Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La spesa al supermercato in dieci minuti

Perché andare al supermercato all’angolo per trovare le quattro cose mancanti per cena se adesso corridore Portarti a fare shopping in soli dieci minuti?

Questo è un nuovo sviluppo da Collegamento Consegne ad alta velocità di prodotti da supermercato. Una startup che si sta facendo strada in Spagna. Negli ultimi due mesi, tre Startup Hanno fatto irruzione nel mercato: Blok, Dija e Gorillas, che si sono aggiunti al servizio già lanciato da Glovo a fine 2020. Così si sono posti il ​​consumatore: “Non sforzarti, andiamo!”. “Aiuta a sostenere il pianeta: compra solo il cibo che sai per certo che consumerai, con l’acquisto settimanale, sprechi sempre cibo”.

Le aziende stabiliranno una rete di magazzini fantasma in posizioni strategiche nelle città

Contrariamente al solito, questa tendenza è più europea che americana. La piattaforma turca Getir ha introdotto il servizio nel 2015 per migliorare le operazioni di Gopuff, azienda americana nata nel 2013 che consegnava gli ordini in 30 minuti. “A causa della densità della popolazione, è più facile implementare questo servizio in Europa che negli Stati Uniti”, afferma Hunab Moreno, fondatore della piattaforma di Barcellona Blok ed ex capo delle operazioni di Deliveroo in Spagna. Al momento, l’azienda opera a Barcellona e Madrid e prevede di crescere in altre città, raggiungendo quest’anno un fatturato di 25 milioni.

La chiave per una consegna quasi immediata è “tessere una rete di magazzini – negozi oscuri O supermercati fantasma – in posizioni strategiche della città”, afferma Magdalena Szoskewicz, direttrice in Spagna della piattaforma Gorilla di Berlino, che questa settimana è sbarcata con due magazzini a Madrid e un forte piano di espansione. Quest’anno prevede di aprire più di 50 negozi in decine di città spagnole, tra cui Barcellona, ​​dove arriverà il 1 luglio. Infatti, Gorillas è l’applicazione attuale: in meno di un anno è diventata Rinoceronte (vale 1 miliardo) ed è già presente in Germania, Regno Unito, Italia, Paesi Bassi, Francia e ora in Spagna. “L’ordine è pronto in due minuti e consegnato in otto”. Sottolinea che la chiave è identificare i punti chiave della città con buoni collegamenti e alta densità di popolazione. Moreno, che attualmente ne ha tre negozi oscuri A Barcellona e quattro a Madrid, ammette: “Non hai davvero bisogno di tanti negozi come sembra: con sei supermercati a Barcellona e dieci o quindici a Madrid, copriamo la domanda della città”.

READ  Calviño è alla ricerca di uno studio legale VIP con esperienza in finanziamenti europei per l'implementazione del 5G

Modello ‘piloti’ e bici elettriche

Le nuove piattaforme che portano Super Buy in dieci minuti hanno scelto di integrare i corridori nella loro squadra. È un cambiamento di paradigma rispetto alle grandi app di consegna a domicilio – Glovo, Deliveroo e Uber Eats – che stanno ancora lavorando con i lavoratori autonomi mentre testano i modelli di outsourcing della posta per adattarsi alla legge sui passeggeri, che entrerà in vigore il 12 agosto. “Vogliamo separarci dalla gig economy e assicurarci di non farla franca con la legge. Abbiamo il controllo sul team e la loro soddisfazione è maggiore”, assicurano le aziende intervistate. Le app affermano anche di evitare l’outsourcing e di fornire materiali di consegna per i lavoratori. Nel caso di Blok e Gorillas, i corrieri possiedono una bici elettrica. Nel caso di Deja, viaggiano in moto. Attualmente Block impiega circa 40 persone, tra Barcellona e Madrid; Gorillas impiega circa 70 persone – 20 in due magazzini a Madrid e 50 negli uffici centrali – e Deja impiega 100 persone in sei centri della capitale spagnola. Tuttavia, questi numeri aumentano ogni giorno. Ad esempio, se Gorillas soddisfa le sue previsioni, avrà più di 500 dipendenti entro la fine del 2021.

Tutte le piattaforme, tra cui Barcelona di Glovo e British Dija, che attualmente hanno solo sei magazzini a Madrid, si basano sull’affitto di spazi a livello stradale. “A Blok, guardiamo ai supermercati dei vecchi quartieri e li adattiamo. È di circa 250 o 300 m2”, sottolinea. Glovo, da parte sua, possiede dieci piccoli magazzini in Spagna (non solo ordinando supermercati) e ha chiuso un’alleanza con il fondo immobiliare Stoneweg per investire cento milioni in negozi oscuri .

READ  Escrivá: “Dobbiamo aumentare l'età pensionabile effettiva per neutralizzare l'aumento dell'aspettativa di vita” | Economia

In termini di presentazione, il catalogo prodotti per le quattro piattaforme si basa su cibi secchi, bevande, prodotti per la casa e frutta e verdura fresca. Glovo, Dija e Gorillas offrono carne (non ancora in blocco) e pesce surgelato. A Barcellona, ​​Glovo ha anche pesce fresco. Complessivamente, le applicazioni hanno tra 2.000 e 3.000 referenze (mezzo ipermercato).


Leggi anche

Bergiorgio M Sandri

“In definitiva, stiamo sostituendo o integrando il tradizionale supermercato di quartiere. Rispondiamo agli acquisti dell’ultimo minuto. Non competiamo con la distribuzione dei grandi acquisti settimanali”, spiega Moreno. “Inoltre, vogliamo stringere alleanze con le imprese locali , offrendo prodotti artigianali, e per diventare un altro prossimo”.

L’ideale, dicono, è che i clienti facciano acquisti frequenti due o tre volte a settimana per un importo di 20-30 euro. Dicono che i prezzi dei prodotti non siano più alti dei prezzi del supermercato tradizionale perché queste aziende sono riuscite ad adeguare i costi. Moreno sottolinea che il personale di sportello è principalmente fornito, anche se deve sostenere anche il costo della distribuzione. Alla fine, le spese sono distribuite in modo diverso. Ma Moreno si rende anche conto che “è vero che ora siamo nella fase iniziale e stiamo lavorando con margini inferiori per attirare clienti a prezzi adeguati”. (Di solito, i margini dei supermercati sono del 30% -40%.)

Con questo approccio, la strategia di queste aziende si basa sul persuadere prima il pubblico Millennio -30 anni e mm E-Commerce – E poi, per il resto della popolazione. Ma il consumatore ha davvero bisogno di un acquisto per evitare di andare al supermercato all’angolo? Moreno non ha dubbi. “Ci stiamo dirigendo verso un mondo in cui il cliente dedichi il suo tempo solo alle attività che ama davvero. Continuerà a comprare il pesce al mercato il sabato mattina, ma non andrà al supermercato a cercare lo yogurt il lunedì pomeriggio. “

READ  Le compagnie elettriche aumenteranno i prezzi se non li preveniamo.