Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna è dietro Italia, Germania o Francia nell’implementazione del 5G

Secondo il 5G Readiness Index di Kearney Consulting, la Spagna è in ritardo rispetto alle principali economie europee come Germania, Francia o Italia nell’adozione su larga scala della tecnologia 5G.

Uno studio che misura la disponibilità di un paese al 5G in termini di disponibilità, diffusione e commercializzazione dello spettro, la Spagna ha ottenuto un 5 nella sua edizione 2022, classificandosi 22 su 28 analizzati.

Il Paese è sceso all’ultimo posto tra i Paesi europei, davanti al Belgio, che ha segnato 4,1, ma dietro a Norvegia (6,9), Finlandia (6,7), Danimarca (6,1) e Svizzera (5,8). Germania (5,7), Italia (5,6), Svezia (5,6), Paesi Bassi (5,5), Austria (5,2), Regno Unito (5,1) e Francia (5,1).

A livello globale, gli Stati Uniti sono al primo posto con 7,5, seguiti da Giappone (6,9), Norvegia (6,9), Finlandia (6,7), Corea del Sud (6,7), Australia (6,4), Cina (6,3), Singapore (6,3) e Danimarca (6.1). ) e Canada (5.9).

Lo studio conclude che l’Europa è in ritardo nella diffusione del 5G rispetto ad altri mercati, quindi gli operatori di telecomunicazioni hanno bisogno di strategie se vogliono recuperare il ritardo.

Tuttavia, assicura che ciò non è risolvibile, per cui raccomanda agli operatori europei di “attuare una rapida transizione tecnica al 5G, da concentrare in un hub indipendente”, che considera “essenziale” per sbloccare tutti i nuovi prodotti e servizi. Innovativo.

Inoltre, propone anche di “monetizzare gradualmente il 5G, costruendo un ecosistema di prodotti, servizi e partner”.

In Europa, la maggior parte dei paesi nordici è all’avanguardia grazie all’elevata disponibilità dello spettro e alla diffusione diffusa di tutte le bande, mentre la Germania è passata da un ritardo nel 2021 a Francia, Italia e Spagna. Gli operatori hanno lanciato il 5G su più bande.

READ  L'Italia conta più di 200.000 contagi al giorno e si riaccende il dibattito sul ritorno a scuola

Inoltre, la percentuale di abbonati alla tecnologia 5G in Europa è “piccola”, con la Svizzera in testa con il 13% nel primo trimestre del 2022, rispetto al 31% di altri paesi come la Corea del Sud.

Solo due paesi europei con Core 5G

Complessivamente, 11 dei 28 paesi analizzati da Kearney hanno almeno un operatore con una rete core 5G indipendente, con l’Asia in testa con sette regioni, mentre l’Europa segue con Finlandia e Germania.

Inoltre, Singapore e la Cina sono gli unici vettori ad aver introdotto hub 5G indipendenti, aprendo i loro mercati a una “vera transizione 5G”.

L’indice ha rilevato che 10 dei 28 paesi intervistati disponevano di spettro a banda alta e in cinque di essi (Stati Uniti, Australia, Corea del Sud, Thailandia e Giappone) gli operatori avevano lanciato servizi commerciali completi in essi.

Finora, nessun paese europeo ha lanciato questi servizi commerciali, sebbene alcuni servizi siano stati lanciati con licenze mmWave limitate.

A questo proposito, l’indisponibilità dello spettro mmWave è deludente perché “i suoi vantaggi sono la pietra angolare dei nuovi servizi ad alta velocità abilitati al 5G”.

Rispetto all’anno precedente, gli Stati Uniti continuano a superare gli altri paesi dopo che il suo regolatore ha offerto lo spettro in tutte e tre le classi di banda, mentre la Corea del Sud è scesa dal secondo al quinto posto.

Allo stesso modo, evidenzia buoni risultati in Medio Oriente grazie alla qualità delle sue reti e al suo forte dispiegamento e ai continui progressi in Australia.

opinioni1CondividiloFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedInAllegata