Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Nación / Vigili del fuoco alla stazione di servizio di Asunción

Ricercatori giapponesi hanno scoperto che lo sperma di topi esposti ad alti livelli di radiazioni per sei anni ha prodotto “cuccioli spaziali” sani, secondo uno studio pubblicato venerdì sulla rivista accademica Science Advances. Lo sperma liofilizzato (essiccato e congelato) è stato immagazzinato sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Una volta sulla Terra, è stato reidratato e sono nati 168 figli privi di difetti genetici.

Ci sono poche differenze tra i topi fertilizzati con sperma trovati nello spazio e quelli che erano confinati sul nostro pianeta, ha detto all’AFP il biologo e autore principale dello studio Teruhiko Wakayama. “Tutti i cuccioli sembravano normali e quando i geni sono stati controllati, non sono state trovate anomalie”, ha detto.

Leggi di più: Detenuti in Italia presumibilmente collegati alla morte di 39 immigrati vietnamiti nel 2019

Nel 2013, Wakayama e colleghi dell’Università giapponese di Yamanashi hanno inviato tre scatole alla Stazione Spaziale Internazionale per lo studio, ciascuna contenente 48 fiale di sperma liofilizzato. L’obiettivo era determinare per quanto tempo l’esposizione alle radiazioni dallo spazio può danneggiare il DNA delle cellule riproduttive o se vengono generate mutazioni, che potrebbero essere un problema per la nostra specie nelle future missioni di esplorazione spaziale e colonizzazione.

Ciò che è stato inviato alla Stazione Spaziale Internazionale è tornato sulla Terra per la fecondazione nei primi nove mesi, poi due anni dopo e infine dopo sei e centinaia di nascite. Gli spermatozoi liofilizzati sono stati scelti per l’esperimento perché possono essere conservati a temperatura ambiente piuttosto che per la necessità di un frigorifero.

Le boccette erano anche molto piccole e leggere, delle dimensioni di una piccola matita, il che riduceva i costi di spedizione. Quando i “topi spaziali” hanno raggiunto l’età adulta, si sono accoppiati in modo casuale e anche la generazione successiva sembrava normale.

READ  Le donne nell'esercizio del potere argentino: un percorso lento ma sicuro

Wakayama, che oggi dirige il Center for Advanced Biotechnology presso la Yamanashi University, ha detto all’AFP di essere stato ispirato dai libri di fantascienza di Heinlein e Asimov e che una volta voleva diventare un astronauta. Sebbene sia diventato uno scienziato, non ha rinunciato alla sua passione per i misteri dello spazio.

“In futuro, quando arriverà il momento di migrare su altri pianeti, dovremo preservare la diversità delle risorse genetiche non solo per gli esseri umani ma anche per gli animali domestici”, hanno affermato Wakayama e colleghi nell’articolo.

Aggiungono: “Per ragioni di costi e sicurezza, è più probabile che le celle immagazzinate vengano trasportate in veicoli spaziali piuttosto che in animali vivi”. Raggiungere altri pianeti significa lasciare al sicuro l’atmosfera terrestre e il suo campo magnetico che si estende per circa 400 chilometri sopra la Stazione Spaziale Internazionale.

LEGGI ANCHE: La regina Elisabetta II con il G7, nel loro primo incontro faccia a faccia in due anni

Lo spazio profondo è pieno di potenti radiazioni, sia di particelle solari che di raggi cosmici che provengono dall’esterno del sistema solare. Le esplosioni sulla superficie solare generano particelle che possono avere effetti devastanti sulla salute umana e possono penetrare nei veicoli spaziali dell’attuale generazione.

Secondo Wakayama, il processo di liofilizzazione aumenta la loro tolleranza rispetto allo sperma fresco, poiché i primi non contengono acqua all’interno del nucleo cellulare e del citoplasma. Secondo gli autori dello studio, lo sperma liofilizzato può essere conservato fino a 200 anni in un dispositivo orbitale.

Il documento aggiunge che l’umanità potrebbe anche voler diffondere le sue risorse genetiche fuori dal pianeta in caso di catastrofe sulla Terra. Lo studio avverte che gli effetti delle radiazioni spaziali sulle uova femminili e sugli embrioni fecondati devono ancora essere studiati prima di fare un nuovo passo nell’era spaziale.

READ  Bagni nella giungla e consapevolezza: due attività correlate per il benessere emotivo e psicologico Sociale | Città

Fonte: Afp.