Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La sfida di pagare la pensione ‘baby boom’ | Economia

“Il gravidanza Potranno scegliere tra un piccolo adeguamento della loro pensione o potranno lavorare di più”, ha spiegato giovedì scorso il ministro della sicurezza sociale, José Luis Escriva in un’intervista a TVE. Per la prima volta il pensionato ha menzionato pubblicamente il conseguenze dell’arrivo di boom delle nascite (I nati tra la fine degli anni ’50 e la fine degli anni ’70) si sono ritirati e hanno indicato che ci vuole impegno.

Lo ha detto il giorno in cui governo, datori di lavoro e sindacati hanno firmato l’accordo per la prima parte della riforma delle pensioni. In questo accordo i sindacati affermano di garantire che le pensioni vengano pagate con un reddito maggiore e non con tagli come con la riforma del PP ormai completamente ritirata. La dichiarazione di Escrivà ha ammorbidito questo argomento. Quindi si sono lanciati subito su di lui. Anche l’Associazione dei datori di lavoro ha preso le distanze dal ministro con una nota che diceva: “Questa affermazione non fa parte dell’accordo raggiunto né è comune”. Il giorno dopo Escriva ha corretto: “Devo ammettere che ieri non ho avuto la mia giornata migliore e non ho trasmesso questa certezza su qualcosa ancora da decidere. Forse non mi sono espresso bene o mi sono frainteso. Erano riflessioni rumorose”.

Le dichiarazioni di Escrivá mettono sul tavolo il dibattito su come affrontare il ritiro dei cosiddetti so boom delle nascite, A causa dell’alto numero di bambini nelle famiglie. In linea di principio, c’è solo una certezza sul sistema pensionistico spagnolo: il numero delle prestazioni passerà dai 10 milioni di oggi ai 15 milioni nel 2050. Dal 2023, questa generazione inizia ad andare in pensione, una speranza di vita maggiore. Segue anche un altro caratterizzato da un basso tasso di natalità: il cosiddetto bambino collassa.

READ  La spesa al supermercato in dieci minuti

In un sistema a ripartizione come quello attuale, dove oggi gli azionisti pagano i benefici ai pensionati, questo è l’elefante nella stanza che in questi giorni è stato ignorato fino alle dichiarazioni di Escriva. Soprattutto quando questa situazione va avanti da circa tre decenni e anche quelle generazioni hanno pagato di più e più a lungo e quindi hanno ottenuto maggiori benefici. Sarà sempre possibile continuare a finanziare circa il 12% del PIL stanziato ora, quindi, وبالتالي gravidanza Avranno un’assicurazione sugli interessi. A seconda delle dimensioni dell’economia e della demografia, la fetta della torta, e quindi la quantità, può essere piuttosto grande.

maggiori informazioni

Da lì entriamo nel campo delle ipotesi. Se si rispettano le proiezioni demografiche, ci saranno solo 1,8 persone in età lavorativa in tre decenni per ogni persona oltre i 66 anni rispetto ai 3,4 di oggi. Come puoi finanziarlo? Un rapporto della Banca di Spagna afferma che i contributi devono essere aumentati di oltre il 35% per mantenere la generosità della pensione nel 2050 rispetto allo stipendio medio. E questo è un tasso di occupazione dell’80%, che ora raggiunge in tutto il mondo solo la Svizzera. In Spagna è vicino al 60%.

Lo stesso governo si rende conto nel suo piano di risanamento inviato a Bruxelles che, vista l’elevata disoccupazione, non sembra che aumentare i prezzi sia il più appropriato. Tuttavia, ammette di aumentare le tasse. Questa è una posizione sostenuta dai sindacati, che sostengono che con tasse più alte, crescita economica, più immigrazione e basi imponibili più alte a causa di meno frodi, il sistema può essere sostenuto senza modifiche.

L’Autorità per le finanze pubbliche stima che l’aumento della spesa pensionistica dopo il rollback della riforma del PP sia di circa quattro punti del PIL. Ciò equivale a un aumento della riscossione dell’imposta sul reddito delle persone fisiche di circa il 60%. Presentandosi davanti al Comitato per la Carta del Congresso di Toledo, il governatore della Banca di Spagna, Pablo Hernández de Cos, ha osservato che un aumento delle tasse di questa portata alla fine porterebbe a effetti economici simili a prezzi più alti e che influenzerebbe anche la fine, i pensionati metteranno il loro reddito come per ridurre la generosa pensione.

READ  Giovedì 8 luglio 2021 (05.30 GMT)

Tuttavia, ci sono più interruttori che possono essere utilizzati per rendere il sistema sostenibile. Se la produttività aumenta, ad esempio con il progresso tecnologico, il PIL può aumentare e consentire finanziamenti migliori. L’unica tendenza recente per questo è stata manifestazioni molto scarse. Il tasso di natalità sembra stagnare intorno a 1,2 figli per donna anche quando le cose vanno bene.

Potrebbe anche migliorare la percentuale di persone occupate fino ai livelli di paesi come Svizzera, Paesi Bassi e Nuova Zelanda, ha affermato Oscar Ars, direttore della Banca economica spagnola, sebbene ciò allevierebbe solo la metà del problema. Mostrare.

Raccomandazioni del FMI

Il Fondo Monetario Internazionale ha stimato che potrebbero essere necessari altri 5,5 milioni di immigrati, equivalenti a quanto inserito tra il 2000 e il 2007, per aiutare a finanziare le pensioni. Tuttavia, aspettati che la pensione perda circa un terzo del suo potere d’acquisto rispetto allo stipendio medio. Tutto il resto dovrà essere toccato, ha affermato il fondo, compreso l’aumento del reddito, la diminuzione della generosità delle pensioni, l’aumento del numero di lavoratori, l’estensione dell’età pensionabile e l’aumento del risparmio supplementare. Ha concluso affermando che la combinazione di tutto ciò sarà necessaria per mantenere un livello delle pensioni socialmente accettabile, nonché la sostenibilità finanziaria.

A livello di adeguamento, la Spagna è uno dei paesi in cui la pensione è una percentuale più elevata rispetto all’ultimo stipendio e allo stipendio medio. Quindi la generosità associata a queste cose può essere leggermente ridotta, rallentando l’aumento della spesa.

Un’altra opzione è quella di aumentare l’età pensionabile. Paesi come l’Italia, il Portogallo, la Danimarca e la Finlandia hanno collegato l’età pensionabile all’aspettativa di vita.

READ  Economia / Affari. Amazon ha istituito il primo centro europeo di innovazione per le operazioni in Italia

La riforma firmata questa settimana si concentra sulla mancanza di aggiustamenti, e si compone principalmente di tre assi: ripristino delle rivalutazioni con CPI; Trasferimento graduale del deficit previdenziale al bilancio dello Stato, sostenendo che esso copre le spese scorrette del sistema (quest’anno sono stati trasferiti circa 13.000 milioni e si prevede che raggiungano i 22.000); e incentivi per avvicinare l’età pensionabile effettiva all’età legale. Questi sono in realtà un miglioramento rispetto ai loro predecessori, ad eccezione del 24° e 23° mese prima del pensionamento e del 3°, 2° e 1° mese prima del pensionamento, un rapporto dell’Università di Valencia e dell’Estremadura indica che evitare il prepensionamento non è in realtà un risparmio per il sistema perché i coefficienti di ribasso sono alti e quando un pensionato va in pensione prima questo è in realtà un guadagno della previdenza sociale. “Attualmente, la riforma che è stata firmata non migliora la sostenibilità dei conti pubblici e ritarda le decisioni più difficili”, afferma Rafael Domenech, economista di BBVA.