Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La modestia dell’uomo che collezionava i portici: questo era Karajan, il musicista che vendeva i detti come se fossero rock | cultura | icona

Non c’è mai stato un leader come Herbert von Karajan (1908-1989). Nemmeno Toscanini. La leggenda narra che un giorno, quando è salito su un taxi e ha chiesto all’autista dove voleva andare, lui ha risposto: “Non importa, mi vogliono ovunque”. Quindi era strano e sproporzionato. Inoltre, le sue vendite erano eccessive a tutti i livelli. Facciamo un esempio: nel 1994, cinque anni dopo la sua morte, sua moglie ricevette in vendita dieci dischi di platino a Madrid. Adagio Karajan, una selezione di parti che includeva classici di Mahler, Albinoni, Brahms, Sibelius o Batchelbell. “Non hanno raggiunto un numero simile in Francia (180.000 copie vendute) né in Italia (75.000)”, ha detto all’epoca Juan Angel Villa a EL PAÍS. secondo NPR .dati (US Public Radio) ha una vendita stimata di 200 milioni di dischi. Personaggi più vicini a Madonna che al conduttore.

Tuttavia, oggi la sua opera appare deserta. Se vai sui vecchi forum o controlli le pagine delle riviste specializzate qui e all’estero, la tua presenza è praticamente nulla. Qualcosa potrebbe iniziare a cambiare presto. Javier Jimenez è il manager Furkula, l’editore che ha appena pubblicato una delle opere più vibranti incentrate sul suo personaggio: Karajan. Foto inedita di una leggenda musicale musical.

Il libro recensisce una quantità enorme di aneddoti. come quando Monserrate Caballe passò vicino alla Scala e fu fischiato alla sua rappresentazione di Anna Polina; Pugno ricevuto da Placido Domingo in una rissa tra Carlos Kleber e Renato Prosson; maltrattamenti di Karajan a Milano, dove fu duramente accusato di non voler partecipare a uno spettacolo d’opera; o la sua predilezione per il travestimento, per non farsi riconoscere, e andare a vedere le opere che gli interessavano; o il complesso rapporto che può aver avuto con il suo passato nazista; O quella città che ha ottenuto in cambio della programmazione del figlio di un ricco uomo d’affari; O la sua inclinazione a bere Châteauneuf-du-Pape e fumare cinque sigarette – solo cinque sigarette al giorno.

READ  L'Unione Europea ha iniziato ad agire dopo due decenni per fermare il crollo degli alveari
Un poster pubblicitario per Herbert von Karajan, il direttore d’orchestra che è diventato famoso come rock star, nel 1970.Ulstein Bild / Ulstein Bild tramite Getty Images

“Per quelli della mia generazione, che sono già sulla cinquantina, Karajan era già lì quando ci siamo svegliati con la musica classica. La mia introduzione, guidata da mio padre, è arrivata dalla mano di Radio Classica, e ha attraversato ininterrottamente cassette, vinili record e infine CD. La musica registrata e la radio hanno formato molti amanti della musica amatoriale come me. In tutti questi formati non mi è mai mancata una registrazione del maestro, tanto che il primo Beethoven, anche il mio primo Mozart, che non piace a tutti, erano registrazioni di Karajan”, ricorda Jimenez.

“Significa anche l’apertura dell’opera, prima con Wagner ovviamente, ma soprattutto con Puccini. E qui ci imbattiamo nella sua leggendaria versione di bohémien, con Freni-Mimì e Pavarotti-Rodolfo, che Karajan registrò nel 1972 davanti ai Berliner Philharmoniker, e protagonista di un intero capitolo del libro. la mia voce mentale bohémien È chiaro in questa versione”

Molto vicino è il testo del pianista Leon Magira, che si è occupato di Karajan tra il 1963 e il 1988. Majira era con lui a riunioni e cene private, quindi potevamo vedere cosa stava combinando nella privacy. Durante tutta la sua vita artistica Herbert von Karajan ha custodito, con grande fervore, la sua immagine pubblica, controllando molte delle sue fotografie (Siegfried Lauterwasser era stato per decenni fotografo ufficiale Il maestro, forse l’artista più fotografato della storia, che ha elevato la scienza del marketing personale al livello di arte) come tutto quello che è stato scritto su di lui. Ricordiamo che il giornalista Roger Vaughan è stato scelto personalmente dallo stesso Karajan per scrivere la sua biografia di riferimento”, afferma Jiménez, esultante per ciò che è speciale in questa edizione, prefazione dello specialista dell’opera Fernando Fraga, tradotta da Amelia Pérez de Villar e che includeva il Edizione italiana prefazione del compianto Soprano Mirella Freni, moglie di Magira tra il 1955 e il 1978, nonché una delle opere regolari del maestro.

READ  La droga catturata a Medellin si finge da 10 anni come morta in Honduras

“Majira non intende realizzare una nuova e originale biografia del personaggio, ma piuttosto condivide il lettore con una versione ravvicinata, personale e divertente del musicista, che ci parlerà del suo personaggio più “ironico, malizioso, malizioso”, adatto per un pubblico che non ha iniziato particolarmente con la musica classica”, ci dice Jimenez. “Tra le sue pagine troviamo l’uomo, dai suoi gusti gourmet alla sua propensione a spettegolare sul mondo della musica dell’epoca, e l’artista, regista molto esigente con se stesso, che da settimane prepara ogni brano fino a quando non lo impara a memoria, e con i musicisti e cantanti con i quali ha collaborato.”

Herbert von Karajan a Porto Cervo, Italia nel 1981.
Herbert von Karajan a Porto Cervo, Italia nel 1981.Thierry Ranaud/Gamma Ravo via Getty Images

Se vogliamo avere un’idea di che tipo di immagine si sta costruendo, dobbiamo prendere come riferimento un altro scrittore con cui ha parlato e che lo lascerebbe per iscritto: José Luis de Villalunga, Oro devo. Associazione Caffè in questi giorni Dedica un capitolo descrittivo pieno di ironia, firmato dalle acque di Canopyers Bay: “Nei pantaloni di velluto dell’Avana, Maglione Herbert von Karajan, in blu con colletto alla rovescia e doppi stivali inglesi, cammina veloce come me, nonostante le nostre differenze di altezza. Una mossa militare ritmata e vivace.

Le due conversazioni, né Calas né Tebaldi, i soprannomi dei loro due cani, camminano al loro fianco. “Tra mezz’ora saremo a casa. Un pranzo di dodici persone, seguito da un cocktail in barca e una cena all’Arts Café, ti porteranno via il resto della giornata”. Karajan aveva 56 anni, si era risposato e stava sprecando saggezza e saggezza. “Intorno agli anni Cinquanta eravamo rapiti dal desiderio ardente di ricominciare”, diceva.

READ  Le persone con problemi di salute mentale hanno maggiori probabilità di morire di Covid-19

Morì trent’anni dopo e poté sposarsi una terza volta (con la sua ultima moglie, Elliet). Ha anche avuto il tempo di custodire una collezione di auto senza pari, che includeva varie Porsche: 356 Speedster, 550, Spyder, 959 e molte altre 911, la sua auto preferita. Norman Liebrecht scriverà della sua paranoia e della sua passione per le donne, le auto sportive e gli aeroplani nel mondo Chi ha ucciso la musica classica?, che riproduce molte conversazioni con Norio Oga, il grande presidente della Sony (l’azienda che ha conosciuto il modo migliore per vendere CD grazie a Karajan, l’artista che ha introdotto questo formato nel 1981). “Era affascinante ma timido. Ogni volta che veniva acquistato un nuovo aereo, mi chiedeva consiglio. Gli ho dato una delle mie idee per il design della cabina di pilotaggio “, puoi leggere su una delle sue pagine.

Herbert von Karajan e sua moglie Eliot durante una vacanza a St. Moritz (Svizzera) nel 1979.
Herbert von Karajan e sua moglie Eliot durante una vacanza a St. Moritz (Svizzera) nel 1979.Bertrand Lafort/Gamma Ravo via Getty Images

Ricordando questo glorioso passato, con i classici nelle discoteche di qualsiasi casa più o meno colta, Jimenez conclude: “La conoscenza e l’apprezzamento del nostro passato non ci permettono di essere tanto più saggi quanto ci impedisce di innamorarci di Ortega y Gasset in modo molto appropriato. Contatto Nuovo Adanis. Sono convinto che l’eredità di Karajan sopravviva e continuerà a far luce su bandleader, cantanti e musicisti. È un’eredità vivente. Le copie delle sue registrazioni non smettono mai di essere vendute e ristampate, sia in cedé che in deuvedé, che continuano a plasmare la sensibilità musicale di principianti e laici”.

Puoi seguire ICON su Sito di social network FacebookE il TwitterE il Instagram, o iscriviti qui a le notizie.