Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna è al quarto posto nell’Indice della libertà economica compilato dal Fraser Institute

MADRID, 8 settembre (stampa europea) –

La Spagna è scivolata di quattro posizioni nell’Indice della libertà economica compilato dall’Organizzazione per la libertà economica nel mondo, pubblicato dalla Foundation for the Advancement of Freedom (Fundalib) insieme al Canadian Fraser Institute.

Nello specifico, la Spagna è al 28° posto su 165 per libertà economica. La Spagna perde quattro posizioni e poco più di un decimo rispetto alla versione 2021 in cui sono stati gestiti i dati 2019. Questo calo complessivo si conferma nelle cinque aree dell’indice sopra riportate, in particolare nella quinta area dedicata alla regolamentazione, in quel Paese ha perso mezzo punto rispetto alla versione passata.

Il rapporto di quest’anno è stato scritto da James Guartney della Florida State University. Robert Lawson e Ryan Murphy della Southern Methodist University; e Joshua Hall della West Virginia University, sulla base dei dati del 2020 (gli ultimi dati disponibili) che catturano gli effetti delle restrizioni legate al Covid.

In testa all’indice, invece, Hong Kong e Singapore, e la loro catena si conferma rispettivamente al primo e al secondo posto, mentre Svizzera, Nuova Zelanda, Danimarca, Australia, Stati Uniti, Estonia, Mauritius e Irlanda completano la top ten. .

In fondo, invece, ci sono Repubblica Democratica del Congo, Algeria, Repubblica del Congo, Iran, Libia, Argentina, Repubblica Araba Siriana, Zimbabwe, Sudan e Venezuela, mentre paesi come la Corea del Nord e Cuba fanno Così. Non qualificato per mancanza di dati.

Fred McMahon, presidente della Freedom Research presso il Fraser Institute, ha osservato che quando gli stati aumentano le tasse e le normative, le persone diventano meno libere economicamente, “il che significa meno crescita economica e meno investimenti”. McMahon ha inoltre avvertito che Hong Kong sta già mostrando un calo della libertà nel 2020 e che “il declino dovrebbe continuare in futuro”.

READ  Avviso G7 per la Cina

Le classifiche di altri paesi principali includono Giappone (12°), Canada (14°), Germania (24°), Italia (43°), Francia (54°), Messico (65°), India (90°), Russia (94°) e Brasile (114°). ). ) e Cina (116°).