Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna implementerà l’uso di un certificato Covid per entrare nei bar?

dalle comunità, Isole Canarie e GaliziaRichiedere già un programma di vaccinazione completo o un test negativo per poter entrare in strutture ricettive in comuni o regioni ad alto tasso di infezione, un’alternativa che è stata adottata anche da alcuni paesi europei come Danimarca, Italia e Francia e da settembre , il Regno Unito. Il Ministero della Salute e le comunità locali si ritroveranno questo pomeriggio con Differenze di opinione sull’utilizzo del certificato Covid Per arrivare all’interno di alcune istituzioni e aprire una discussione sull’ordinazione di più vaccini in un momento in cui la Spagna sta guidando la campagna globale.

Ma mentre questa è stata una realtà nelle Isole Canarie e in Galizia, altri la rifiutano apertamente: questa misura È stato escluso dal governo catalano Per evitare di “fare del male” a chi non ha ancora ricevuto il vaccino.

“Per ora, questa non è una realtà”, ha detto la portavoce del governo Patricia Blaga, e non ha escluso che la Generalitat prenderà in considerazione l’implementazione in futuro perché “le questioni relative alla pandemia sono molto variabili e volatili”.

Allo stesso modo, il presidente della Generalitat Valenciana Ximo Puig, Non vede “in tempo” o “corretto” Che la possibilità di richiedere un certificato venga applicata fino a quando non sarà data la possibilità di vaccinazione a tutti i residenti.

“Va visto dal punto di vista dell’equità e dell’uguaglianza tra le persone”, ha detto Puig, aggiungendo che è una domanda che dovrebbe essere analizzata in modo “calmo e calmo” e vedendo “tutti i punti di forza e di debolezza di questo”. scegliere “

un’altra comunità Non pensare che sia MadridChe non prevede “per il momento” di richiedere alcun documento in alberghi o luoghi di spettacolo, ma ha invitato il ministero della Salute ad “attuare compiti di coordinamento una tantum” per attuarlo.

READ  I datori di lavoro della banca avvertono che c'è spazio per ulteriori licenziamenti Economie

In questo La stessa linea è stata manifestata da Castilla-La ManchaLa sua portavoce, Blanca Fernandez, ha sottolineato che questa misura deve essere adottata nel quadro nazionale, perché “se così non fosse, faremo impazzire cittadini e turisti”.

Il ministro della Salute, Carolina Daria, ha già chiesto la possibilità di utilizzare a tal fine il certificato digitale UE, sottolineando la natura europea di questo documento e che Il suo obiettivo è facilitare il movimento tra i paesi, assicurandosi che il suo utente sia stato vaccinato, abbia superato la malattia o abbia avuto un test diagnostico negativo.

Il ministro della Salute afferma che il certificato verde digitale è destinato esclusivamente a migliorare i viaggi internazionali.

Daria ha sottolineato che La regolamentazione legale è necessaria Per consentire l’uso suggerito dalla Galizia di questo documento, fonti sanitarie di Efe spiegano che il certificato digitale europeo è attualmente accreditato solo per facilitare la circolazione tra i paesi ed è necessario vedere da un punto di vista legale come farlo. Dà altri usi.

Il nuovo incontro interregionale, mercoledì pomeriggio, arriva anche in un momento in cui la Spagna è in testa alla classifica mondiale per la vaccinazione contro il Covid-19, anche se molte comunità chiedono più dosi per diversi giorni, e quindi sarà spostata anche in Conferenza dei Presidenti.

Esattamente oggi Il New York Times Loda la strategia di vaccinazione in Spagna, ricordando che sebbene sia iniziata lentamente e con problemi nella fornitura di vaccini, in questo momento diventa chiaro che il fatto che le seconde dosi non siano state posticipate ha avuto successo, poiché oltre il 50% dei popolazione vaccinata, in particolare il 53,3%, ha già ricevuto il regime completo e almeno il 65,2% ha ricevuto la prima dose, che è fondamentale in questo momento di insorgenza della variante delta.

READ  I sindacati chiedono all'esecutivo di "non soccombere al ricatto" delle aziende nucleari