Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La riforma del patto di stabilità si rafforza in Europa a causa dei rischi di mancato recupero | Economia

La crisi del Covid-19 ha dato il tocco finale alla stretta interpretazione del patto di stabilità, imposta dalla Germania durante la prima grande crisi dell’euro (2010-2014). Sulla scia della pandemia, l’Unione Europea è stata costretta a sospendere il patto per favorire un’iniezione senza precedenti di risorse pubbliche. E ora, nel pieno della ripresa iniziale, Bruxelles si rende conto dell’impossibilità di far letteralmente rispettare le regole perché potrebbe causare una nuova recessione. La Commissione Europea aveva già avviato il processo di riforma e il consenso sulla necessità di cambiamenti si è diffuso così rapidamente che il dibattito si è spostato sulla dimensione quasi inevitabile della revisione.

L’ex presidente della Commissione Europea, Romano Prodi, ha definito “stupide” le regole del Patto di stabilità. C’è chi parafrasa il professorePreferisce chiamarli “idioti”. Altri, meno severamente, ne segnalano le carenze: complesse, vaghe, incomprensibili – ad eccezione di pochi funzionari europei – o difficili da rispettare senza provocare “costi sociali ed economici esorbitanti” in alcuni paesi dell’UE (Grecia, Italia, Portogallo, Spagna o Francia). Da questo punto di partenza crescono i proponenti di rivedere la Carta o quanto meno di modificarne le regole di funzionamento. Dopo la crisi del COVID-19, le regole ideate nel 1997 sembrano del tutto superate, se non stupide, almeno impraticabili.

In prima linea nel riesame l’intera Commissione Europea, che a settembre ha lanciato una consultazione pubblica per raccogliere proposte, e ha ripreso l’iniziativa a febbraio 2020. L’obiettivo è recepire gli insegnamenti e le conseguenze della pandemia, focolaio sanitario che ha costretto spesa e debito pubblico ad aumentare drasticamente per mitigarne le conseguenze economiche e sociali.

Dopo la Commissione, altri organismi come il Consiglio finanziario europeo – una sorta di Airef europeo – si sono uniti e per la porta laterale, Il Meccanismo Europeo di Stabilità (Mede), che ha pubblicato una proposta di riforma formulata da diversi economisti. Il documento non è la posizione ufficiale del Midi, ma è difficile immaginare che non abbia l’approvazione del suo capo, il falco tedesco Klaus Regling.

READ  L'Unione Europea stanzia 2.700 milioni di euro per il recupero di Spagna, Italia e altri membri

I principi più noti del Patto di stabilità e crescita sono: il disavanzo annuale dei conti pubblici non può superare il 3% del PIL e il debito degli Stati deve essere inferiore al 60%. Ma d’ora in poi, tutto diventa complicato e più oscuro anche per coloro che sono responsabili della sua applicazione. Il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, ha scherzato su questo giornale: “Alcuni di coloro che lavorano con loro li paragonano alla Sagrada Familia”. Una di quelle regole che non sono facili da capire per la gente comune e quasi impossibili da rispettare senza provocare una recessione è ridurre di un ventesimo ogni anno tutti i debiti superiori al 60%. Un taglio di queste dimensioni condannerebbe molti paesi, tra cui la Spagna, a un forte calo della crescita, secondo gli economisti di tutte le scuole. Il commissario italiano ha ammesso che “il percorso di riduzione del debito deve essere più realistico”.

“La cosa logica è rendersi conto che ci sono regole che non funzionano e che ci sono altre regole stupide, come venti, ha senso rendersi conto che quello che hai non funziona”, dice l’economista Carlos Martinez Mongay. Lo stesso vale per il Financial Council, che aggiunge che ciò riduce la credibilità. In linea di principio, gli Stati dovrebbero tornare alle regole sospese l’anno prossimo. Ma lungo la strada, una robusta ripresa – o una ripresa per il momento – è stata superata e allo stesso tempo incerta: catene di approvvigionamento al collasso e inflazione estremamente alta ora si aggiungono a un nuovo lotto della pandemia, con misure restrittive per fermarlo . In molti paesi dell’Europa centrale (Belgio, Germania, Austria, Olanda…).

A questo punto si è aperta la discussione per una nuova revisione, che poco più di una settimana fa è arrivata per la prima volta all’Eurogruppo e all’Ecofin, la riunione rispettivamente dei ministri delle finanze dell’Eurozona e dell’UE. “È stato un bene”, affermano diverse fonti che hanno familiarità con il modo in cui è stato condotto il dibattito tra i ministri. In un delegato presente, hanno notato che “quasi tutti hanno convenuto che le regole dovrebbero essere più semplici” e che “ciò che non è chiaro è che lo comprendiamo tutti allo stesso modo”. E hanno sottolineato questa settimana quello tra i Paesi che hanno sempre mostrato la maggiore riluttanza a cambiare, spiegando che la loro posizione non è cambiata dalla lettera firmata da molti di loro a settembre, aggiungendo che la prima cosa è la spesa. denaro in modo efficace. Fondi del Fondo di riscatto.

READ  Il G20 sta tornando in vita con la sfida del controllo dell'epidemia e della ripresa economica

Tra i contributi a questo dibattito spicca quello del Consiglio delle finanze, che nella relazione difesa giovedì dal suo Presidente davanti al Parlamento europeo ha elogiato l’apertura del dibattito e ha chiesto una riforma nel 2023, “meglio della mia discrezionale applicazione delle regole esistenti “. La sua proposta è di mantenere il tetto del deficit al 3%, indennità progettate specificamente per ridurre il debito e proteggere gli investimenti insieme a un fondo che ha il potenziale per stabilizzare le economie (come è avvenuto durante la crisi, era SURE, che ha finanziato l’assicurazione contro la disoccupazione statale) .

Questo abito su misura è anche ciò che sostiene Paul de Grauy: “Il 60% non ha alcun senso economico. Per alcuni può essere il 60%, per altri è l’80%, dipende”. Il professore di economia politica alla London School of Economics sostiene che il debito non deve essere negativo se viene utilizzato per investimenti. Martinez Mongay ha messo sul tavolo anche il percorso di riduzione del debito individuale, sottolineando però che “ci sono paesi con livelli di debito che non scendono nei periodi di crescita e già salgono con una leggera recessione”.

Anche gli economisti del meccanismo europeo di stabilità si sono concentrati sul debito. La sua proposta stellare, a differenza delle altre, è omogenea per tutti: mantenere un deficit del 3% del Pil e alzare il tetto del debito dal 60% al 100%. Ed è stato proprio quest’ultimo ad essere temperato dal prossimo ministro delle finanze tedesco, il liberale Christian Lindner, che fino a giorni fa era inflessibile e ora trova questa proposta intrigante.

READ  L'Italia deve essere vaccinata con dosi di richiamo contro il COVID-19 entro cinque mesi

Ma questo non basta alla Francia, il Paese che assume la presidenza il prossimo semestre e che potrebbe cogliere l’occasione per spingere per un cambio di regole che non gli piace, come ha chiarito in una recente intervista il suo ministro delle finanze Bruno LeMarie. In un giornale tedesco. Difende anche gli obiettivi di debito di ogni paese e considera il tetto del deficit obsoleto, un punto in cui chiede maggiore flessibilità all’Autorità finanziaria europea.

La distanza tra le posizioni dei due principali Stati membri dell’Ue anticipa che il dibattito e la revisione non si chiuderanno rapidamente. In questi giorni un’importante fonte europea ha sottolineato che “a Bruxelles non si costruiscono alternative dall’oggi al domani”, a favore di questa alternativa che si costruisce su tre pilastri: il recovery fund, la riforma delle basi finanziarie e delle risorse per la transizione energetica, che la Commissione stime a più di mezzo trilione di euro all’anno fino al 2030.

La prima tappa del processo che si è aperto ad ottobre dovrebbe arrivare in primavera, ma prima Bruxelles non aveva ancora fissato i parametri per i budget 2023 che sarebbero stati stilati, e la clausola protettiva che avrebbe liberato il corsetto della spesa pubblica. Nel frattempo, la pandemia è ancora lì e la sua minaccia rappresenta – per la salute e l’economia – con nuove restrizioni che avanzano nell’Europa centrale.