Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La moglie dell’ex calciatore Anthony de Avila arrestato in Italia si dice stanca di chiedere aiuto: “Non rispondono nemmeno al telefono”

L’ex calciatore Anthony de Avila è stato incarcerato per presunti legami con i trafficanti di droga. Immagine: Colebrenza.

È già passato un anno dall’ex calciatore colombiano Avila Antonio Fu imprigionato NapoliItalia nel 2001 per presunti legami con i cartelli della droga. Avila è rinchiuso in una prigione alla periferia della città e scopre che la sua vita si sta trasformando in un inferno dopo essere stato dietro le sbarre.

Nella conversazione del giornale nazione, Moglie dell’ex atleta Lida Valenzuela, Ha descritto le situazioni difficili in cui si trova non solo Avila, ma l’intera famiglia. In primo luogo, ha notato la situazione economica che stavano attraversando, in particolare le risorse necessarie per la loro protezione:

“Dovevamo incontrarci con la famiglia a Santa Marta Abbiamo dovuto vendere la proprietà per aumentare una parte delle tasse di sicurezza di Anthony. Manca ancora, ma non abbiamo nessun posto dove trovare di più”.

Spesso inviava un messaggio alle persone che per prime lo aiutavano a uscire dalla situazione, ma nel tempo scomparvero:

“Mi sono stancato di bussare alle porte, di chiedere aiuto a ex giocatori, dirigenti, allenatori, tifosi, politici che condividevano con Anthony. Hanno detto che ci avrebbero aiutato, ma non sono mai tornati. Altri non rispondono al telefono. Mi sento solo. Non ho visto quell’amore tra Anthony quando era un giocatore e dopo il suo ritiro; Ma Dio sa come fa le sue cose”.

Potrebbe interessarti anche: Il patriarca ha chiesto la cancellazione del torneo di calcio professionistico colombiano: “E’ illegale e viola la costituzione”

Il primo contatto diretto di Anthony con il traffico di droga è stato quando era con la nazionale colombiana. Nel 1997, la squadra nazionale ha ospitato l’Ecuador in una partita di qualificazione ai Mondiali in Francia, Avila ha segnato un gol nella dedica e ha ricevuto una sorpresa durante la celebrazione. Era dedicato ai capi dei famosi trafficanti di droga, il cartello di Cali Miguel e Gilberto Rodriguez Orejuela Quelli che erano in carcere allora.

READ  L'Italia finanzierà gli impegni di bilancio con un prestito di 21 miliardi di dollari

‘El Bitufo’ de Avila ha giocato 54 presenze con la Colombia e ha giocato per Union de Santa Fe (Argentina), Metrostars (USA) e Barcellona (Ecuador) prima di appendere le scarpe al chiodo nel 1999.

L’ex giocatore del Barcellona De Guayaquil rischia fino a 12 anni di carcere per traffico internazionale di droga. In Italia hanno ricordato Anthony de Avila come un importante calciatore del caffè arrivato a giocare in due Mondiali: America 1994 e Francia 1998. Inoltre, hanno ricordato la dedizione dell’attaccante al Capo del Cartello di Cali. Miguel Rodriguez OrejuelaDopo il gol contro l’Ecuador il 20 luglio 1997 al Metropolitano de Barranquilla.

Avrebbe dovuto essere notato 21 anni fa Puffo Faceva parte di un’indagine che ha portato allo smantellamento di un gruppo criminale che importava grandi quantità di droga Olanda Sono stati poi rivenduti ad organizzazioni criminali. In quell’occasione il calciatore è stato incarcerato per alcune settimane, ma per mancanza di prove che lo collegassero al caso è stato rilasciato, quindi l’ex giocatore ha deciso di tornare in patria. Tre anni dopo, nuove prove hanno permesso alle autorità di emettere misure precauzionali contro di lui.

Continua a leggere: