Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA indaga su un’enorme esplosione mai vista prima sul sole

Gli scienziati hanno identificato una massiccia eruzione solare che includeva tutti e tre i tipi noti di eruzioni nello stesso evento.

La NASA sta indagando Enorme brillamento solare multistadio Potrebbe lasciare indizi che aiutano gli scienziati a risolvere l’antico mistero delle cause di queste potenti e inaspettate eruzioni solari.

Con una migliore comprensione della fisica di base delle eruzioni solari, gli scienziati possono prevedere meglio le eruzioni che causano condizioni meteorologiche spaziali pericolose sulla Terra.

L’esplosione è stata analizzata dalla NASA Conteneva componenti di tre diversi tipi di brillamenti solari che generalmente si verificano separatamente, rendendolo la prima volta che un evento del genere veniva segnalato. Avere tutti e tre i tipi di eruzioni insieme in un evento fornisce agli scienziati qualcosa Rosetta Stone solare, Permettendo loro di tradurre ciò che sanno su ogni tipo di brillamento solare per capire gli altri e scoprire il meccanismo sottostante che può spiegare tutti i tipi di brillamento solare.

Eruzione solare (NASA/Mara Johnson-Growh/Halle Reed)
Eruzione solare (NASA/Mara Johnson-Growh/Halle Reed)

“Questo evento è l’anello mancante, poiché possiamo vedere tutti questi aspetti dei diversi tipi di scoppi in un piccolo pacchetto.”ha affermato Emily Mason, autrice principale del nuovo studio e scienziato solare presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt. Maryland. “Ci porta al punto che queste esplosioni sono causate dallo stesso meccanismo, ma su scale diverse. “

I brillamenti sul Sole generalmente si verificano in tre modi: Espulsione di massa coronale, getto o eruzione parziale.

Le espulsioni di massa coronale (CME) e i getti (jet) sono eruzioni esplosive che emettono energia e particelle nello spazio, ma hanno un aspetto molto diverso. Quando i getti eruttano come strette colonne di materiale solare, le masse coronali espulse formano enormi bolle che si espandono e vengono spinte e formate dai campi magnetici del Sole. Le eruzioni parziali, invece, iniziano a salire dalla superficie ma non evocano energia sufficiente per lasciare il Sole, quindi la maggior parte del materiale ricade sulla superficie del sole.

READ  La Direzione nazionale per la protezione dei dati personali sta indagando sulla nuova politica sulla privacy di WhatsApp

In questa eruzione vulcanica, osservata con il Solar Dynamics Observatory della NASA, l’Agenzia spaziale europea e l’Osservatorio solare ed eliosfera della NASA il 12 e 13 marzo 2016, Gli scienziati hanno visto l’emissione di uno strato caldo di materiale solare su una regione magneticamente attiva sulla superficie del sole.

Il pacco era troppo grande per essere un jet, ma troppo stretto per essere un CME Nel giro di mezz’ora, un secondo strato di materiale più freddo sulla superficie ha iniziato a emergere dalla stessa posizione, ma alla fine si è placato come un’esplosione parziale. Vedere un’eruzione con caratteristiche di getto e CME dice agli scienziati che è probabilmente causata da un singolo meccanismo.

Con questa nuova comprensione, gli scienziati possono applicare ciò che sanno sugli aerei ai CME. L’evento dice anche agli scienziati che si verificano eruzioni parziali sullo stesso spettro, ma trovano un determinante finora sconosciuto che limita la loro energia e impedisce loro di lasciare il Sole.

È utile comprendere il meccanismo alla base di questi eventi, in particolare i CME. Estremamente importante per prevedere quando una grande eruzione vulcanica potrebbe causare disturbi sulla Terra. Il CME, in particolare, rilascia grandi nubi di particelle cariche ad alta energia e campi magnetici che scorrono attraverso il Sistema Solare e possono portare a condizioni meteorologiche spaziali: Una tempesta di particelle energetiche ad alta energia che possono essere pericolose per gli astronauti, la tecnologia nello spazio e, in casi estremi, le reti di utilità sulla Terra.

Modellando la nuova eruzione di Rosetta e altre eruzioni scoperte da allora, gli scienziati sperano di scoprire e caratterizzare il meccanismo alla radice che causa i brillamenti solari. come ultima opzione, Trovare l’innesco potrebbe consentire agli scienziati di prevedere quando una grande eruzione vulcanica potrebbe minacciare la Terra e Marte con diverse ore di anticipo, consentendo agli astronauti e agli operatori di veicoli spaziali di prendere misure precauzionali.

READ  Hanno scoperto un nuovo tipo di pterosauro da impronte insolite

Continuare a leggere