Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Nuova Zelanda sconfigge l’Australia e si avvicina al titolo del campionato di rugby: cosa deve succedere al Sud Africa per vincere la celebrazione finale

Auckland (AFP). La Nuova Zelanda ha battuto l’Australia 40-14 Nell’impenetrabile Eden Park, ad Auckland, durante la sesta e ultima giornata di Campionato di rugby, e ha fatto un passo verso il titolo, in attesa dell’esito della sua diretta competizione per la corona, il Sud Africa, che dalle 12:10 in Argentina porterà i Pumas a Durban, già esclusi dalla lotta per la consacrazione. A rigor di termini, avevano pochissime possibilità di raggiungere questo obiettivo e contavano su un doppio risultato.

Grazie al bonus offensivo ottenuto contro gli australiani, gli All Blacks guidano la classifica con 19 punti. Il Sudafrica affronta l’Argentina questo pomeriggio, Devi ottenere vittoria, bonus offensivo e squadre di almeno 39 punti su Pumas per vincere la competizione per differenza reti complessiva.

Ardie Savea celebra l’offerta di Codie Taylor per gli All Blacks, che hanno battuto di nuovo i WallabiesHannah Peters – Getty Images AsiaPac

Questa lunga vittoria e il terzo titolo consecutivo nel rugby danno un po’ d’aria a Ian Foster, un allenatore che ha profondamente messo in dubbio i suoi risultati irregolari, con sei sconfitte nelle ultime 11 partite. Foster era il bersaglio preferito della critica professionista e del palato esigente del tifoso neozelandese, abituato alle richieste secondo la storia della migliore squadra del mondo.

“Sono contento di questa prestazione, possiamo sempre migliorare ma Mi è piaciuto il nostro atteggiamento”, ha detto Foster dopo la partita. Dopo la dura vittoria della scorsa settimana a Melbourne (39-37), dove gli All Blacks hanno segnato un tentativo nell’ora in cui la sconfitta sembrava già condannata, i neozelandesi hanno mostrato più maturità sabato all’Eden Park, in una partita in cui erano solo uno colore.

READ  Addio al bellissimo Mondiale

Wing Will Jordan ha trovato il suo primo percorso da gol (23) e ha segnato il suo 21esimo tentativo in molte partite con la nazionale, Jordy Barrett ha servito bene e dopo aver superato il centrocampista australiano Jason Pettaya. Gli uomini di Ian Foster mostrarono i muscoli È stato premiato con un calcio di rigore (27) dopo un attacco atterrato dai Wallabies davanti all’area di punteggio. Nella ripresa il dominio è proseguito grazie ai propri attaccanti, con i tentativi di Samuel Whitelock (47), Cody Taylor (54) e Samisoni Taukiyaho (66).

Rieko Ioane si occupa di Angus Bell e Jake Gordon.  La Nuova Zelanda era molto meglio
Rieko Ioane si occupa di Angus Bell e Jake Gordon. La Nuova Zelanda era molto meglioBrit Phipps – Photosport

Tenace in difesa per diversi minuti, Gli All Blacks si sono arresi solo due voltela prima dopo aver fallito nel respingere il piede del neozelandese Richie Muunga e aver approfittato del tentativo di Colby Vainga (60) e poi segnando Petya sotto i bastoni (80 + 2).

“Privarli di segnare nei primi 60 minuti è stato incredibile”, ha detto il capitano degli All Blacks Samuel Whitlock. L’Australia, la squadra più sanzionata della competizione, ha sofferto ancora una volta episodi di indisciplina, soprattutto con due cartellini gialli (Jade Holloway al 3′, Dave Borecki al 27′), portando il loro totale a nove, il punteggio più alto in questo torneo di rugby. . . “Giocare con 13 giocatori dopo due cartellini gialli nel primo tempo ci ha messo in posizione difensiva”, Riconosciuto da Prop e Capitano dei Wallabies, James Sleeper. “Per noi è un risultato molto deludente”.

Nuova Zelanda: Bowden Barrett. Will Jordan, Rico Ewan, Jordi Barrett e Caleb Clark; Richie Muonga e Aaron Smith; Ardi Savia, Dalton Babali e Akira Ewan; Samuel Whitlock e Brody Ritalik; Trail Lomax, Cody Taylor e Ethan de Groot.

READ  Gli italiani potranno finalmente godersi una vita mondana | ...

Australia: Andrew Killaway. Tom Wright, Lin Iketaw, Lalakai Fukte e Marika Koropet; Bernard Foley e Jake Gordon; Harry Wilson, Pete Samo e Rob Valenti; Kaderen Neville e Jed Holloway; Alan Alatawa, David Borecki e James Slipper.

atteggiamenti

1°, Nuova Zelanda, 19 punti, +67 di differenza reti

2° posto, Sud Africa, 14 punti, +28

3° posto, Australia 10 punti, -52

Quarto, Argentina 9 punti, -43

Criteri di spareggio

I criteri per rompere un pareggio in un torneo di rugby sono i seguenti: