Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La sonda Giunone sorvola l’Europa

dietro il Ganimede vola Da Juno Probe lo scorso giugno 2021 siamo rimasti tutti stupiti, a cominciare dai server, dalla qualità delle immagini ottenute dalla modesta JunoCam. Ora la sonda della NASA dedicata allo studio dell’interno di Giove ha effettuato il volo più vicino dalla luna gioviana, che effettuerà il resto della missione. Il 29 settembre 2022 alle 09:36 UTC, Giunone è passata a soli 358 chilometri dalla superficie di Europa sfruttando il passo per Pergovian n. 45 (PJ45). È l’incontro più vicino con questa luna di Giove da quando la sonda Galileo ha percorso 351 chilometri il 3 gennaio 2000. Ovviamente, Galileo ha ottenuto immagini ad alta risoluzione grazie alle sue fotocamere più potenti poiché la sua velocità non era molto elevata. Cioè, Giunone ha superato Europa in niente di più e niente di meno di 23,6 km/s.

Europa vista da Giunone il 29 settembre 2022 (NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS/Kevin M. Gill).

Nonostante tutto, le foto sono decisamente stupende. Opportunità ha voluto, inoltre, che Giunone raffigurasse in dettaglio una regione della luna vista da Galileo in bassa risoluzione, la cosiddetta Anun regio (il nome deriva da Anon, il mondo dopo la morte nella mitologia gallese). Sebbene la presenza dell’oceano sotto la crosta renda la superficie di Europa così piccola, non cambia molto in così poco tempo, ma puoi unirti a migliaia di esperti professionisti e dilettanti confrontando queste immagini con quelle scattate da Galileo. Alla ricerca di qualche cambiamento in questi due decenni. Fa paura pensare che Juno stesse per lanciare senza la JunoCam, che è stata aggiunta solo all’ultimo minuto per non entrare in conflitto con la nuova regola che ogni sonda della NASA deve portare una specie di fotocamera, anche se è così. Un esercizio di “pubbliche relazioni”. Perché non dimentichiamo che JunoCam, nonostante la natura stupefacente delle sue immagini, non è uno strumento scientifico per il compito e che la comunità amatoriale è responsabile dell’elaborazione e della pubblicazione delle immagini.

READ  Google Pay: salva, paga e gestisci
Sulle tracce del viaggio Yoruba di Giunone (Jason Perry).
Un altro visto di volo europeo (NASA / JPL-Caltech / SwRI / MSSS / Björn Jónsson).

Nelle immagini di Giunone, le linee che ricoprono la superficie europea possono essere viste suddivise in Linea S fossa, che sono causati dalla tensione e dalla compressione della crosta di ghiaccio. Infatti, sebbene questo sia il primo sorvolo ravvicinato di Giunone da Europa, la navicella ha già percorso circa 50.000 e 90.000 chilometri dal satellite circa un anno fa attraverso due passaggi distanti. Sfortunatamente, questo sarà l’ultimo, poiché Giunone continua a cambiare la latitudine della sua circonferenza oceanica mentre orbita attorno a Giove per analizzare le latitudini più elevate del pianeta. Ora dovremo aspettare la fine del 2023 e il 2024 affinché Giunone si avvicini a circa 1.500 km da Io, il mondo con la più grande attività vulcanica del sistema solare.

Volo satellitare di Juno’s Path of Jupiter e Galilee (NASA/JPL-Caltech).
Juno Priegov sempre più alle latitudini settentrionali (NASA/JPL-Caltech).

Europa è un mondo affascinante perché molto probabilmente c’è un oceano sotterraneo sotto la crosta esterna di ghiaccio e, al momento, è uno dei luoghi con il più grande potenziale astrobiologico extraterrestre. Nel prossimo decennio, Europa sarà studiata dalla missione Europa Clipper della NASA e, in misura minore, dalla sonda JUICE dell’Agenzia spaziale europea e dalla sonda cinese Tianwen 4. A differenza di altri mondi oceanici del Sistema Solare, si ritiene che l’oceano di Europa sia in contatto con l’interno caldo e roccioso della Luna, aumentando le possibilità che la vita sorga e, allo stesso tempo, sia anche in contatto diretto. La superficie che ne permette lo studio dall’esterno grazie all’analisi della composizione del ghiaccio superficiale. Sfortunatamente, a Giunone mancano spettrometri e altri strumenti scientifici per studiare in dettaglio la composizione del ghiaccio di Europa, quindi dovremo aspettare l’Europa Clipper. Negli ultimi anni, il più grande mistero in Europa è stata la possibile esistenza dei geyser.

READ  Google Maps ora mostra il prezzo di pedaggi, segnali stradali e lo stato dei semafori
Immagine di Europa in volo da Giunone (NASA/JPL-Caltech/SWRI/MSSS).
Juno Fly Bay Impact su Europa (NASA / JPL-Caltech / SwRI / MSSS / Jason Perry).
Alcune delle regioni mostrate nell’immagine sopra (NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS/Jason Perry).
Area vista da Giunone in questo sorvolo (NASA/USGS).

Se è così, allora la sua circonferenza può essere studiata dall’esterno in modo più semplice e accurato. Sebbene ci fossero prove che il vapore acqueo e altre sostanze fossero state espulse dalla superficie, non è stato possibile confermare che si trattasse di vere e proprie fontane calde, come su Encelado. In questo senso, i sensori al plasma di Giunone potrebbero fornire alcune informazioni limitate sul mistero delle sorgenti termali, mentre il magnetometro potrebbe fornire nuove informazioni sull’interno di questa luna. Allo stesso modo, lo strumento MWR (Microwave Radiometer) sarà in grado di fornirci nuove informazioni sulla temperatura della crosta di ghiaccio. Dopo questo sorvolo, Giunone continuerà a orbitare attorno a Giove ogni 43-38 giorni per studiare l’interno di Giove, che è la sua missione principale. L’ultima orbita dell’attuale missione Extended Juno si svolgerà a settembre 2025. Ad ogni modo, queste immagini sono un piccolo aperitivo di ciò che ci aspetta con l’Europa Clipper. L’attesa sarà lunghissima!

Lineae e Fossae sono ovunque ((NASA / JPL-Caltech / SwRI / MSSS / Will Gater).
Un’altra prospettiva dell’aviazione (NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS/Kevin M. Gill).