Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La storia di Jose Antonio Ponton, il combattente per l’indipendenza, raccolta nel libro di Gabriel Fandinho | libri | intrattenimento

Nel suo lavoro, Fandiño si rivolge a una delle figure che sono emerse come i leader di questo tipo di guerra, e questa storia non li riflette nelle loro vere dimensioni.

Quando sentiamo la parola indipendenza, la associamo alle grandi opere di liberazione del XIX secolo, vengono in mente immagini di Bolivar, Sucre, San Martín e altri nomi di importanti leader delle campagne militari, immaginiamo le grandi battaglie che hanno portato alla sconfitta dell’Impero spagnolo, uno dei più potenti di quegli anni, ma non possiamo immaginare gli eroi che non furono scritti in grassetto, o piccole battaglie combattute da irregolari o semplicemente commandos.

In questa intervista allo storico di Guayaquil Gabriel Fandinho Ci stiamo avvicinando ad alcune delle personalità emerse come leader di questo tipo di guerra, e questa storia non la rispecchia nelle sue vere dimensioni. Questo mercoledì, alle 11:00, Fandiño presenta nella sala dell’Ufficio del Sindaco di Alausi il suo libro Il colonnello José Antonio Ponton, capo della guerriglia in Indipendenza. Storia dei ribelli Alusi e combattenti Sucre nella campagna di liberazione di Quito (1821-1822).

1. José Antonio Ponton, il personaggio centrale del tuo libro, è uno di quei personaggi dimenticati. Che passi hai fatto per tirarlo fuori dall’oblio?

Mi sono imbattuto per caso nella sua storia, mentre stavo indagando sui documenti del maresciallo Sucre su un’altra figura un po’ dimenticata della nostra indipendenza come il colonnello Caetano Cestari. Mi ha colpito il tipo di contatto diretto che Ponton ha mantenuto con Sucre, obiettivo e franco, parlando di affari militari, incursioni o spionaggio durante la campagna ecuadoriana del 1821-1822. Così ho deciso di studiare più a fondo il suo personaggio.

Il libro include la storia di Jose Antonio Bunton e di altri combattenti resi invisibili dalla storia.

2. La guerriglia promossa da Bunton è un volto sconosciuto nelle guerre di indipendenza, soprattutto in Ecuador. Ma in paesi come Colombia, Perù, Venezuela e Messico, è stato studiato molto. Qual è la ragione di così poco studio di questo argomento nella storia ecuadoriana?

L’aspetto militare della campagna di liberazione di Quito nel 1821-1822 È sempre stato soggetto alla storia dei grandi eroi (Sucre, Bolivar, ecc.), alle informazioni fornite dai “Volantini delle campagne” o alla narrazione stilizzata delle grandi battaglie. Tuttavia, questi gruppi ribelli hanno lasciato il segno al di fuori di quei volantini e tra le battaglie. Negli ultimi anni, l’affascinante vita di questi combattenti, figure collocate ai margini della storia dell’indipendenza, ha iniziato ad attirare l’attenzione di un numero crescente di appassionati di storia militare.

3. Hai avuto difficoltà a cercare i file relativi al personaggio, c’erano abbastanza informazioni??

Per studiare José Antonio Ponton, e in generale sulla guerriglia nell’indipendenza dell’Ecuador, è necessario applicare la “Microstoria”, cioè modificare l’oggetto della ricerca dalla macro ai margini della storia. Non sono informazioni nei libri: occorre risalire agli archivi, raccogliere i dati sparsi nelle fonti originarie e da lì organizzarli. Ho dedicato gli ultimi dieci anni a questa ricerca, utilizzando documenti d’archivio provenienti da Venezuela, Colombia, Ecuador e Italia. Da 80 anni esiste in Venezuela, nell’archivio pubblico della nazione, un importante archivio documentario contenente informazioni rilevanti sull’indipendenza dell’Ecuador, sui combattenti e sullo stesso Ponton. Non so perché questa fonte di dati sia stata trascurata dalla nostra storiografia.

Disegno di Jose Antonio Bunton.

4. Pensi che questi combattenti abbiano giocato un ruolo importante nelle campagne di liberazione?

È stato significativo, e poi mi ha sorpreso quando ho voluto approfondire e scoprire che non c’era quasi nessun business nel paese che trattasse l’argomento in modo così ampio. Quindi ho fatto questa ricerca da solo, con un desiderio di imparare, ma alla fine ho sentito di avere una storia correlata che tutti gli ecuadoriani dovrebbero conoscere. Tra l’altro, come risultato delle mie ricerche, ho appreso che questi combattenti hanno sopportato il peso dei combattimenti nella Sierra mentre organizzavano l’Esercito di Liberazione sulla costa. Fornivano anche lo spionaggio necessario per le operazioni, e avevano il compito di accendere l’entusiasmo popolare nelle zone in cui viaggiavano le forze liberate.

I capi di queste bande (uno dei quali era Jose Antonio Ponton) erano esperti in tattiche di guerra non convenzionali: disinformazione militare, sabotaggio, guerra psicologica, spionaggio, ecc. In breve, dominano gli aspetti più interessanti dell’arte della guerra, aspetti in cui non vengono imposte tanto le armi ma l’astuzia, l’inganno e la strategia.

5. Quali caratteristiche avevano questi combattenti nelle nostre terre?

Nella geografia irregolare delle Ande, questi gruppi ribelli hanno trovato il luogo ideale per la guerriglia. Mentre i grandi eserciti avevano bisogno di campi di battaglia grandi e relativamente regolari per combattere, i combattenti si adattavano a qualsiasi incidente geografico (valli strette, montagne fitte, ecc.) Per cacciare in piccoli gruppi e attaccare di sorpresa i convogli reali. Intercetta le loro scorte e la posta. I più grandi guerriglieri (di Angamarca e Alusi) godevano dell’appoggio della gente comune, e acquisivano un’aura eroica che spingeva contadini, schiavi e persino sacerdoti ad unirsi a loro. Il prete guerrigliero, Manuel José de Ortiz di Cuenca, era il più importante reclutatore di combattenti per la guerriglia.

6. José Antonio Ponton si distingue nel tuo lavoro perché è rimasto attivo nella sua lotta contro le forze spagnole nonostante la sconfitta militare delle forze di Quito nel 1812. Come ha potuto questo soldato mantenere viva la resistenza per quasi 13 anni?

La partecipazione di Ponton alla guerriglia nella Rivoluzione di Quito e nelle battaglie di Quito fu entusiasta. La sua mano non ha tremato quando ha firmato le controverse condanne a morte per coloro che hanno tradito la rivoluzione. Dopo la sconfitta del 1812, condusse la sua guerra ribelle nella Foresta di Smeraldo, dove fu uno dei primi bianchi a ribellarsi agli schiavi neri e ad organizzarli in una guerriglia contro la Corona.

Ma quando i realisti ripresero il controllo di Odencia, Ponton fu catturato e processato. Davanti ai giudici, Alauseño dimostrò l’arte dell’occultamento e della persuasione, convincendoli che non era così pericoloso come lo dipingevano (pesa anche il fatto che fosse figlio di una ricca famiglia dinastica, una delle più in vista della Sierra pesantemente). In un cambiamento semi-romantico della sua situazione, riuscì a evitare la pena di morte, e attese pazientemente per anni, al buio, fino al 1820, quando la bandiera dell’indipendenza fu nuovamente sventolata a Guayaquil. A quel tempo, Ponton fu uno dei pochi combattenti della prima ora della Rivoluzione di Quito che tornò in servizio operativo, organizzando la più grande guerriglia a Ostrow nel 1821.

Illustrazione di Caetano Sestari.

7. Nel tuo libro, la guerriglia appare come parte della strategia militare di Sucre in queste terre, ma altri settori della società in quel momento non sono visibili, come la condizione delle donne e la loro partecipazione alle guerre. indipendenza. Hai scoperto qualcosa su quel post?

Questi combattenti in territorio ecuadoriano hanno scambiato lettere con Sucre, in cui si parlava di donne impegnate nello spionaggio. Queste spie entrarono in territorio nemico nella Sierra, forse travestite da mercanti, e tornarono alla base della Repubblica di Papahuyo, riportando dati sul numero di truppe, movimenti nemici, ecc. Purtroppo i loro nomi non sono menzionati in questi documenti, sicuramente per proteggere la loro identità e non essere compromessi nel caso in cui un nemico confiscasse la corrispondenza.

8. Quando pensi di pubblicare il tuo libro su Jose Antonio Ponton e Cayetano Sestari, che hai scritto con Franco Necker?

Entrambi i libri sono pronti al 100% per la pubblicazione. Pontón è sponsorizzato dall’Istituto Alausí per la ricerca storica, promosso dal suo direttore, Galo García Idrovo, e sarà lanciato nel novembre di quest’anno (Questo mese). Cestari sarà alla fine di questo o all’inizio del 2022, stiamo cercando sponsor. Sebbene siano libri fisicamente separati, sono in realtà un’unità nel loro contenuto e si completano a vicenda, quindi abbiamo pensato all’opzione futura di mostrarli al pubblico all’interno di una scatola contenitore. La pubblicazione di entrambe le opere prima del bicentenario della Battaglia di Pichincha è essenziale affinché possano entrare nel dibattito storico su questa importante celebrazione nel tempo. (IO)

READ  Pedalare in giro per il mondo in diretta con STAR +