Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Shell ha annunciato che manterrà gli acquisti di petrolio dalla Russia, ma ha promesso di donare i proventi all’Ucraina

nonostante Sanzioni economiche Contro il governo russo di Vladimir Putin, ePetrolio, la fonte della ricchezza del Cremlino Non è stato ancora raggiunto attraverso la pressione internazionale. fatto, La Shell sabato ha confermato che continuerà ad acquistare da quel paesema prima lotta di guerra Egli ha detto Il ricavato sarà devoluto all’Ucraina.

Shell è la più grande compagnia di combustibili in Europa. In una dichiarazione, lo ha riferito Continuerà ad acquistare greggio russo per rifornire le raffinerie e venderlo ai clienti Nel stazioni di servizio Benzina e diesel. Ma, rendendosi conto della situazione internazionale, ha inviato un messaggio all’Ucraina.

Il messaggio del ministro ucraino alla Shell.Twitter

Shell ha confermato che donerà il ricavato alla società Un fondo speciale dedicato al “popolo ucraino”, come mi rendo conto New York Times. L’azienda verrà spiegata più avanti Financial Times Ha rivelato che la compagnia aveva recentemente portato una nave petrolifera russa.

Un messaggio del ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha aggiunto le temperature venerdì. Ha pubblicato su Twitter che Shell apparentemente ha accettato fornitura cisterna con discrezione. “Non credi che l’olio russo sappia di sangue ucraino?”Chiedi all’azienda. Ha aggiunto: “Chiedo a tutte le persone di buona coscienza in tutto il mondo Richiede che le multinazionali interrompano i rapporti d’affari con la Russia.

Le sanzioni statunitensi prendono di mira la cerchia ristretta di Putin
Le sanzioni statunitensi prendono di mira la cerchia ristretta di PutinSputnik – X02440

Tra le pressioni internazionali, lunedì scorso la Shell aveva indicato l’intenzione di interrompere le sue operazioni in Russia a causa dell’aggressione contro l’Ucraina e della solidarietà dimostrata da un’ampia parte della comunità internazionale.

Secondo Shell, i governi vogliono, nonostante la guerra, preservare le forniture energetiche dalla Russia. La società ha descritto, tuttavia, che l’acquisto di petrolio dal Paese di Putin è una “decisione difficile” per “evitare turbolenze nel mercato”.

“Senza una fornitura continua di petrolio greggio alle raffinerie, l’industria energetica non può garantire la sua fornitura continua di prodotti essenziali alle persone in Europa nelle prossime settimane”, ha affermato la società.

La Russia è uno dei maggiori esportatori di petrolio al mondo. Le navi provenienti da fonti alternative potrebbero non arrivare in tempoLa società ha aggiunto.

Lunedì, Shell ha annunciato che avrebbe lasciato i due progetti insieme alla società Gazpromil monopolio russo del gas, compresi gli impianti nelle isole Skalene a est di quel paese.

Allo stesso modo, la società si è impegnata a limitare la sua partecipazione Nordstream 2. gasdotto, un progetto ambizioso che prevede di collegare la Russia con la Germania, ha sconvolto altri paesi occidentali per il potere che rappresenta per Putin. Nonostante il lavoro sia praticamente ultimato, nelle ultime settimane è stato bloccato.

Un soldato ucraino tiene in braccio un bambino mentre aiuta una famiglia in fuga ad attraversare il fiume Irbin alla periferia di Kiev, Ucraina, sabato 5 marzo 2022 (AP Photo/Emilio Morenatti)
Un soldato ucraino tiene in braccio un bambino mentre aiuta una famiglia in fuga ad attraversare il fiume Irbin alla periferia di Kiev, Ucraina, sabato 5 marzo 2022 (AP Photo/Emilio Morenatti)AFP – AFP

Shell ha dichiarato che avrebbe cercato alternative per acquistare petrolio greggio da altre fonti, ma lo ha indicato Le importazioni dalla Russia non saranno chiuse durante la notte.

L’azienda si impegna Coordinamento con le organizzazioni umanitarie Per fornire assistenza all’Ucraina. In questo modo, ha detto la compagnia, si sarebbe deciso con loro dove inviare i soldi dei loro acquisti in Russia “per mitigare le gravi conseguenze” della guerra.

Gli Stati Uniti non stanno attualmente pensando di fermare l’importazione di petrolio russo, che è una componente vitale dell’economia americana. Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha confermato venerdì che Joe Biden non ha intenzione di vietare le importazioni di petrolio russo.

Psaki ha affermato che una tale mossa potrebbe avere un impatto negativo sulle economie degli Stati Uniti e dell’Europa. Tuttavia, ha chiarito che il governo sta “considerando le opzioni” per ridurre il consumo statunitense di energia russa”, secondo l’Associated Press.

Il presidente Joe Biden parla all'evento Black History Month alla Casa Bianca a Washington, 28 febbraio 2022 (AP Photo/Patrick Semansky)
Il presidente Joe Biden parla all’evento Black History Month alla Casa Bianca a Washington, 28 febbraio 2022 (AP Photo/Patrick Semansky)

La dichiarazione arriva dopo che è stato scoperto che un gruppo di senatori statunitensi sta lavorando a un progetto per vietare il petrolio russo nel paese, secondo le informazioni di Europe Press. Il senatore democratico Joe Manchin e la repubblicana Lisa Murkowski stanno scrivendo una bozza in questo senso, con il sostegno di altri legislatori.

“Dobbiamo smettere di acquistare più di 600.000 barili (di petrolio russo) al giorno dagli Stati Uniti”, ha detto ai giornalisti la NBC ha citato Manchin. Manchin è il presidente del Comitato per l’energia della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti,

“Non possiamo continuare a essere una superpotenza globale se dobbiamo dipendere da altri paesi per produrre la nostra energia”, ha aggiunto il legislatore. La normativa, non ancora finalizzata, mira a vietare l’importazione di petrolio, prodotti petroliferi e gas naturale liquefatto dalla Russia.

READ  Le Nazioni Unite definiscono insopportabile la situazione dei migranti al confine tra Polonia e Bielorussia | La Polonia sta violando il diritto internazionale effettuando rapidi rimpatri invece di concedere asilo