Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La somministrazione di gabapentin aiuta a ripristinare la funzione dopo l’ictus, secondo uno studio

Il gabapentin è attualmente prescritto per controllare le convulsioni e ridurre il dolore ai nervi.

Aiutando le cellule nervose sul lato integro del cervello ad assumere il compito di inviare segnali alle cellule mancanti. Foto: persiane.

Il team della Ohio State University ha scoperto che il gabapentin impedisce l’attività di una proteina che, se espressa in livelli elevati dopo una lesione al cervello o al midollo spinale, impedisce la ricrescita degli assoni, le lunghe e sottili estensioni dei corpi delle cellule nervose che trasmettono messaggi.

“Quando questa proteina è elevata, interferisce con il recupero neurologico”, spiega l’autore principale Andrea. orsacchiottoprofessore associato di neurologia presso l’Ohio State College of Medicine.

“Immagina che questa proteina sia il pedale del freno e il recupero sia l’acceleratore”, continua. “Premi il freno e continua a premere l’acceleratore, puoi accelerare molto il recupero. Pensiamo che questo sia l’effetto del gabapentin sui neuroni e che c’è un contributo dalle cellule non neuronali che beneficiano di questo processo lo rende più efficiente”, si distingue.

L’obiettivo principale del trattamento dopo un ictus ischemico è ripristinare il flusso sanguigno al cervello il più rapidamente possibile, ma questa ricerca suggerisce che il gabapentin non ha alcun ruolo in quella fase acuta: i risultati del recupero erano simili sia che il trattamento fosse iniziato per un’ora o un giorno . distanza ictus.

Esperimenti sui topi e pubblicati su Brain, imitano ictus Ischemia nell’uomo. I risultati hanno mostrato che il trattamento quotidiano con gabapentin per sei settimane dopo ictus Ripristino delle funzioni motorie fini negli arti superiori degli animali. I ricercatori hanno scoperto che il recupero funzionale persisteva anche dopo l’interruzione del trattamento.

READ  Laura Bassi, Minerva italiana del Settecento | Società

Invece, gli effetti del farmaco si manifestano in specifici motoneuroni i cui assoni trasportano segnali dal sistema nervoso centrale al corpo dicendo ai muscoli di muoversi.

I ricercatori l’hanno trovato dopo ictusi neuroni sul lato illeso del cervello hanno iniziato a germinare assoni che ricreano segnali per il movimento volontario negli arti superiori che erano stati silenziati dalla morte neuronale post-lesione. ictus. Questo è un esempio di plasticità, ovvero la capacità del sistema nervoso centrale di riparare strutture, connessioni e segnali danneggiati.

“Il sistema nervoso dei mammiferi ha una certa capacità intrinseca di autoriparazione”, spiega. orsacchiottoche è anche membro di Programma di lesioni cerebrali croniche dello stato dell’Ohio-. Ma abbiamo scoperto che questa maggiore plasticità spontanea non era sufficiente a guidare il recupero. La compromissione funzionale non è grave in questo modello sperimentale di ictus Ischemico, ma persistente.

Dopo la lesione, le cellule nervose tendono ad essere “sovraeccitate”, causando segnali eccessivi e contrazioni muscolari che possono portare a movimenti e dolore incontrollati. Mentre la proteina del recettore neuronale alpha2delta2 contribuisce allo sviluppo del SNC, la sua sovraespressione a seguito di danno neuronale significa che compromette la crescita degli assoni in momenti inappropriati e contribuisce a questa ipereccitabilità problematica.

È qui che il gabapentin fa il suo lavoro: inibendo le subunità alfa2delta1/2 e consentendo alla riparazione del SNC post-ictus di progredire in modo coordinato. Afferma: “Blocchiamo il futuro con il farmaco e ci chiediamo: produrrà più plasticità? La risposta è sì”. orsacchiotto.

Poiché la tecnica che ha temporaneamente messo a tacere i nuovi circuiti ha invertito i segni comportamentali di ripresa, orsacchiotto Evidenzia che i risultati suggeriscono che il farmaco normalizza le condizioni nel sistema nervoso danneggiato per promuovere la riorganizzazione corticale in modo funzionalmente significativo.

READ  Fox non ha pensato di andare in Italia per sostenere la candidatura di Giorgia Meloni

Rispetto ai topi che non hanno ricevuto il farmaco, i topi che hanno ricevuto sei settimane di trattamento giornaliero con gabapentin hanno riacquistato la funzione motoria fine negli arti anteriori. I ricercatori hanno notato che due settimane dopo l’interruzione del trattamento, i miglioramenti funzionali persistevano. Conclude: “Questo ha confermato che i cambiamenti funzionali si irrigidiscono nel sistema nervoso”. orsacchiotto.

Anche il gabapentin sembra avere un effetto sul cervello colpito ictus Nelle cellule non neuronali che influenzano i tempi di invio dei messaggi. L’esame della loro attività dopo il trattamento farmacologico indica che queste cellule possono cambiare il loro comportamento dinamicamente in risposta ai cambiamenti nella connettività sinaptica, consentendo una diffusione regolare degli assoni che compensano la perdita di neuroni.

Il team continua a studiare i meccanismi alla base del recupero ictusMa orsacchiotto afferma che i risultati indicano che il gabapentin si mostra promettente come strategia di trattamento per la riparazione ictus.

Risorsa di consulenza qui.