Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna, che ha registrato 6.459 casi di vaiolo delle scimmie, rimane il paese più colpito nell’Unione europea

aggiornato

I positivi sono aumentati del 41% nel mese di agosto. Madrid è la regione più colpita con 2.297 contagi, seguita dalla Catalogna con 1.921 contagi e dall’Andalusia con 786 contagi. Nonostante questi numeri, l’Organizzazione Mondiale della Sanità riferisce che i numeri globali sono diminuiti di oltre il 20% nell’ultima settimana

Punto di vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie all’ospedale ZindalAntonio Heredia
  • dati La Spagna ha registrato 6.284 casi di vaiolo delle scimmie
  • Salute La nuova strategia di vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie si moltiplicherà per cinque dosi per dose

Quattro mesi dopo il primo caso segnalato di vaiolo delle scimmie, i numeri sono in aumento. La Spagna ha già rilevato 6.459 casi di vaiolo delle scimmie anche vaiolo delle scimmie 175 sono più positivi rispetto al rapporto di martedì, quando sono state contate 6.284 persone infette, secondo i dati della Rete nazionale di sorveglianza epidemiologica (RENAVE). In alcune date in cui le vacanze estive stanno finendo, è previsto un aumento dei numeri per le prossime settimane. I casi denunciati oggi rappresentano a 41% di aumento nel mese di agosto, Quando la salute ha registrato 4.577 casi il secondo giorno, 1.882 casi in meno rispetto ad oggi.

I dati pubblicati dal Centro di coordinamento per le allerte e le emergenze sanitarie e presentati da 17 comunità indipendenti, luoghi La Comunità di Madrid è la più colpita con 2.297 Positivo (48 in più di tre giorni), seguito da Catalogna con 1921 (43 ms) e Andalusia con 786 casi (28 in più rispetto a martedì). Il resto delle regioni non supera le 500: Valencia, 430; Paesi Baschi, 210; Isole Baleari, 189; Isole Canarie, 153; Galizia, 107; Castiglia e Leon, 65 anni; Aragona, 64; Asturie, 55; Castiglia-La Mancia, 52 anni; Murcia, 48; Estremadura, 31; Cantabria, 30 anni; Navarra, 16 anni; La Rioja, 5. Finora, le città indipendenti di Ceuta e Melilla non hanno segnalato alcun caso di infezione, secondo i dati sanitari.

READ  La Nación / Vigili del fuoco alla stazione di servizio di Asunción

MONKEYPOX in Europa

In Europa, un totale di 17.202 casi Confermato che sono stati registrati casi di vaiolo delle scimmie Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). Secondo questa statistica, la Spagna è il paese più colpito con 6.284 casi. Sebbene i dati per la Spagna pubblicati dal Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie riflettano numeri leggermente inferiori a quelli riportati dal ministero, ciò è dovuto allo squilibrio nella segnalazione di casi da diversi paesi dell’UE.

La Spagna è in testa alla classifica, seguita da la Germania con 3.387; Francia 2889; i Paesi Bassi con 1.136; Portogallo con 810; Italia, 714; Belgio con 671; Austria, 250; Danimarca con 169; Svezia, 150; Irlanda con 128 e Polonia con 122. Gli altri pass sono sufficienti. Norvegia (76), Ungheria (64), Grecia (54), Lussemburgo (50), Slovenia (43), Repubblica Ceca (41), Romania (35), Malta (31), Croazia (25), Finlandia (22), Islanda (12), Slovacchia (12), Estonia (10), Lituania (5), Bulgaria (4), Cipro (4) e Lettonia (4).

Inoltre, dall’inizio dell’epidemia fino all’ultimo rapporto dell’ECDC, i paesi Balcani occidentali Sono stati segnalati 31 casi in Serbia, tre in Bosnia ed Erzegovina e uno in Montenegro, insieme a 5 casi in Turchia.

Nonostante i casi siano aumentati negli ultimi mesi, Il numero di infezioni è diminuito di oltre il 20% a livello globale nell’ultima settimana, Secondo i dati raccolti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), e nonostante la crescente prevalenza del vaiolo delle scimmie in America. Durante le prime fasi dell’epidemia vaiolo delle scimmie La maggior parte dei casi è stata segnalata in Europa. Tuttavia, la situazione è ribaltata con meno del 40% nell’Unione Europea e il 60% nelle Americhe.

READ  Martha Fierro lascia il segnoصم

Come ha difeso Tedros Adhanom, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la ripresa in America Latina è dovuta a “inadeguata sensibilizzazione, misure di salute pubblica e mancanza di accesso ai vaccini”. Per cercare di fermare questo, ieri, bavarese settentrionaleLa società responsabile del vaccino contro il vaiolo delle scimmie ha firmato un accordo con l’Organizzazione Panamericana della Sanità (PAHO) a sostegno Fatti vaccinare in America Latina e nei Caraibi.

come standard

Progetto Fiducia

sapere di più