Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La storia di come Rockstar ha progettato GTA 3 come trilogia e ha conquistato il mondo con esso

Lo ha annunciato GTA Trilogy, e vi starete chiedendo perché Rockstar Games abbia deciso di rilasciare insieme il token di questi tre capolavori. È completamente logico. Sebbene Grand Theft Auto 3 ci ricordi il leggendario gioco per PS2 del 2001, gli Housers hanno in realtà pianificato la terza parte della loro saga come una trilogia. Un omaggio alla sua passione per il cinema.

Contrariamente a quanto possiamo immaginare, e conoscendo il significato della serie, non tutti i giochi della saga di Grand Theft Auto sono stati un successo. Spin-off come Chinatown Wars o London 1969 hanno attraversato più dolore che gloria. Mod come il Game Boy Color erano più un aneddoto glamour che altro. Anche se probabilmente il più grande fallimento nella storia di questa saga è il fallimento della seconda parte, Grand Theft Auto 2, apparso alla fine del 1999, che non ha raggiunto gli obiettivi della sua ideologia, i fratelli Hauser a cui dedichiamo così tanto tanto. Un approfondito rapporto all’epoca con Sam Houser Profile svela alcuni suoi segreti e curiosità.

Dato il successo della prima parte del gioco, tutti i soggetti coinvolti hanno ritenuto che questo titolo sarebbe diventato facilmente uno dei giochi più venduti dell’anno. Dopotutto, era migliore dell’originale sotto ogni punto di vista. Ma in un momento storico in cui sono emersi titoli come Final Fantasy VIII, Silent Hill o Resident Evil 3, la triste verità è che GTA2, con la sua veduta aerea, Sembra obsoleto al confronto. Gli Housers avevano pianificato di trasformare Grand Theft Auto in un’icona che avrebbe rivoluzionato le fondamenta dell’industria dei videogiochi. Tuttavia, questa seconda parte era lontana dai risultati del suo prequel.

READ  La NASA indaga su un'enorme esplosione mai vista prima sul sole

E così ricominciò la famiglia di casa. Erano convinti dell’utilità di tutte le loro idee; Quella completa libertà nei loro giochi, così come quell’estetica un po’ canaglia, sarà in grado di catturare l’attenzione di milioni di giocatori. Anche se allo stesso tempo si sono resi conto che sarebbe stato necessario un restyling radicale per la serie. Aggiornalo all’era moderna in poche parole. Ciò che non è stato un problema: grazie al successo del primo Grand Theft Auto, lo studio DMA Design (futura Rockstar North), responsabile della programmazione dei primi due capitoli, ha completamente modernizzato il suo inventario tecnologico. Si erano appena uniti al dream team che Nintendo aveva messo insieme per sviluppare titoli di fascia alta per il catalogo Nintendo 64, quindi l’intero team era già esperto nello sviluppo di grafica 3D di fascia alta. C’era solo un ultimo scintilla di ispirazione. Ha trovato un membro della famiglia nella settima arte.

Iscriviti al canale YouTube di 3DJuegos TRAILERS

La chiave dei primi GTA era l’amore degli Hauser per la sottocultura urbanaLa chiave per lo sviluppo dei primi due di Grand Theft Auto è stato l’amore degli Houseers per la sottocultura urbana. Soprattutto la sua musica. Sam Houser era appassionato di pop, hip-hop e rap, e la loro più grande ambizione era quella di imitare un giorno l’etichetta Def Jam che ammirava. Houser, infatti, ha iniziato la sua carriera alla BMG Records, avendo cura di cercare di emulare il suo successo nello sviluppo di videogiochi. È stata questa sussidiaria di breve durata, BMG Interactive, a pubblicare il primo Grand Theft Auto. Da qui l’importanza della musica in tutte le fasi dell’epica. All’inizio, gli Houser volevano trasferire direttamente questa essenza in tre dimensioni senza altro, ma non hanno realizzato il suo enorme potenziale fino a quando non hanno visto i prototipi del gioco. Non solo quella città sembrava più vivace che mai, ma essendo in grado di muovere la telecamera a loro piacimento, hanno trasformato il motore di gioco in una sorta di Poligono di tiro virtuale. Gli Housers, appassionati anche di cinema, hanno deciso di trasformare il terzo capitolo di Grand Theft Auto in un vero e proprio film interattivo.

Secondo David Kushner, famoso per la sua biografia dedicata ai fondatori di Rockstar Games, i fratelli pianificarono Grand Theft Auto III come un Triplo dall’inizio. L’idea era quella di dedicare ogni titolo a ciascuna delle città partecipanti al concorso: Liberty City, Vice City e San Andreas. Una trilogia che mostrerebbe anche il loro amore per i loro generi cinematografici preferiti. Quindi, il primo titolo era, nelle parole dello stesso Sam Houser, “un tributo ai film di gangster”, come The Escape, Heat o persino la serie The Sopranos. E, naturalmente, per il mitico One of Ours, lo straordinario Martin Scorsese interpretato, tra gli altri, da Ray Liotta, Robert De Niro e Joe Pesci non va abbastanza bene. Un film che servirà da riferimento per la famiglia per plasmare il loro mondo e le loro personalità. Inoltre, Houser ha confermato alla stampa, mesi prima del suo debutto, che il gioco sarebbe stato un mix tra questo film e un gioco di ruolo come Zelda. L’ammirazione per One of Ours è evidente dal momento in cui Frank Vincent e Debbie Mazar sono tra i vari doppiatori del gioco, entrambi minori nel film.

La storia di come Rockstar ha progettato GTA 3 come trilogia e ha conquistato il mondo con esso

Il successo di Grand Theft Auto III, che ha superato anche le più rosee aspettative degli Housers, ha permesso immediatamente di lavorare su un sequel. Uno a cui hanno dedicato poco meno di un anno, dove possono sfruttare lo stesso motore grafico con quasi tutte le modifiche. Ancora una volta, il team si è ispirato a film memorabili ambientati a Miami, la città utilizzata come ispirazione in GTA Vice City. I riferimenti a film come The Price of Power o Trapped by Past, entrambi di Brian De Palma, sono chiari; Anche se non esiste un’opera ispirata a questo Grand Theft Auto quanto la serie Miami Vice, la mitica produzione degli anni ’80 con protagonista Don Johnson, la stessa opera che rese famosa all’epoca la Ferrari Testarossa. In effetti, i suoi sviluppatori affermano di aver guardato costantemente la serie durante la sua produzione e il suo co-protagonista, Philip Michael Thomas, è stato invitato a dare voce a uno dei suoi personaggi.

La storia di come Rockstar ha progettato GTA 3 come trilogia e ha conquistato il mondo con esso

L’amore di Vice City per il cinema era evidente in molti altri modi. Soprattutto in termini di cast vocale. GTAIII aveva già star come Michael Madsen, ma grazie al suo successo, e con un budget molto più grande, a Rockstar Games hanno buttato la casa fuori dalla finestra assumendo star del calibro di Ray Liotta, Dennis Hopper, William Fichtner, Burt Reynolds, Danny Trejo e anche l’attrice porno Jenna Jameson. La colonna sonora si è distinta anche per la qualità delle sue canzoni, che includevano brani leggendari degli anni ottanta di Iron Maiden, Michael Jackson, Twisted Sister o Motley Crue, raccolti in un totale di sette album pubblicati in Spagna.

Infine, nel 2004, è apparso Grand Theft Auto: San Andreas, l’ultimo di questi tributi alla settima arte, che venera il genere noto negli Stati Uniti come “hood movies”. In altre parole, film come Los Niños del Barrio o Juice, ambientati in quartieri ispanici e afroamericani di città come Los Angeles o San Francisco. Inoltre, il gioco è servito anche agli Housers per dimostrare la loro passione per il rap e l’hip-hop, affidandosi a diversi musicisti prestigiosi per svilupparlo. A Rockstar ci sono voluti due anni per completare il gioco, perché oltre all’occasionale ritocco grafico, il titolo aveva dozzine di nuove funzionalità e una delle mappe più grandi mai viste su una console. A proposito, Samuel L. Jackson ha doppiato uno dei suoi personaggi.

La storia di come Rockstar ha progettato GTA 3 come trilogia e ha conquistato il mondo con esso

Le tre grandi auto di questa trilogia hanno venduto più di cinquanta milioni di copieInsieme, i tre Grand Theft Auto che compongono questa trilogia sono andati esauriti Più di cinquanta milioni di copie tutto il mondo. Il successo è stato enorme, poiché Rockstar Games è balzata nell’Olimpo degli sviluppatori di videogiochi, da cui non è più decollata da allora. In confronto, il successivo gioco di Grand Theft Auto IV è molto più di quel che vale: tre lunghi anni in tutto, durante i quali lo studio si è dedicato a tentare la fortuna in innumerevoli generi. Da Cacce all’uomo, ambientato in film snuff, a un simulatore di ping pong completo. La passione per il cinema degli Housers è evidente in molti di questi giochi, così come nel sequel di GTA; Anche se, secondo me, non è mai stato così semplice. Il nome Grand Theft Auto III probabilmente viene in mente come gioco singolo, ma in realtà, come abbiamo visto, è sempre stata una trilogia completa. Uno era un omaggio speciale delle famiglie alle meraviglie della settima arte.

lettura:

  • Tutte le tue basi ci appartengono: come cinquant’anni di videogiochi hanno conquistato la cultura pop.
  • Certo, tutti i fan di Rockstar hanno già Jacked, di David Kushner, quindi mi permetterò di essere un po’ più creativo. Questo meraviglioso libro di Harold Goldberg racconta una serie di storie del settore, ma dedica alcuni capitoli a Rockstar Games e agli Housers. In effetti, è uno dei pochi giornalisti che è riuscito a intervistare Sam Houser, che è sempre titubante sulla stampa, quindi è un eccellente ritratto di questo sviluppatore.
  • Acquista il libro.

Altri articoli da Giochi e divertimento

  • Far Cry, l’open world di Crytek e Ubisoft che ha dato vita a un’architettura completamente diversa
  • Quando Blizzard ha cercato di sconfiggere se stessa: la cancellazione di Titan e Project Overwatch
  • Project Habitat: An Open World di Lucas Arts potrebbe cambiare la storia dei videogiochi