Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La storia della droga del padre del bambino che ha investito e ucciso Facundo

Rumore, molto, molto

Si è già scoperto che Ramiro Gutiérrez non era nemmeno elencato come monotributista, ma ha comprato un camion BMW X1 per 10 milioni di pesos, che era quello con cui ha investito e ucciso Facundo e poi è scappato e ha nascosto l’auto fino a poche ore prima di arrendersi , tre giorni dopo.

Alla sessione hanno offerto 5 club per la loro libertà come se niente fosse, quindi avevo bisogno di un caffè perché niente era chiuso.

C’era un famoso avvocato che avevo appena conosciuto in un bistrot cipoleano dove gli raccontai l’accaduto. Come in ogni piccola città, lo sapevo già.

“Ho sentito delle piste offerte. Guarda, non sono stati offerti molti soldi all’udienza (a Cipolletti). ” La conversazione continuò attraverso i rami e poi io continuai a parlare.

Come tutti sanno, un’informazione tira l’altra. Ho continuato a cercare, ma ora mi interessava sapere chi fosse Don Gutierrez, l’uomo dai milioni.

Ho deciso di contattare alcune fonti molto affidabili e una di loro ha risposto alle mie preoccupazioni. In un caldo giovedì di siesta, quando le formiche non osavano arrampicarsi sull’asfalto e il temporale in arrivo non sembrava reale, ci sedevamo sul ciglio di una strada sperduta a Cipoliti e chiacchieravamo come punti di collegamento.

Zingara che non è

Infine, è apparso sulla scena il nome del padre: Felipe Ricardo Gutierrez, attualmente ha 60 o 61 anni. “Lui è il Cile. È entrato nel commercio di auto d’importazione negli anni ’90 ed è per questo che hanno iniziato a chiamarlo Roma, ma era conosciuto per tutta la vita come Negro Gutiérrez”, mi ha rivelato la mia fonte, che mi ha avvertito: “Stai attento, questa persona ha contatti diretti con i politici” E ho scoperto che non era una bugia. Ma come sai, nessuno è più disposto a superare uno scandalo di un politico.

READ  Doppio record in Russia: 986 decessi per Covid-19 e 31.000 nuovi contagi registrati

Il fatto è che Negro Gutiérrez è caduto a metà dell’ultimo decennio nell’ambito di un’indagine in cui sono intervenute Buenos Aires e le autorità federali.

Il ministro della sicurezza all’epoca era Patricia “La Pepa” Bullrich, che aveva un team di comunicazione che vendeva colpi di stato di successo sotto nomi di film. Hanno chiamato il caso “Fast and the Furious”.

Cosa ha fatto l’organizzazione? Come previsto dal governo nazionale e dalle sue forze di sicurezza, hanno rubato auto a Buenos Aires e le hanno portate al sud per venderle a due agenzie che aveva Negro Gutierrez, una a Viedma e l’altra a Cipolite. Anche la cartoleria ha formato la band.

Il cileno è stato inseguito e quando è stato emesso l’ordine per l’operazione è stato arrestato. Dov’era? In una suite d’albergo di lusso con due prostitute. C’erano alcol e droghe.

Dalla fascia, Shelley è finito a Devoto dove è stato poi legato a un secondo caso che ha avuto strani connotati.

Immagine WhatsApp 2021-12-24 alle 9.48.44. jpg

La BMW bianca è di proprietà di Gutierrez.

Fast and Furious II

Le seconde parti non sono mai buone, ma questa parte aveva elementi interessanti, anche se nel modo in cui si sbriciola come un sacchetto di cartone sotto la pioggia.

Prima di tutto, chiariamo qualcosa di base. Il nome del caso è molto accattivante, ma in realtà chiunque ruba un’auto di lusso è un ladro esperto che sa che se infrange il codice della strada, come ad esempio l’alta velocità, finirà molto tardi e molto complicato. Pertanto, è meglio guidare con calma, d’ora in poi in modo che il proprietario si renda conto che l’auto sarà nell’officina dove verranno apportate modifiche al telaio.

In definitiva, il caso Fast and Furious II si è concluso nel 2017 e per ordine del Giudice Federale di Morón, Nestor Baral, sono state effettuate una serie di perquisizioni sia nel carcere di Devoto, che in Cile, Bahía Blanca e anche in generale Roca dove è caduto un regista con suo figlio per essere, presumibilmente, parte della suddetta organizzazione criminale.

READ  L'avvertimento lanciato dalla Russia per l'ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato

Nella foto dell’operazione, è apparso il ministro della sicurezza provinciale, Christian Ritondo, e l’auto bianca di fascia alta vista nella foto è un Chile Gutierrez, BMW, lo stesso tipo di camion che stava usando Ramiro Gutierrez al momento della degrado e uccisione di Facundo. Raddoppiare la famiglia significa il marchio.

Alla fine, la giustizia ha fatto trapelare un’intercettazione dal carcere di Devoto in cui sostenevano che il cileno Gutierrez fosse il capo della banda.

Come lavoravano i ragazzi dietro le sbarre? Attraverso i cellulari, in molte perquisizioni, hanno già dirottato fino a tre cellulari, cosa normale in tutte le carceri del Paese.

Quello che hanno attribuito al cileno Gutierrez era di essere il teorico ideologico del contrabbando di cocaina nel sud del paese. Principalmente Bahía Blanca, Alto Valle de Río Negro, Neuquén e da lì hanno continuato la loro strada verso il Cile.

Nelle conversazioni scoprono contatti che portavano droga, la gang cilena non rubava più auto di lusso, ma le comprava direttamente a Buenos Aires, le spalmava di cocaina e da lì le mandava nella regione.

Quando sono arrivate le auto, le hanno ripulite e messe in vendita all’incirca allo stesso prezzo di acquisto. La differenza stava accadendo con la droga, le auto erano lo schermo”, ha descritto all’epoca un membro dell’indagine federale.

Immagine WhatsApp 2021-12-24 alle 9.48.49. jpg

“Lui è mia madre”

La figlia di Gutierrez, che ha lavorato nella giustizia, è un avvocato e secondo lei anche giornalista, quando ha fatto coming out ha rilasciato un’intervista dicendo: “Mio padre è il prezzemolo del caso”.

Si dà il caso che in una cella cilena rubassero un sacco di carte e all’epoca sui media era di moda parlare di “libri di tangenti”. Sono questi i taccuini che Oscar Centeno, l’autista di Roberto Barata, braccio destro dell’ex ministro Julio de Vido, ha tenuto per anni un registro dettagliato del percorso delle valigie contenenti denaro presumibilmente proveniente da tangenti da lui pagate su modello Kirchner . aziende.

READ  Coronavirus: le previsioni di Bill Gates: quando e come tornerà alla normalità

Ebbene, i taccuini cileni di Gutierrez sembravano più i pezzi di carta che Mengito Tinguetella aveva tirato fuori dalle tasche della Polímeca en el Bar, pieni di numeri e un nome strano.

La figlia di Gutierrez, disperata nel vedere il padre arrestato, ha sparato la bomba: “Mio padre, mia madre, mia madre. Qualcuno mi spiega come ha scritto tutto”. Nessuno ha mai risposto alla sua dichiarazione né per confermare né per ignorare.

Il caso ha continuato il suo viaggio e un noto vecchio avvocato di Gutierrez lo ha visto di nuovo, questa volta nel carcere di Devoto e ha esaminato lo stato del caso.

Ad oggi, il cileno Gutierrez vive nella casa di Roca, ma il suo status legale è sconosciuto. Alcuni dicono che a causa dell’età ed essendo una persona vulnerabile al Covid, lo abbiano mandato a casa e dopo aver pagato la cauzione di un milionario, altri, più vicini a Gutiérrez, affermano di averlo rilasciato per mancanza di prove.

I nobili, nonostante la loro minuziosa ricerca, sono vincolati dal fatto che non sia stato trovato alcun documento che provi l’uno o l’altro, e sta di fatto che si trova nella sua casa in Rocca e non si sa in quale posizione.