Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna non sta esaurendo i fondi europei abbastanza rapidamente per garantire il suo impatto sull’economia reale

La Francia ha guidato l’implementazione dei fondi nel 2021, con una spesa pari allo 0,5% del prodotto interno lordo (PIL), mentre la Spagna si è attestata appena allo 0,2%, secondo i dati della Commissione Europea raccolti nel terzo rapporto di follow-up di Next. scatole di generazione in Spagna, Preparato da CEOE European Projects Office.

Rispetto alla relazione precedente, la Spagna ha aumentato il tasso di pubblicazione di inviti e gare. È necessario accelerare l’attuazione dei fondi a Garantire il suo impatto sull’economia reale.

Il 10% degli appalti pubblici è stato abbandonato a causa dell’impatto dell’inflazione e dei problemi di approvvigionamento sull’attuazione dei fondi europei, come rilevato anche dall’Autorità indipendente per la responsabilità finanziaria (compagnia aerea).

La mancanza di informazioni aggregate sul livello di erogazione dei fondi rimane un problema in sospeso nel settore pubblico.

Questa entità ritiene necessario chiarire la richiesta di 70.000 milioni di prestiti da fondi di risanamento europei che la Spagna attuerà nel secondo semestre come piano paese e non solo dal governo, comprese le parti sociali e le comunità autonome.

Il 10% degli appalti pubblici è stato abbandonato a causa dell’impatto dell’inflazione e dei problemi di approvvigionamento nell’attuazione dei fondi europei

“Dal CEOE, siamo in stretto dialogo con la Commissione Europea e il governo in questo settore in modo da poter incorporare alcuni miglioramenti. In questo senso, ci sembra necessario coinvolgere sia le parti sociali che le regioni autonome nell’individuazione delle riforme e investimenti che saranno inseriti nell’allegato al piano (di Recupero)”, precisano.

“La limitata partecipazione delle parti sociali alla sua definizione deve essere corretta”, aggiungono.

Ciò si è riflesso nel relativo rapporto presentato la scorsa settimana alla riunione Membri del consiglio di amministrazione dell’amministratore delegato

Il rapporto passa in rassegna la situazione in cui la distribuzione dei fondi del piano di risanamento e trasformazione risulta resiliente e include proposte di miglioramento dal punto di vista aziendale.

Il testo sottolinea che la Spagna è in testa alla ricezione dei fondi già trasferiti dall’Unione Europea, in quanto è il primo Paese a richiedere la seconda rata di 12.000 milioni di euro, in linea con il raggiungimento di traguardi e obiettivi nel dicembre 2021.

READ  Chiavi per studiare la visita medica

“Speriamo e confidiamo che il Consiglio europeo ratifichi la decisione nelle prossime settimane, e quindi questi 12mila milioni di euro arriveranno presto nel nostro Paese”, si legge nel rapporto.

Tuttavia, l’amministratore delegato ci ricorda che è necessario far corrispondere questa velocità nella ricezione dei fondi da parte della Spagna con lo stesso ritmo dell’arrivo dei fondi nell’economia reale.

Nadia Calvino, Primo Vice Presidente del Consiglio e Ministro dell’Economia, con Antonio Garamendi, CEOE.

Devi aumentare la velocità

“Vediamo un’accelerazione nella pubblicazione di offerte e nelle chiamate, ma abbiamo ancora spazio per aumentare tale tariffa, soprattutto in alcune aree, come PERTE [Proyectos Estratégicos para la Recuperación y Transformación Económica]’, si legge nel documento.

Per aggiungere che “occorre puntare sulla flessibilità degli investimenti per le seguenti spese.

Secondo i dati della Commissione Europea raccolti dal documento, nel 2021 la Francia era in testa con l’Ungheria nell’attuazione dei fondi, con una spesa pari allo 0,5% del suo PIL, mentre la Spagna ammontava solo allo 0,2%, così come Estonia, Repubblica Ceca, Germania , Svezia e Grecia.

A ridosso della coda ci sono Cipro, Austria, Romania, Italia e Belgio con lo 0,1%, mentre Portogallo, Bulgaria e Danimarca sono in fondo alla classifica. Estonia, Irlanda o Croazia, dove la spesa è stata molto bassa.

“È necessario concentrarsi sulla resilienza degli investimenti a fronte di pagamenti successivi”, afferma CEOE

Il rapporto sottolinea inoltre che gli sforzi congiunti delle imprese e del settore pubblico sono una componente fondamentale dei fondi europei.

Così, riconoscendo gli sforzi “importantissimi” delle pubbliche amministrazioni, coordinate dal governo, per massimizzare l’influenza dei fondi europei, sottolinea che anche le imprese “si stanno adoperando per mettere a punto i loro progetti, in particolare perché siano adeguati nel vari bandi di sovvenzione e gare per appalti pubblici”.

effetto trasformativo

Un’altra conclusione di questo terzo rapporto sui fondi di ripresa europei è la necessità di garantire il loro effetto trasformativo, in modo che abbiano un notevole impulso per la Spagna in termini di occupazione e crescita economica e che i bandi e le gare d’appalto non diventino “su un nuovo piano”.

READ  Taiana indaga sulle esercitazioni militari pianificate nell'amministrazione Makri

Per quanto riguarda la I principali problemi di accesso ai fondi per le aziendequelli rilevati in precedenza vengono conservati.

Pertanto, l’eccessiva frammentazione dei bandi e un approccio innovativo limitato alla sua progettazione rimangono importanti aree di miglioramento.

Il documento sottolinea inoltre che la mancanza di informazioni aggregate sul livello di erogazione dei fondi “rimane un problema in sospeso nel settore pubblico”.

Sottolinea che “è necessario approfondire le informazioni relative a bandi, gare e erogazione di fondi, soprattutto sapendo quanti fondi hanno raggiunto l’economia reale in modo dettagliato e aggiornato”, riferendosi anche al miglioramento che le società devono apportare enti locali e indipendenti in questa regione.

Van der Leyen e Pedro Sanchez
La Presidente della Commissione Europea, la tedesca Ursula van der Leyen, con il Primo Ministro spagnolo Pedro Sánchez. Il nostro Paese è stato il primo a ricevere fondi europei, ma non è il più veloce ad implementarlo.

Raccomandazioni per migliorare l’esecuzione dei fondi

Il “Terzo rapporto di monitoraggio del denaro di nuova generazione in Spagna” include anche un’analisi individuale del PERTE approvato dal governo e del motore di digitalizzazione, una visione comparativa con altri paesi e una sintesi di raccomandazioni e suggerimenti per il miglioramento.

Per quanto riguarda le raccomandazioni, l’Associazione dei datori di lavoro rileva, tra l’altro, la maggiore attuazione dei fondi europei:

1.- Riduzioni fiscali e maggiori incentivi fiscali

queste Aumentano i tagli alle tasse e gli incentivi fiscali Così come altri paesi europei, come Francia, Italia, Portogallo, Svezia, Austria o Danimarca.

2. Identificazione dei principali progetti strategici

Un’altra questione sollevata nel documento citato è l’integrazione della prospettiva per il Progetto Trattori Regionali con le procedure riviste loro realtà sociale ed economica.

Pertanto, si afferma di rafforzare i principali settori e capacità dell’autonomia strategica della Spagna, in settori come l’energia, i trasporti, la salute, l’automobile o il tessile, tra gli altri settori strategici, nonché le aree individuate dalla Commissione europea nei progetti importanti di comune interesse europeo (IPCEIS).

Allo stesso tempo, CEOE insiste per l’apertura del regio decreto legge 38/2020.

3. – Garantire che le riforme intraprese siano in linea con quanto richiesto dall’Europa

L’Associazione Imprenditoriale si propone inoltre di garantire che le riforme concordate siano valide nel tempo e si limitino alle tappe stabilite dall’Unione Europea. In questo senso, si insiste affinché il nostro Paese possa attuare riforme strutturali per risolvere le sue carenze storiche.

READ  La guerra in Ucraina: la cultura sotto le bombe

4.- Le PMI ei lavoratori autonomi hanno accesso ai fondi europei

Un’altra raccomandazione della Business Association riguarda il facilitare l’accesso ai fondi europei per le PMI e i lavoratori autonomi e vedere una buona risposta al cosiddetto Digital Kit.

È stato insistito sul fatto che le chiamate riservate, con poco tempo, scoraggiano questi gruppi professionali dal presentarsi a loro.

Occorre fare inviti più ampi, con un cofinanziamento significativo da parte del settore pubblico e l’accesso remoto e senza burocrazia in modo che le PMI ei lavoratori autonomi possano accedervi.

5. – Coinvolgere più efficacemente il settore finanziario

Una maggiore partecipazione del settore finanziario all’attuazione dei fondi contribuirebbe ad accelerarne l’attuazione, in particolare nei confronti delle piccole e medie imprese e dei lavoratori autonomi, indipendentemente dal settore di attività.

Al riguardo, si è insistito sul fatto che la partecipazione di enti finanziari al gruppo digitale assume un importante incentivo affinché tale aiuto, incentrato sulla digitalizzazione di questo gruppo, raggiunga il suo destinatario.

6.- Approfondimento delle informazioni sull’esecuzione dei fondi

La stessa Business Association raccomanda di condensare le informazioni contenute nella richiesta di questi fondi europei ei tempi per la loro attuazione.

È importante che questi processi siano forniti in modo trasparente in modo che si possa vedere che questi fondi raggiungono effettivamente l’economia reale.

L’AD raccomanda che il principale portale web abilitato al governo contenga la raccolta di bandi e bandi per l’intero settore pubblico, non solo il riferimento alla pubblica amministrazione dello Stato.

Viene inoltre indicato che è necessario accertare con certezza quale denaro europeo abbia raggiunto l’economia reale.

Per questo è necessario che lo strumento messo a punto dal Ministero delle Finanze sia operativo al 100%.

Questa notizia riguarda:

Notizie correlate: