Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Russia minaccia di tagliare i flussi di gas verso l’Europa | Economia

Poster della compagnia di gas statale russa GazpromDPA tramite Europa Press (Europa Press)

Martedì la Russia ha minacciato di interrompere le forniture di gas all’Europa attraverso il gasdotto Nord Stream 1 in risposta alle sanzioni imposte dall’Occidente per l’invasione dell’Ucraina. Il vice primo ministro Alexander Novak ha dichiarato che Mosca ha tutto il diritto di agire se verranno imposte nuove sanzioni alle sue esportazioni di energia. Il divieto del gas, se approvato, potrebbe provocare ulteriori turbolenze nei mercati energetici e aumentare ulteriormente i prezzi dell’energia. Ma avrà anche importanti conseguenze per il gigante eurasiatico, un’economia fortemente dipendente dalle esportazioni di combustibili fossili (gas e petrolio) e che ha bisogno di questa fonte di reddito ora più che mai.

L’Europa consuma circa 500.000 milioni di metri cubi di gas all’anno, il 40% dei quali proviene dalla Russia. Per decenni, la Russia è stata un partner affidabile, qualunque cosa accada. Finora, Gazprom ha pienamente rispettato i suoi obblighi contrattuali, i suoi obblighi di consegna del gas in Europa, ha affermato il vicepremier in dichiarazioni compilate da Interfax. I mercati hanno appena risposto ai commenti di Novak poiché lo considerano un’altra puntura nell’escalation della guerra in Russia, una campagna che devono finanziare con lo stesso gas che minacciano di tagliare.

La dipendenza dell’Europa dal gas russo è stato un fattore importante negli sforzi dei leader del continente per concordare come rispondere all’invasione dell’Ucraina. Lo scorso febbraio, quando è iniziata l’invasione, la Germania ha cancellato il progetto del gasdotto Nord Stream 2 con un investimento di 11.000 milioni. Ora i funzionari dell’UE affermano che stanno lavorando a un piano per ridurre il fabbisogno di importazioni del blocco dalla Russia di circa l’80% quest’anno. E alcuni paesi che hanno un disperato bisogno di forniture russe, come l’Italia, ritengono possibile interrompere completamente le relazioni con questo paese in un massimo di due anni e mezzo.

READ  La Borsa di Santiago è tra le più alte al mondo dopo che il Senato ha respinto il quarto ritiro | Economia

L’annuncio del vicepremier russo arriva dopo diversi giorni di forte rialzo dei mercati del gas europei, con prezzi in aumento di quasi l’80% a causa dei timori di interruzioni dell’approvvigionamento dalla Russia o, più recentemente, dell’espansione delle sanzioni occidentali, finora. Attenzione ad escludere il settore elettrico.

Conosce a fondo tutti gli aspetti della moneta.

Sottoscrizione

Le spedizioni in Europa attraverso l’Ucraina sono aumentate a 109 milioni di metri cubi al giorno, secondo i dati forniti da Novak, che equivalgono a spedizioni in Europa di circa 40 miliardi di metri cubi all’anno. “Il trasferimento è raggiunto al 100% fino ad oggi. Ma allo stesso tempo, dopo le accuse infondate contro la Russia per la crisi energetica in Europa e l’embargo sul Nord Stream 2, abbiamo tutto il diritto di vendicarci e imporre il divieto di pompaggio di gas attraverso il Nord Stream 1.”.

La decisione non è ancora stata presa, secondo il vicepremier, il quale ha osservato che con le sanzioni reciproche sul gas “nessuno vince (…) nonostante i politici europei, con le loro accuse e accuse, ci spingano verso di essa. ” . Ancora una volta, i funzionari europei stanno cercando di ritenere la Russia responsabile dei loro problemi e degli errori nella loro politica energetica negli ultimi anni, “mentre negano ogni responsabilità per il recente aumento dei prezzi e le fluttuazioni del mercato del gas. Si è accontentato, dicendo: “La Russia non ha nulla a che fare con questo”.