Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La straordinaria storia di un marinaio francese sopravvissuto per 16 ore intrappolato sotto la sua barca a vela capovolta

Una squadra di sommozzatori ha salvato vivo un navigatore francese che ha capovolto una barca a vela a Malpica, in Spagna (Video: Naval Rescue)

Navigatore francese Laurent Camproby Ha sopportato sedici ore nella sua barca a vela capovolta, a malapena “trenta o quaranta centimetri d’aria”. Fino a quando la squadra di soccorso navale spagnola non è riuscita a salvarlo, in una performance da quasi supereroe e solo le persone colpite hanno pensato a “sopravvivere”.

Lunedì scorso alle 20:00 La nave Jan Solo si capovolse 14 miglia a nord-ovest delle Isole Cesargasa Malpica (A Coruña, Spagna), con a bordo un equipaggio di 62 anni, la cui ubicazione è sconosciuta.

“L’incidente è avvenuto in quindici secondi, in quindici secondi stavo navigando e tutto ad un tratto, così – fa un gesto indicando che la barca si è capovolta…”Ha spiegato in un’intervista a EFE.

Immediatamente, questo esperto navigatore ha attivato il segnale di emergenza e Prima che facesse buio, per la prima volta si è sentito il suono dell’elicottero di soccorso della marina.

“Ho pensato: ‘Loro sanno che sono qui e mi salveranno. Il problema era che non potevo scendere dalla barca, che era piena d’acqua e aveva solo un piede o quaranta centimetri d’aria.riassunto.

“Risparmio sull’orlo dell’impossibile”. Così la guardia costiera spagnola ha descritto l’operazione per riportare in vita il navigatore francese Laurent Camproby, 62 anni.

Sono state ore di massimo dolore per entrambe le parti, in concerto con Salvamento Maritimo e con una vita in gioco.

La seconda volta (l’elicottero è passato) ho riprovato, ma non ci sono riuscito. Anche la terza volta. Poi ho capito che dovevo sopravvivere alla notte lì, ma c’erano così tante onde e così poco spazio per sopravvivere, ma dovevo sopravvivere per il bene della mia famiglia. E sapevo di avere dei bravi ragazzi – riferendosi ai soccorritori – che avrebbero fatto un ottimo lavoro”.ha completato.

READ  Stanno testando una macchina che genererà acqua e ossigeno per i futuri residenti lunari

All’inizio, le condizioni del mare non consentivano l’accesso ai subacquei, ma I tentativi non si fermarono fino a martedì mezzogiorno, sedici ore dopo, quando finalmente riuscirono a raggiungere la nave dal basso e trovarono, ancora in vita, l’unico membro del suo equipaggio.

Laurent Camproby è stato salvato "2 agosto alle 12:00"Alle 10:00 GMT segnala Salvamento Maritimo.  È stato evacuato illeso da un elicottero.
Laurent Camproby è stato salvato “il 2 agosto alle 12:00”, 10:00 GMT, ha osservato Salvamento Maritimo. È stato evacuato illeso da un elicottero.

“E la mattina, quando usciamo, ci abbracciamo come una famiglia. Il mio salvatore era felice quanto me. Non puoi ringraziarli abbastanza per il lavoro che fanno per salvare vite umane”.

È stato un “momento molto speciale” e Il suo salvatore le disse: “Temevo che non ce l’avrebbe fatta”. Egli rispose: “E non sono venuto per me”. Ed entrambi risero.

Nonostante la situazione tesa, Laurent Camproby lo conferma Non aveva paura Durante quella notte, anche l’ipotermia era pericolosa.

“Ho sempre avuto speranza. Sono molto positivo e mantengo sempre la calma. È stata dura perché si stava trattenendo, accovacciato, metà del suo corpo fuori dall’acqua in modo che non prendesse troppo freddo. Ho dovuto reagire . La mia paura era pensare che non sarebbero venuti a cercarmi. Quando sono arrivati ​​al mattino, sapevo che l’avrebbero presa. Hanno fatto un ottimo lavoro, semplicemente fantastico”.Ha confermato.

Il navigatore francese Laurent Camprubi (a destra), accompagnato dal capo del Finisterre Maritime Rescue, Manuel Quiban, in piedi davanti a una barca a vela capovolta ormeggiata nel porto di Oza, a La Coruña (EFE / Moncho Fuentes)
Il navigatore francese Laurent Camprubi (a destra), accompagnato dal capo del Finisterre Maritime Rescue, Manuel Quiban, in piedi davanti a una barca a vela capovolta ormeggiata nel porto di Oza, a La Coruña (EFE / Moncho Fuentes)

Durante una giornata di mercoledì, con la nave – ancora sottosopra – ormeggiata al molo di Oza a La Coruña, Laurent Camproby ha potuto ringraziare di persona il presidente del Finisterre Maritime Rescue, Manuel Quiban, per il suo lavoro nel porto stesso, e il team dell’Helimer 402 in un incontro emotivo ad Alvedro.

READ  Il regime iraniano vuole che gli Stati Uniti sblocchino miliardi di dollari per riprendere i negoziati sul nucleare

Con il ricordo dell’incidente ancora vivo, il navigatore chiarisce che proseguirà verso il lato mare, anche se procederà con maggiore cautela rispetto a prima.

“Certo, ma cambierò rotta, proteggerò la mia famiglia. Non proseguirò sulle traversate atlantiche e manterrò più la calma”.

Di Miguel Alvarez (EFE)

Continuare a leggere: