Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La provincia si è distinta da Casa Rosada e ha bocciato la possibilità di inserire terze dosi nella campagna di vaccinazione contro il Corona virus

Discussione sul possibile Applicazione della terza dose In Argentina genera già notevoli differenze di governo. Fu allora che era ministro della Sanità per la nazione Carla Vizzotti confermato “Analizzano” la domanda Potrebbero essere gli operatori sanitari e le persone con immunodeficienza a ricevere questi rinforzi, e le loro controparti della provincia di Buenos Aires Nicholas Kreplac ha sottolineato che”Non mi sembra una realtà da attuare“.

La discussione sul caso ha iniziato a formarsi settimane fa dopo quanto rivelato TN.com.ar. Quello che era iniziato come un dibattito interno è stato ora annunciato.

Questo martedì, il capo del National Health Portfolio ha detto che “I rinforzi erano sempre all’ordine del giorno”, Ma ha avvertito che la priorità del governo in questo momento era completare i programmi di vaccinazione.

Tuttavia, in un dialogo con la radio Continentale Ha spiegato: “Stiamo analizzando la possibilità di dare una spinta a un certo gruppo di operatori sanitari, soprattutto persone immunocompromesse. Non sarà prima della fine dell’anno di sicuroL’obiettivo è completare gli schemi e abbiamo ancora un’enorme domanda di vaccini”.

Solo un’ora dopo, in una conferenza stampa, Kreplak ha presentato la sua posizione sulla questione e ha spiegato che il ministero della Salute di Buenos Aires non prevede di collocare terze dosi.

In Argentina, nella provincia di Buenos Aires, non crediamo che la terza dose sia un fatto da attuare. Se c’è del lavoro da fare, su alcune popolazioni che possono avere una risposta immunitaria inferiore al virus per analizzare se vale la pena. Oggi sembra una campagna vendita di certi laboratoriÈ stato decisamente licenziato.

In questo modo, mentre Casa Rosada non esclude una terza dose, sembra che abbiano seppellito quella possibilità nella zona di Buenos Aires.

Non abbiamo informazioni sanitarie in nessuna parte del mondo che incoraggino l’uso di terze dosi.. L’Organizzazione Mondiale della Sanità sconsiglia le terze dosi e richiede ai paesi che stanno valutando di applicarle di donarle ad altri paesi che ne sono sprovvisti. Se continuiamo a vaccinare con la terza, quarta e quinta dose nei paesi molto ricchi e senza vaccinazione nei paesi non ricchi, Ipotizziamo l’emergere di varianti che evitano efficacemente la risposta immunitaria E che questi vaccini non hanno più senso. La giustizia è molto importante in questa pandemia”, ha continuato il ministro Axel Kiselov.

Il dibattito su una terza dose sta iniziando a prendere piede nel governo in un momento in cui la variante delta del coronavirus minaccia di diffondersi in modo sociale in tutto il paese.

Come noto TN.com.ar Da fonti sanitarie ufficiali, se il governo deciderà finalmente di mettere una dose di richiamo, accadrà all’inizio del 2021 e chi riceverà la terza dose sarà Professionisti della salute di età superiore ai 60 anni Coloro che sono stati vaccinati con il primo vaccino a dicembre 2020 e a gennaio e febbraio 2021. Cioè, il vaccino verrà applicato di nuovo un anno dopo aver ricevuto il primo.

Al governo hanno già rivelato le loro divergenze sulla terza dose. Crediti: EFE.

La maggior parte degli operatori sanitari e delle persone con più di 60 anni che sono state vaccinate tra la fine del 2020 e l’inizio del 2020 lo hanno fatto. Sputnik. A causa dell’instabilità nell’erogazione della dose da parte di questi e di altri laboratori, il Ministero della Salute del paese non sa quali sieri saranno disponibili al momento dell’inserimento dei booster. Per questo motivo, nel prossimo futuro si unirà a un gruppo di studi sulle combinazioni di vaccini Prove relative al posizionamento dei rinforzi.

Con dosi di Sputnik V e AstraZeneca arrivate lunedì pomeriggio L’Argentina ha superato i 43 milioni di vaccini E resta da realizzare una parte significativa dei contratti con la Russia (5 milioni per la componente 1 e circa 12,5 milioni per la componente 2) e AstraZeneca (circa 12 milioni di dosi).

A queste dosi in sospeso si aggiungono contratti con Pfizer per altri 20 milioni di unità; parlare in egual numero; 5,4 milioni di dosi da CanSino, circa 10 milioni dal laboratorio indiano Bharat Biotech che produce dosi di Covaxin e oltre 7 milioni di COVAX. In altre parole, il paese riceverà tra il resto dell’anno e i primi sei mesi del 2022 92.814.900 vaccini, che consentirà a Casa Rosada di disporre di un ciuccio per somministrare le terze dosi se necessario.

in un Uruguay, il governo ha annunciato la decisione di applicare una dose di Pfizer a coloro che hanno ricevuto Sinovac e in Israele È stata presa la decisione di applicare un terzo siero a coloro che hanno più di 60 anni.

READ  Almeno 16 persone sono morte in un incidente aereo nella Russia occidentale