Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Russia attacca una base militare in Ucraina e annuncia la ripresa del dialogo | L’attentato ha ucciso 35 persone e ferito 134, secondo le autorità ucraine

Domenica, la Russia ha ampliato i suoi obiettivi in ​​Ucraina con attacchi a una base militare vicino al confine con la Polonia.Kiev ha detto che ci sono già più di 2.100 morti tra i civili in una delle sue città assediate. Le forze russe hanno attaccato la base militare di Yavoriv, ​​a circa 40 chilometri a nord-ovest di Leopoli, meta di migliaia di sfollati interni e situata a circa 20 chilometri dal confine con la Polonia, membro della NATO. Il bombardamento ha ucciso 35 persone e ferito 134 Secondo il governatore della regione ucraina, Maxim Kozytsky. Da parte sua, il ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, lo ha confermato “Sono stati eliminati fino a 180 mercenari stranieri e un gran numero di armi straniere”. Negli attacchi alla base militare e alla città di Starichi.

Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto dopo minuto

Nell’Ucraina meridionale, dove la Russia aveva fatto la sua più grande avanzata fino ad oggi, prese il controllo di diverse città e ne assediò altre. Un attacco russo ha ucciso nove persone a Mykolaiv, vicino al porto di Odessa. Mentre Giornalista americano assassinato a Irvine, un sobborgo a nord-ovest di Kiev. in tale contesto , I negoziatori russi e ucraini si incontreranno di nuovo lunedì tramite collegamento videocome annunciato da entrambe le parti.

Bombardamento di Yavorev

Purtroppo abbiamo perso altri eroi: 35 persone sono rimaste uccise a causa del bombardamento del Centro per la pace e la sicurezza. Altre 134 persone con vari gradi di ferite sono state trovate in ospedale, “Maxim Kozytsky, capo dell’amministrazione statale della città di Lviv, vicino al luogo dell’attacco, ha annunciato il suo account su Telegram”. Il Mar Nero e il Mar d’Azov. Gli aerei sono decollati dall’aeroporto di Saratov. In totale, i passeggeri hanno sparato più di 30 missili.

L’esercito russo, che ha iniziato la sua invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, aveva concentrato i suoi obiettivi nell’est e nel sud del paese, nonché intorno alla città di Kiev. Ma domenica la sua offensiva lo ha portato più vicino al confine dell’Ucraina con l’Unione Europea, a soli 20 chilometri dal territorio polacco e dalle strutture dove lavorano i dipendenti stranieri.

READ  Mercati: il mercato azionario cileno crolla tra i dubbi sul futuro del paese

Il ministero della Difesa russo ha confermato l’attacco e ha fornito ulteriori dettagli. “La mattina del 13 marzo, armi a lungo raggio di alta precisione hanno attaccato i centri di addestramento delle forze armate ucraine nella città di Starichi e il campo di addestramento militare a Yarofeev”, ha affermato il portavoce del ministero. difesa russa, Igor Konashenkovin una conferenza stampa curata da TASS.

Konashenkov ha descritto la base del cosiddetto Centro internazionale per le operazioni di pace e sicurezza Il luogo del “coordinamento dei mercenari stranieri prima che vengano inviati nelle zone di combattimento contro l’esercito russoE una base per riporre armi ed equipaggiamenti militari provenienti da paesi stranieri”. A seguito degli attacchi di domenica “Sono stati neutralizzati fino a 180 mercenari stranieri e un’ampia selezione di armi straniere”Secondo il portavoce russo.

Anche a Mykolaivuna città costiera del sud, Nove persone sono state uccise in un altro attentato russoSecondo il capo dell’amministrazione militare regionale della regione Vitaly Kim. Nel frattempo, le forze russe stanno cercando di circondare le forze ucraine nell’est del paese, cercando di accerchiarle “avanzando da Kharkov a nord e assediando Mariupol a sud”, secondo l’ultima parte dell’intelligence militare britannica. . Queste fonti confermano che le forze russe che avanzano dalla Crimea, una regione ucraina annessa da Mosca nel 2014, vogliono dirigersi a ovest verso Odessa.

2.187 furono uccisi a Mariupol

Più di 2.100 residenti della città assediata di Mariupol sono stati uccisi dall’inizio dell’offensiva russa, ha detto domenica il sindaco della città ucraina assediata di Mariupol, Vadim Boychenko. “Passeggeri che attaccano deliberatamente e cinicamente condominiaree densamente popolate, distruzione di ospedali pediatrici e infrastrutture urbane (…) Finora, 2.187 residenti di Mariupol sono stati uccisi negli attacchi russiBoichenko ha detto sul suo account Telegram.

READ  Paura e incertezza: le viscere fuse di Chernobyl stanno diventando più grandi e gli scienziati non sanno perché

“In 24 ore abbiamo assistito a 22 esplosioni in una città pacifica. Su Mariupol sono già state sganciate circa 100 bombeIl sindaco di una strategica città costiera situata tra la Crimea e il Donbass si trova in una situazione “semi disperata”, priva di cibo e priva di acqua, gas, elettricità e comunicazioni, secondo Medici senza frontiere.

Dall’inizio dell’offensiva russa, 596 civili ucraini sono stati uccisi, secondo le Nazioni Unite.L’ufficio del procuratore ucraino ha riferito che tra loro c’erano 85 bambini. Inoltre, dallo scorso 24 febbraio, sono stati registrati 12 morti e 34 feriti in 31 attacchi al personale sanitario e alle infrastrutture, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha chiesto congiuntamente un cessate il fuoco con l’Agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF).

Russi e ucraini riprenderanno i negoziati lunedì

Trattative tra Ucraina e Russia Per cercare di porre fine alle ostilità Mykhailo Podolak, negoziatore e consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha confermato che avrebbero continuato lunedì in videoconferenza, poco prima che Mosca lo annunciasse. “Lunedì si terrà una sessione di negoziazione per riassumere i risultati preliminari” dei colloqui, ha aggiunto.Podoliak ha scritto su Twitter.

Da parte sua, Leonid Slutsky, un membro della delegazione russa che ha recentemente incontrato i negoziatori ucraini in Bielorussia, ha affermato che i colloqui stanno procedendo. “Se confrontiamo la posizione delle due delegazioni tra l’inizio dei negoziati e ora vediamo progressi significativi”.Slutsky ha confermato.

Lo stesso presidente dell’Ucraina, Volodymyr ZelenskySabato l’ha detto “Ci sono dei segnali positivi” dalla Russia nelle trattative in corso. “Ora la parte russa nei negoziati ha iniziato a parlare di questioni e non solo a lanciare ultimatum. Penso che questo sia un approccio completamente diverso. “Deve essere così”, ha detto il presidente ucraino.

READ  Con Pfizer: L'Unione Europea chiude la più grande azienda di vaccini al mondo

Dall’inizio della guerra, Russia e Ucraina hanno condotto tre cicli di negoziati diretti con le delegazioni di entrambi i paesi al confine polacco-bielorusso. Dopo questi contatti, in cui c’erano solo pochi accordi, I ministri degli Esteri dei due Paesi si sono incontrati per la prima volta in Turchia la scorsa settimana.