Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La misteriosa storia della lettera d’addio di Stefan Zweig | Dopo essersi suicidato in Brasile durante la fuga dai nazisti

Stefan Zweig Ha scritto migliaia di pagine nel corso della sua vita. Il suo lavoro è un enorme edificio costruito con romanzi, saggi, poesie e alcune biografie di personaggi famosi, come Maria Antonietta o Balzac, che gli hanno dato riconoscimento e denaro quando ne aveva bisogno. Tuttavia, le sue parole più famose furono le sue ultime parole. La mattina del 22 febbraio 1942, la domestica che si occupava della loro casa si trovava a Petropolis, in Brasile, dove erano arrivate dopo una lunga fuga dall’esilio. nazismoLui e sua moglie, Lotte Altmann, vengono trovati morti a letto. Si stavano abbracciando. Hanno detto basta prendendo una dose letale di barbiturici.

Nella stanza sono apparsi alcuni manoscritti inediti dell’autore, insieme a circa due dozzine di lettere ad amici e familiari. E sul tavolo, oltre ad alcune monete, una scatola di fiammiferi e un calice vuoto, c’è uno dei documenti più chiacchierati della storia della letteratura: Testo d’addio. Gli incredibili colpi di scena che questa nota ha dovuto prendere prima di essere conosciuta, così come gli interrogativi lasciati dal suicidio, sono un’ulteriore prova che a volte scrivere tanto non basta a spiegare tutto.

Zweig nacque a Vienna nel 1881 da una famiglia di ricchi ebrei austriaci. Studiò a Berlino e Parigi, e ben presto sviluppò una profonda carriera letteraria. Ha anche raccolto spartiti dai suoi compositori preferiti. Installato a Salisburgo, lasciò la città quando l’aviazione nazista iniziò a lanciargli opuscoli introduttivi. A quel tempo, anche il suo primo matrimonio andò in pezzi, quando sua moglie scoprì che la tradiva con la sua segretaria, Lotte Altmann. quando seconda guerra mondialeI due amanti sono fuggiti oltre confine. Zweig, che scriveva in tedesco, ha donato i suoi libri alla Biblioteca nazionale austriaca prima di uscire di casa.

Fuori sarebbe caduto in un inguaribile isolamento, che sarebbe durato molto più a lungo di quanto avesse inizialmente immaginato. Fino alla fine dei suoi giorni, infatti. La sua grande paura era essere un soldato Hitler Arriveranno al loro nuovo rifugio, Bath, a 150 chilometri da Londra. La tappa successiva del viaggio è stata New York. Lo scrittore è stato criticato per non essersi pronunciato contro il Führer – che ha bandito molte delle sue opere, nel tentativo di allontanarlo dall’immaginario popolare – e per aver perso la sua famiglia e la possibilità di comunicare nella loro lingua.

Il pessimismo lo aveva già preso. Europa, il progetto in cui aveva sempre creduto, è saltato in aria. Incapace di adattarsi a Manhattan, lo stato d’animo di Zweig, che era già immerso nella scrittura Il mondo di ieri, continua a rompere. Ho perso ogni speranza. Poi ha commentato l’amico giornalista: “Non siamo altro che fantasmi e ricordi”. Giuseppe Bryan. Nel 1941, all’infinito giro del labirinto dell’esilio, si trasferì in Brasile, dove ebbe migliaia di estimatori. Con Altmann, che era già sposato, alloggiarono in una casa a Petropolis, alla periferia di Rio de Janeiro. Anche qualche mese dopo, la governante guardò l’ora, sorpresa che la coppia non si fosse ancora alzata, e aprì la dannata porta della camera da letto.

READ  L'inaspettato ritrovamento nella Fossa di Atacama, a 8000 metri di profondità, ha allarmato tutti

messaggio di addio

Zweig si è preso la responsabilità di lasciare pronto il suo biglietto d’addio. Lo ha scritto in tedesco, anche se il suo titolo era annunciare. In esso, ha cercato di spiegare le ragioni del suicidio ed ha espresso la sua gratitudine al popolo brasiliano. Ha affermato quanto segue:

“Prima di lasciare la vita, con libero arbitrio e nel pieno possesso dei miei sensi, mi sento in dovere di adempiere a un ultimo dovere: ringraziare la parte più intima di questo meraviglioso Paese, il Brasile, per avermi offerto un luogo così meraviglioso e accogliente, che ogni giorno che ho trascorso qui ha contribuito maggiormente all’amore di questo paese.” , e in nessun altro luogo avrei desiderato ricostruire di nuovo la mia vita, dopo che il mondo della mia lingua era crollato e la mia casa spirituale, l’Europa, era stata distrutta. Ma poi a sessant’anni ci vuole tanta forza per ricominciare.La mia patria era sfinita da tanti anni di peregrinazioni senza patria.Per questo ritengo opportuno terminare a suo tempo e rettitudine una vita in cui il lavoro intellettuale e la libertà personale mi hanno dato la gioia più grande e mi sembrano il sommo bene su questa terra. Saluti a tutti i miei amici! Possano vedere l’alba dopo una notte così lunga! O tutti loro “.

Il testo doveva riceverlo Claudio de SouzaPresidente del Club degli scrittori brasiliani. Tuttavia, come è venuto al mondo è una storia che continua a dare più colpi di scena. Sarò in grado di esaminarli con successo Roberto Scudo In un articolo pubblicato sul quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung A maggio 2020. Il giornalismo fa luce sull’oscurità. Questo è iniziato con: Friedrich Weil. Will, nato in Germania, ha lasciato la sua famiglia con il suo paese quando ha visto che le cose stavano iniziando ad andare male con il Terzo Reich, acquistando voli per il Brasile. Azienda di produzione tessile, il suo passo successivo è stato quello di aprire un’azienda tessile a Petropolis. Inoltre, era un devoto lettore di Zweig, che lo raccomandava caldamente ogni volta che ne aveva la possibilità.

Il giorno dopo che l’autore e sua moglie furono trovati morti, per quanto ne sapeva Schild, qualcuno si presentò a casa sua. era il commissario José de Moraes, un vicino di casa, che gli ha portato la notizia e ha chiesto il suo aiuto per tradurre la pagina trovata sulla tavola del defunto. Will collaborò, ma poi chiese il servizio di farsi spedire la lettera non appena terminate le indagini, in quanto per lui di grande valore, a cui il poliziotto rispose che sarebbe stato molto complicato, visto che, per legge , il documento sarebbe dovuto rimanere negli archivi di stato per almeno tre decenni.

READ  Uruguay: potrebbero essere puniti fino a due anni in ...

È passato molto tempo. Fino al 1972, quando Will se ne era quasi dimenticato, qualcuno lo chiamò per vendergli gli scritti per 10.000 dollari. Non ha rivelato la sua identità. Will immaginò che fosse un agente di polizia che stava lavorando al caso in quel momento. Ma la proposta non potrebbe essere più stravagante. Il Soggetto Misterioso lo ha citato al bar Hotel Serrador a Rio de JaneiroGli ha chiesto di portare i soldi in una busta e gli ha detto che se voleva ottenere annunciareSarà seduto a uno dei tavoli sul retro dell’edificio. Will rispettato. Pochi minuti dopo, un uomo con gli occhiali scuri entrò nel bar e gli si avvicinò. Mentre uno di loro contava le banconote, l’altro controllava che il copione fosse originale. Entrambi soddisfatti, lo scambio ebbe luogo. Will torna a casa e mette in cassaforte il suo nuovo tesoro. Per anni l’aveva raccontata migliaia di volte ai suoi amici, orgoglioso di aver acquisito quel prezioso pezzo di carta. Dopotutto, Zweig è sempre stata la sua scrittrice preferita. Quando Will morì nel 2000, la lettera sarebbe dovuta finire nelle mani dei suoi parenti stretti.

Ma Schild, l’autore dell’articolo, ha ricevuto una lettera da Israele. Ero Stefano LittCapo del Dipartimento di Studi Umanistici della Biblioteca Nazionale di Gerusalemme, il quale lo informò di aver ricevuto la lettera di addio di Zvig nel 1992, grazie a una donazione dello stesso Frederick Weil, il quale disse di averla inviata in memoria dei suoi genitori, che erano quelli che lo convinse ad attraversare l’Atlantico, e Adolf e Flora Emmerich. Da allora, le ultime parole dello scrittore sono rimaste tra le mura di un palazzo della Città Santa.

Molte sono le leggende che circondano il motto di Zweig, un motto letterario che ha goduto in realtà di immensa fama in vita, ma che non è mai riuscito a trarre in inganno i fantasmi che lo perseguitano da quando ha lasciato la sua nativa Austria. Anche se non tutte le liti sono a loro favore. Alcuni, ad esempio, non hanno capito che ha deciso di stabilirsi in Brasile, un paese governato da un regime autoritario in quel momento. Getulio Vargas, e che lo aveva già ricevuto con tutti gli onori nella tournée del 1936. Zweig e Altmann facevano ogni pomeriggio lunghe passeggiate nei boschi, per poi lasciarsi andare a leggere Montaigne o Tolstoj o Goethe. Quando il suo articolo ha raggiunto le librerie Il Brasile è il paese del futuroanche se è stato di nuovo un successo di vendite, la sinistra brasiliana l’ha colto al volo, considerando che stava sbiancando dittatura. Non capivano come uno come lui non potesse entrare in empatia con la loro lotta.

READ  Gli USA allentano alcune sanzioni economiche contro il Venezuela | Nel mezzo della crisi scatenata dalle sanzioni alla Russia

Sette giorni prima della sua morte, ha visitato il Carnevale di Rio. E quando fu tornato a Petropolis, gettò di nuovo via i suoi libri, bruciò diverse carte in giardino e scrisse alla sua padrona di casa per dichiarare che le avrebbe dato il suo cane, perché loro e sua moglie avevano preso “una decisione diversa da quella di continuare ad affittare la loro bella casa ancora per un po’”. Fu l’ultimo a vederli vivi Ernesto Federun amico della coppia con cui sono stati a cena la notte del 21 febbraio, che ha commentato che li vedeva carini come sempre e che gli avevano semplicemente detto che avevano problemi a dormire.

Un altro mistero che avvolge gli ultimi passi di Zweig è il ruolo di sua moglie, e come anche lei sia stata trascinata verso quell’esito fatale. Il rapporto del medico legale ha rivelato che Altman si è suicidato poche ore dopo, il che solleva molte domande, anche se nessuna ora può essere risolta. Di venticinque anni più giovane di lui, si occupava della stampa delle opere del marito, e in alcune occasioni suggeriva addirittura di migliorarle con un suggerimento. La storia ha insistito perché la sua memoria si limitasse a quella sposa fedele che, per amore e lealtà, decise di accompagnare in fondo all’abisso una delle più grandi piume del Novecento. Invece, la sua vita le è scivolata in punta di piedi, a causa del suo stesso trauma o dello strano fatto che Zweig non l’abbia nemmeno menzionata in nessuno dei testi trovati nella stanza quella fatidica mattina. Non c’è quasi nessuna bibliografia che aiuti a capire il calvario che Altman ha dovuto affrontare.

Luci, ombre e alcuni incidenti sorprendenti compongono l’appuntamento d’addio di Stefan Zweig e Lotte Altmann. Una tragedia che è stata insabbiata così tante volte che i suoi tratti inevitabilmente si intrecciano con quelli della leggenda. Forse non potrebbe essere altrimenti. La letteratura copre la letteratura stessa con un altro strato. Ci sono storie che sono ancora cancellate dalla pagina.