine e comandi, routine Gallardo di River

Tuttavia, quando è arrivato mercoledì nella città statale di Victoria, è stato arrestato dai funzionari dell’immigrazione all’aeroporto internazionale di Tullamarine a causa di un problema con il visto.

I suoi avvocati hanno riferito oggi che gli agenti dell’Australian Border Force (ABF) lo hanno scortato all’ufficio di una stazione aerea, dove il tennista è stato interrogato per 8 ore senza accesso al suo cellulare.

L’incidente si è trasformato in uno scandalo diplomatico quando il presidente serbo Aleksandar Vucic ha accusato le autorità australiane di “maltrattamenti” e “bracconaggio politico”.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha chiarito che Djokovic non ha fornito prove della sua vaccinazione completa o giustificazione per l’esenzione da essa. Ha avvertito: “Le regole sono le regole, specialmente quando si tratta dei nostri confini. Nessuno è al di sopra delle regole”.

Da giovedì gruppi di tifosi si sono dati appuntamento al Park Hotel di Melbourne per chiedere la liberazione del tennista. La struttura, che è stata utilizzata come centro di quarantena nell’ultimo anno, ospita anche i detenuti trasferiti dalle isole di Manus e Naur.

Manifestazioni si sono svolte anche a Belgrado, capitale della Serbia, organizzate dalla famiglia del tennista. Suo padre paragonò Srdjan Djokovic a Gesù Cristo e considerò Novak “crocifisso”.

Djokovic, 34 anni, è arrivato in Australia dopo aver annunciato che gli era stato concesso un permesso sanitario per giocare al World Open alla ricerca del suo decimo titolo e battendo il record di 20 titoli del Grande Slam che ora condivide con Roger Federer e Rafael Nadal.

In passato, il detentore del ranking ATP numero uno ha annunciato la sua opposizione al vaccino contro il coronavirus e si è ripetutamente rifiutato di confermare se fosse stato vaccinato come precauzione personale. L’Australian Open richiede che tutti i partecipanti siano vaccinati o ottengano un’esenzione da due gruppi di esperti indipendenti.

READ  Buffon può tornare al Parma - calcio