Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La “realpolitik” italiana di Mario Draghi sul gas russo

Quando Mario Draghi si riferisce al gas russo, cammina sui gusci d’uovo. Come esprime la sua ferma opposizione all’invasione dell’Ucraina pur continuando a comprare una materia prima fondamentale per l’Italia?

Come la Germania, la penisola perderà molto se la Russia chiuderà il rubinetto del gas.

Ecco perché l’Italia è riluttante ad accettare sanzioni contro la Russia, anche se ora, come altri paesi dell’UE, compare nella lista nera di quelli che Mosca considera “ostili”.

Come la Germania, l’altra grande economia europea che lotta per liberarsi dal gas russo dall’oggi al domani, l’Italia sarà irritata dai divieti europei sugli idrocarburi russi, come quello annunciato martedì dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

L’Italia importa il 95% del gas che consuma, di cui il 45% proviene dalla Russia. La Germania acquista il 55% del gas da Mosca. Ma in Italia rappresenta il 42% del suo consumo di energia e solo il 25% del suo consumo in Germania.

Ecco perché Roma si è posta l’obiettivo di porre fine a questa subordinazione “il più rapidamente possibile”.

“Non è un compito facile, ma va fatto”, ha ammesso mercoledì Draghi davanti alla Camera dei rappresentanti. Ha avvertito che “sono in gioco la nostra sicurezza e la nostra libertà”.

L’Italia, che ha abbandonato il nucleare più di tre decenni fa, prevede di aumentare la produzione annua di gas naturale da 3,34 miliardi di metri cubi a 5 miliardi di metri cubi. Aumenterà anche le sue importazioni di gas naturale liquefatto (GNL) dagli Stati Uniti.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è recato in Algeria, secondo fornitore di gas italiano, a fine febbraio per aumentare le forniture.

READ  Settori che crolleranno a causa delle perdite

– ‘Economia di guerra’ –

Altri produttori, con un passato turbolento, potrebbero entrare nella mischia, tra cui Azerbaigian, Tunisia e Libia.

Draghi ha parlato al telefono con l’emiro del Qatar, per garantire un aumento delle spedizioni di Gnl verso l’Italia.

“Queste forniture non sono sufficienti a compensare la potenziale riduzione del gas russo”, ha detto all’Afp Roberto Bianchini, direttore dell’Osservatorio Climate Finance del Politecnico di Milano.

Il viceministro degli Esteri Manlio Di Stefano ha ammesso: “Ci stiamo preparando per un’economia di guerra, con la speranza di non arrivare a questo punto”.

Ha valutato che “se la fornitura di gas fosse stata interrotta, avremmo garantito due settimane di completa indipendenza, due settimane senza industria e poi completa oscurità”.

Avvertimento esagerato?

«L’Italia ha attualmente una delle più grandi riserve di gas d’Europa, al 30%, e potrebbe importare più GNL e riattivare centrali a carbone per evitare questo scenario – afferma Simone Tagliapietra, professore di energia all’Università Cattolica – Non ci saranno blackout .”. Milan con l’Afp.

Secondo i suoi calcoli, l’Unione europea pagherà 1 miliardo di euro (1,1 miliardi di dollari) al giorno a Mosca da aprile per l’acquisto di petrolio e gas.

– Il carbone sta tornando? –

Il ministro italiano per la Trasformazione ambientale, Roberto Cingolani, ha ammesso che ci vorrà del tempo per smettere di fare affidamento sul gas russo.

“Abbiamo bisogno di 24-30 mesi per essere completamente indipendenti”, ha detto.

Nonostante Draghi sia impegnato a incrementare l’uso delle energie rinnovabili, non esclude di allungare la vita delle sei centrali a carbone ancora in funzione e destinate a scomparire entro il 2025.

Bianchini afferma che “per evitare interruzioni di corrente, l’unica alternativa è utilizzare centrali a carbone”, nonostante l’impatto catastrofico sull’ambiente.

READ  Il mondo è ancora prevedibile, ma inizia ad agire prima che la variante omicron avanzi

Da parte sua, Draghi ha chiesto l’imposizione di sanzioni europee su “alcuni settori, energia esclusa” in Russia.

bh / kv / js / it