Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna, il Paese europeo dove la bolletta del gas è scesa di più nel primo semestre

La Spagna era un paese Unione europea in quale prezzi delle bollette gas naturale dei consumatori al dettaglio (famiglie) Nella prima metà del 2022 rispetto alla seconda metà del 2021, secondo i dati pubblicati da Eurostat Questo lunedì.

In particolare, in Spagna Il prezzo che le famiglie pagano per il gas naturale Nella prima metà del 2021 Era 8,97 centesimi per kilowattora (kWh)comprese tutte le tasse applicabili, che è una diminuzione del 17,10% rispetto a 10,82 centesimi nella seconda metà del 2021, secondo Europa Press.

Solo altri tre paesi dell’Unione Europea nel suo insieme hanno registrato prezzi del gas naturale inferiori rispetto al periodo luglio-dicembre. La Spagna è seguita da Grecia (-12,43%), Ungheria (-4,59%) e Italia (-1,89%).. Dall’altro lato, Gli incrementi maggiori sono stati registrati in Repubblica Ceca (+82,31%), Estonia (+47,47%) e Lituania (+43,17%)..

Rispetto alla prima metà del 2021, solo l’Ungheria ha registrato prezzi più bassi, con un calo del 5,21%. D’altra parte, la Spagna è stato l’ottavo Paese in cui i prezzi del gas sono aumentati con il tasso di aumento delle bollette più basso, con un aumento del 29,81%. D’altra parte, i cittadini di quattro paesi hanno visto il conto più che raddoppiato: Estonia (+154,25%), Lituania (+110,39%), Bulgaria (+107,61%) e Belgio (+100,64%).

In termini assoluti, la Spagna è stato l’ottavo Paese in cui è stato pagato di più il gas naturale tra gennaio e giugno. Era dietro a Svezia (22,16 centesimi per kilowattora), Danimarca (16 centesimi), Paesi Bassi (12,93 centesimi), Estonia (11,06 centesimi), Repubblica Ceca (10,10 centesimi), Italia (9,86 centesimi) e Belgio (9,39 centesimi ). ).

READ  La riforma del patto di stabilità si rafforza in Europa a causa dei rischi di mancato recupero | Economia

Prezzi bollette elettriche

Prezzi del gas naturale in calo Non sono parimenti contabilizzati nei prezzi pagati in bolletta elettrica. In questo caso, la Spagna è stato il nono Paese dell’Unione Europea in cui i prezzi dei kilowattora sono aumentati di più nella prima metà del 2022 rispetto alla seconda metà del 2021. Ha registrato una crescita del 9,06%, raggiungendo i 30,71 cent per kilowatt- ora. . kWh.

Il Gli incrementi maggiori sono stati registrati in Repubblica Ceca (+62,45%), Romania (+47,44%) e Danimarca (+32,22%).Mentre il calo maggiore è stato osservato nei Paesi Bassi (-58,94%), in Lettonia (-30,43%) e in Slovenia (-18,76%).

su base annuale, La Spagna è il settimo Paese in cui i prezzi sono cresciuti di più (+32,20%). Seguono Grecia (+37,20%), Italia (+37,89%), Romania (+53,78%), Estonia (+55,29%), Danimarca (+57,21%) e Repubblica Ceca (+69,76%). Al contrario, le maggiori diminuzioni rispetto al primo semestre 2021 sono state Repubblica Ceca (-53,55%), Slovenia (-16,37%) e Lettonia (-6,49%).

In termini assoluti, il paese in cui l’elettricità è stata più cara tra gennaio e giugno è stata la Danimarca, con un costo di 45,59 centesimi per kilowattora. Segue il Belgio con 33,77 centesimi; Germania 32,79 centesimi. Italia a 31,15 cent; e la Spagna a 30,71 centesimi. L’elettricità più economica proveniva dai Paesi Bassi (5,95 centesimi), dall’Ungheria (9,48 centesimi) e dalla Bulgaria (10,93 centesimi).