Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna rimane la destinazione preferita in Europa

Il calo senza precedenti della domanda turistica in Spagna dall’inizio della pandemia ha lasciato una domanda aperta: ci sarà un prima e un dopo il COVID per l’industria dei viaggi?

La Spagna è salita nel 2019 come seconda potenza turistica mondiale, con un record storico di 80 milioni di visitatori stranieri che registrano un fatturato senza precedenti, ma anche problemi di saturazione e disagi nelle destinazioni più ambite. Il modello di business del turismo incentrato sulla quantità era già in discussione prima della crisi sanitaria e le nuove abitudini emerse dopo l’epidemia di coronavirus – più natura, meno affollamento – hanno costretto questo processo ad accelerare, come l’ultimo rapporto sull’impatto della pandemia sul turismo a cura della società di consulenza Spatial Notes Foresight for the European Commission.

Il turismo naturale attira non solo il sole e la spiaggia, ma guadagna anche posizioni tra i cittadini dell’Unione Europea

Questo pone la Spagna in una buona posizione per il nuovo turismo a venire se accompagnato da un cambiamento nel modello di business e una migliore offerta di destinazioni più mature. Nonostante la crisi sanitaria, il Paese resta la meta turistica preferita dagli europei. Più del 9% dei cittadini dell’UE vorrebbe recarsi in Spagna durante la prossima vacanza, una percentuale più alta rispetto ad altri paesi concorrenti come Italia, Francia o Grecia
Vedere il disegno allegato. Inoltre, è, insieme allo stato galiziano, la destinazione più diversificata per le offerte turistiche. I geometri apprezzano non solo il sole e la spiaggia in Spagna, ma anche le regioni montuose, le destinazioni urbane e interne e le isole.

READ  La spesa sanitaria dovuta all'invecchiamento della popolazione aumenterà del 18% fino al 2035 | Economie

“I dati suggeriscono che non ci saranno danni strutturali al settore turistico e, sebbene la sua ripresa sia più lenta del previsto, sarà di nuovo un importante contributo per l’economia spagnola”, spiega Maria Romero, economista di Afi.

Hanno sottolineato che “il viaggio è diventato una necessità, un modo per fuggire di fronte alla crisi”.

Il gruppo di esperti che lavora all’Organizzazione mondiale del turismo è diviso tra due ipotesi per il futuro. Il primo si basa sulla teoria dello shock. Di conseguenza, le persone presumeranno che viaggiare sia pericoloso e sceglieranno di non spostarsi lontano. Inoltre, i costi di trasporto e alloggio diventeranno più elevati a causa della concentrazione degli affari e della riduzione dell’offerta. In questo scenario, viaggiare all’estero diventerà un’attività per avventurosi o per ricchi.

La seconda premessa è che il pendolo. Dopo un periodo di contenimento, ci sarà un’esplosione di turismo e spettacolo. È quest’ultimo che viene difeso dagli uomini d’affari nel campo dell’ospitalità. E hanno dato l’esempio quest’estate, con una domanda interna mai vista prima. “Il viaggio è diventato una necessità vitale e una via di fuga dopo mesi di pandemia”, concordano tutti i consultati. Ora bisogna scoprire se sono arrivati ​​anche visitatori dall’estero.