Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La nuova vita dell’Argentina in Europa è stata fondamentale per il record di Esteban Paredes

Ivan Rossi Sono trascorsi cinque mesi in colo colo Dove ha vissuto molte cose. Era importante nel centrocampo della squadra, in quel momento, in testa Mario Salas, ma a causa della diffusione sociale di 2019 e altri temi, Ha finito per lasciare il club. È stato un anno senza gioco fino a quando è arrivata una strana destinazione: Serie A italiana. In altre parole, la terza divisione di quel paese.

“Sono andato lì per aggiungere minuti perché in Argentina non volevo più giocare. Non volevo fermarmi a lungo e sono andato in Italia per riprendere il ritmo”, Dice il pilota all’AS Chile dal Portogallo.

Oggi è molto diverso. Rossi è molto felice nella prima classe portoghese Maritimo, Dove la posizione è già stata conquistata. Anche la qualità della vita lo rende felice.

“Vivo nell’isola di Madeira, dove è nato Cristiano Ronaldo. È molto bello e dista 1 ora da Lisbona. È un bellissimo campionato, ci giocheremo domani sportivo (L’ultimo eroe). Sono venuto con mia moglie e mia figlia, quindi non potevo chiedere di più. Vivi molto bene”.

– Perché non vuoi suonare di più nel tuo paese?
– La verità è che l’insicurezza, l’economia, dove purtroppo la nostra moneta non vale molto visto che abbiamo una carriera breve, si dà priorità al futuro della propria famiglia e del proprio futuro. Cerco sempre di mirare all’esterno. Qui il club è molto organizzato, se hai un problema l’euro non cambierà mai. Questa calma ti permette di dedicarti completamente al calcio.

– Cosa ha trovato in Sambenedettese? È la squadra italiana di Serie C…
– Non mi aspettavo di andare in una sezione del genere, ma non c’era molta scelta mentre non giocavo. Inoltre, nel club era Maxi Lopez e Robin Botta. La loro chiamata mi ha convinto ad andare e mia figlia aveva solo un mese e ho pensato di andare a vivere lì tranquillamente. Per fortuna a me è andata bene, perché se le cose vanno male è difficile uscire da quelle spaccature. Ogni partita è stata giocata bene.

READ  Luna di miele tra Parigi e Roma - Diario Digital Nuestro País

Era una mossa rischiosa…
– Si si. dopo, dopo colo coloAvevo tante offerte che non ho accettato per vari motivi, poi è arrivata la pandemia e mi sono allenato al River ma a parte questo ho avuto un anno di inattività. L’ho giocato, ero sicuro che sarebbe andato bene per me.

– È stata una bella esperienza?
– Come ogni cosa, cerco di trarne il meglio. Sono entrato in Europa dalla mano di quel club e oggi sono nel primo campionato portoghese e sto affrontando grandi squadre e non mi manca nulla. In Italia vivevo vicino all’Adriatico, era un posto bellissimo, la gente era molto rispettosa e non ho avuto problemi con la lingua perché la parlo abbastanza.

– E ora con i portoghesi?
È più complicato (ride). Pensavo fossero simili a quelli brasiliani, ma sono diversi. Ho solo un partner spagnolo, quindi sono sempre con lui e abita accanto a casa mia. Andiamo ovunque.

Il suo posto a Paredes fa la storia

Ivan Rossi è stato il giocatore che ha dato il pass a Esteban Paredes il giorno in cui la sua etichetta idolo Francisco “Chamaco” Valdes ha pareggiato. In una conversazione con AS, ha ricordato quel giorno.

“L’aiuto è stato rubato a metà, perché sono andato in una sezione divisa e l’ho lanciato … Poi Esteban ha fatto tutto con questo obiettivo. L’aiuto è importante, ma devi essere onesto (ride)”, dice l’argentino.

– Segui il Colo Colo da lontano?
– Sì, perché ero affezionato al club e perché Pablo Moshe era un mio buon amico. Inoltre, sua moglie mi è molto vicina e abbiamo un ottimo rapporto, quindi l’ho seguito. Quello che è successo nella campagna del club per non retrocedere ha attirato la mia attenzione, perché nel semestre in cui sono stato lì ci siamo qualificati per la Copa Libertadores e siamo finiti in classifica. Inoltre, a causa del campus era lì. Ero così sorpreso.

READ  Le esportazioni crescono del 4,9% nel primo trimestre dopo il rimbalzo di marzo

– Hai visto la partita decisiva che il Colo Colo ha vinto per continuare in Prima Divisione?
– Ho visto la prima metà! Se non sbaglio, il gol è dell’argentino (Pablo) Solari. Ricordo di aver giocato a una partita e potevo solo vederlo, ma in seguito ho scoperto che avevano vinto ed ero così felice per i ragazzi, gli oggetti di scena e le persone.