Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna ha ricevuto solo 5,4 milioni di turisti a giugno, un aumento del 14% rispetto al 2019

Turisti a Estepona, Malaga. / ogni

Il settore del turismo ha perso 34,5 milioni di euro di reddito rispetto a quanto guadagnava prima della pandemia

Adorne Martinez

La fine dello stato di allerta e le restrizioni ai viaggi europei e internazionali (con vaccinazione sul passaporto) non hanno fatto decollare i viaggi come voleva il settore turistico. I dati dell’Istituto nazionale di statistica hanno rivelato che la Spagna ha ricevuto solo 5,4 milioni di visitatori stranieri a giugno, ovvero solo il 14,2% rispetto ai 38 milioni di turisti arrivati ​​nei primi sei mesi del 2019.

È un dato piuttosto scoraggiante rispetto al 2020, visto che nell’anno della pandemia il primo semestre si è chiuso con 10,8 milioni di turisti, il doppio di quest’anno, per il buon andamento del settore nei primi tre mesi del 2020 prima del COVID crisi scoppiata in Spagna.

Accumulo di arrivi di turisti internazionali (in migliaia). /

altro

E a livello di spesa, i numeri non sono incoraggianti per un settore che sperava in estate di riconquistare parte di ciò che ha perso in questo anno di pandemia, ma la quinta ondata del virus sta frenando le sue aspettative. Nei primi sei mesi dell’anno i turisti stranieri hanno speso 5.765 milioni di euro, di cui la metà nel 2020 e nulla a che vedere con il volume del 2019, quando il reddito del settore ha superato in questo periodo i 40 milioni di euro.

Gran parte della perdita di turisti e di reddito è dovuta al fatto che il Regno Unito, che è sempre stata la principale fonte di emissioni, non è nemmeno nella lista dei primi paesi. In questi sei mesi la Spagna è stata per lo più visitata da turisti provenienti da Francia (1,2 milioni), Germania (1,2 milioni), Italia (310.000) e Paesi Bassi (290.000). A giugno, infatti, solo 273mila britannici sono arrivati ​​nel nostro Paese, secondo i dati del National Institute of Statistics, a causa delle restrizioni imposte dal governo britannico al turismo. Per avere un’idea del crollo, nel solo giugno 2019 sono arrivati ​​in Spagna quasi 2,1 milioni di britannici.

READ  Esposizione dei prodotti agricoli vietnamiti alla fiera internazionale in Italia | Economia

Nel periodo accumulato fino a giugno, le comunità che hanno ricevuto il maggior numero di turisti stranieri sono state le Isole Baleari, con quasi 1,3 milioni; Catalogna: 975.000 turisti. e le Isole Canarie con 750.000.

A giugno 2,2 milioni di turisti

Solo a giugno, la Spagna ha accolto 2,2 milioni di turisti internazionali, quasi il 1.000% in più rispetto allo stesso mese del 2020, quando ne sono arrivati ​​solo 204.000. Va tenuto presente che a giugno dello scorso anno il Paese era ancora chiuso a causa del confinamento totale dovuto alla prima ondata dell’epidemia. Rispetto ai dati del 2019 rappresenta solo il 25% di visite rispetto agli 8,8 milioni di persone arrivate nel nostro Paese in quel mese di giugno.

La Germania è stata la principale fonte di turisti a giugno, con una popolazione di 500.000 persone, il 22% del totale. Francia e Paesi Bassi sono seguiti rispettivamente da 438.000 e 147.000. Dal Regno Unito, la principale fonte a giugno 2019 con oltre 2 milioni di turisti in arrivo, solo 142.500 persone hanno visitato la Spagna. La sua destinazione principale erano le Isole Baleari, con il 30% di tutti gli arrivi. Seguono Catalogna e Andalusia.

Nel solo mese di giugno la spesa turistica internazionale ha totalizzato 2.400 milioni di euro, un incremento molto consistente rispetto ai soli 134 milioni di euro del 2020, ma lontano dai 9.700 milioni che il settore ha inserito nel giugno 2019.

La spesa media di un turista per il soggiorno è stata di 1.090 euro, con un miglioramento del 66% rispetto allo scorso anno. La spesa media giornaliera è aumentata del 35% a 147 euro.

Dal datore di lavoro del settore, Exceltur, erano fiduciosi qualche settimana fa che il turismo internazionale sarebbe rimbalzato a giugno perché hanno calcolato che ogni settimana di questo mese senza turismo in uscita significherebbe una perdita di 1800 milioni di euro di attività.