Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna è il quinto Paese a spendere di più in Europa in misure per far fronte alla crisi dell’elettricità | Economia

La Spagna è il paese europeo che ha adottato il maggior numero di misure contro la crisi energetica ed è il quinto paese a destinare la maggior parte della spesa per mitigare l’impennata energetica. Il paese ha dovuto affrontare pagamenti per 35.500 milioni di euro, che rappresentano il 2,9% del PIL.

Dall’autunno del 2021, l’Europa ha concordato un pacchetto di aiuti dopo l’altro nel tentativo di mitigare i danni causati dall’aumento dei prezzi dell’energia, lasciando pagamenti complessivi di oltre 500.000 milioni di euro al continente.

La guerra in Ucraina ha notevolmente aumentato l’ambizione delle azioni. Anche nel caso della Spagna, dove dopo l’invasione è stato approvato il 92,4% della spesa.

I dati di spesa della Spagna sono stati superati solo da Italia (59,2 miliardi di euro), Francia (71,6 miliardi di euro), Germania (100,2 miliardi di euro) e Regno Unito (178,4 miliardi di euro), secondo Rapporto della società di analisi Bruegel.

La Francia è l’unico Paese con una spesa totale superiore alla Spagna che ha implementato misure aggiuntive per le società statali, sebbene non abbia regolamentato i “profitti straordinari” delle società elettriche e non abbia avviato regimi di sostegno alle imprese.

La differenza rispetto alla Spagna è dovuta alle somme pagate dalla Francia per nazionalizzare completamente l’Edf per 9.700 milioni di euro e per rinnovare e adeguare il suo parco nucleare.

Dove sono i soldi

Settembre 2021 è stato il segnale di partenza per la spesa in Spagna. Il governo ha approvato 2.600 milioni di euro per mitigare l’aumento dei prezzi ea fine ottobre è stato approvato l’aumento degli aiuti per il riscaldamento delle famiglie vulnerabili fino a 90 euro, per un valore di 100 milioni di euro.

READ  Per Stiglitz, l'Europa è stata lenta nell'attuazione del piano di ripresa economica

Il pacchetto chiave del governo è stato il piano nazionale di risposta alla guerra, approvato nel marzo di quest’anno, che si è mobilitato 16 miliardi di euro, circa il 45% dei 35.500 milioni è destinato all’attenuazione della gravità della crisi. Inoltre, il pacchetto prevedeva estensioni di misure già approvate, come l’aumento massimo delle tariffe regolamentate al 5%.

Il piano prevedeva un sostegno diretto alle imprese, ad esempio 450 milioni di aiuti al settore del trasporto merci. Un’altra misura di particolare interesse è il sussidio di 20 centesimi per il carburante, che ha finito per costare 1.400 milioni di euro ogni trimestre.

Nel giugno 2022 la Commissione Europea ha approvato l'”eccezione iberica” ​​che fissava il prezzo del gas a 40 €/MWh. Il meccanismo è finanziato dai cosiddetti “ricavi di congestione” (come quelli ottenuti dagli scambi di elettricità tra Francia e Spagna) e dai canoni addebitati da Spagna e Portogallo agli acquirenti che beneficiano del meccanismo. Il costo della risposta era 6,3 miliardi di euro.

Alla fine dello stesso mese l’imposta sul valore aggiunto sull’energia elettrica è stata ridotta dal 10% al 5%, sono state prorogate le agevolazioni sui carburanti e sono state approvate riduzioni fino al 50% sui biglietti mensili e multiviaggio fino alla fine del anno. Sforzo di budget oltre 9000 milioni di euro.