Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La scienza scopre perché alcune persone sentono le voci dei morti – insegnami la scienza

Per molto tempo e in vari luoghi del pianeta, ho sentito storie e testimonianze di persone capaci di percepire le voci di coloro che sono morti, e sebbene queste storie possano passare solo come qualcosa di spirituale (senza alcuna base scientifica a sostegno o convalidarli), la verità è che c’è chi ha studiato questi casi.

Secondo una recente ricerca dell’Università di Durham nel Regno Unito, una maggiore predisposizione ad alti livelli di assorbimento, esperienze uditive insolite durante l’infanzia e un’elevata suscettibilità alle allucinazioni uditive si verificano più fortemente nel mezzo. chiaroudiente Si descrivono più della popolazione generale.

Queste esperienze spirituali di chiaroveggenza e presenza mentale (la capacità o la capacità di ascoltare qualcosa che non è nell’orecchio ma che si ritiene abbia una realtà oggettiva o è attribuita a “entità spirituali”) sono di grande interesse per la comunità scientifica. , sia per antropologi dediti allo studio di questi eventi in diverse regioni del mondo, sia per psicologi e psichiatri che si dedicano allo studio di allucinazioni, eventi patologici e cambiamenti cerebrali negli individui.

Secondo i ricercatori, i risultati della ricerca possono aiutarci a comprendere meglio gli stati uditivi e allucinatori dei pazienti con schizofrenia e disturbi mentali simili. Gli spiritualisti tendono a riferire esperienze di ascolto insolitamente positive, che iniziano presto nella vita e spesso sono sotto controllo. spiegato Il dottor Peter Moseley, psicologo del Dipartimento di Psicologia di Newcastle upon Tyne e autore principale dello studio. “Capire come si sviluppa è importante perché può anche aiutarci a capire di più sulle esperienze dolorose o incontrollabili dell’udito delle voci”.

Nel loro studio, i ricercatori hanno utilizzato un campione di 208 individui, di cui 65 erano mediatori chiaroudienti della National Spiritualist Federation del Regno Unito e 143 laici (che fungevano da controllo negativo). Complessivamente, quasi il 45% degli spiritualisti ha riportato la capacità di percepire i suoni su base giornaliera e solo il 31,7% ha affermato che non si limitano alle “voci interiori”, ma anche a quelle esterne. I risultati hanno anche mostrato che gli spiritualisti hanno avuto la loro prima esperienza di ascolto quando erano giovani, cioè prima dei 30 anni, combinata con un alto livello di assimilazione (full immersion in compiti e attività mentali o stati alterati).

READ  WhatsApp | Come vedere lo stato dei tuoi amici senza lasciare traccia | visto | 2022 | Applicazioni | Smartphone intelligenti | nda | nni | dati

D’altra parte, nel gruppo di controllo, livelli più elevati di assorbimento erano strettamente correlati alla credenza nel paranormale. In entrambi i gruppi non c’erano differenze nei livelli di credenza nel paranormale e nella suscettibilità alle allucinazioni visive.

“I nostri risultati dicono molto sull’apprendimento e sul desiderio. Per i partecipanti, i principi della spiritualità sembrano avere senso sia per le esperienze insolite dell’infanzia che per i fenomeni uditivi ripetitivi che sperimentano come modalità di pratica”. È una dichiarazione Dott.. Adam Powell, del Dipartimento di Teologia e Religione della Durham University, Phonics Project.

“Ma tutte queste esperienze possono derivare dall’avere determinate tendenze o abilità precoci più di una semplice convinzione nella possibilità di contattare i morti se ci si impegna abbastanza”.

Secondo gli esperti, la ricerca futura dovrebbe esplorare una varietà di contesti culturali per comprendere meglio la relazione tra assimilazione e credenze sui sussurri di fantasmi nell’orecchio.

La ricerca è stata pubblicata in Salute mentale, religione e cultura.

Condividi la conoscenza, condividi la conoscenza.