Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La società Metyis Consulting consolida il suo mercato europeo e apre nuove sedi in Francia e in Italia

Nata nel 21° secolo, la società di consulenza Metyis, conosciuta come una delle più apprezzate dai giovani per lavorare in Spagna, sta facendo questo salto e rafforzando la sua strategia di crescita globale aprendo nuove sedi in Francia e in Italia, che si sono aggiunte ai 15 uffici che erano già It, che è stato distribuito in più di 10 paesi.

Queste nuove filiali includeranno i sei nuovi partner dell’azienda di origine olandese che rafforzeranno la sua presenza in un mercato chiave e miglioreranno l’esperienza di Metyis nella consulenza strategica, nell’esecuzione, nei dati e nell’analisi, con una chiara attenzione all’innovazione e alla digitalizzazione.

La nuova sede italiana di Metyis si trova a Milano e sarà gestita da Sasha Wijeyesekera e Paolo Pellegrini. Con una vasta esperienza nella strategia digitale, nella trasformazione e nel marketing basato sui dati, Sasha Wijeyesekera sarà responsabile della guida della filiale italiana. Inoltre, nel Paese italiano, l’azienda ha acquisito Southpigalle, una boutique di design e tecnologia a Parigi con una significativa esperienza in dati, tecnologia, design e strategia.

D’altra parte, il team francese includerà Olivier de Quintet, un consulente con una comprovata esperienza nella consulenza strategica. Olivier sarà accompagnato da Louis de Quantet, un esperto di IT e dati con una solida esperienza di oltre 20 anni nella consulenza strategica. A loro si unirà anche l’imprenditore Henri d’Anterroches, noto per aver avviato diverse attività digitali e tecnologiche e ha una vasta esperienza al servizio di marchi prestigiosi nell’e-commerce, nel lusso e nell’IT. Infine, il team includerà Pascal Platt, che ha 25 anni di esperienza IT su progetti multidisciplinari che vanno dalla progettazione di software all’implementazione di soluzioni.

READ  L'inflazione dell'Eurozona è salita di tre decimi a luglio, all'8,9% - EUROEFE EURACTIV