Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La medicina legale non ha identificato 27 corpi a Chalchoapa

I dati dell’Istituto di medicina legale confermano che quasi 30 ossa trovate nel 2021 nel quartiere di Las Flores, dove sono state trovate tombe nella casa di un ex agente di polizia, non sono state identificate.

Ogni anno centinaia di corpi trovati per strada vengono sepolti, imballati in sacchi o avvolti in teli nelle aree cimiteriali pubbliche designate dall’Istituto di Medicina Legale (IML) per corpi “non identificati”. Il numero totale di corpi sepolti con questa designazione è diminuito dal 2017, quando sono stati trovati 527 corpi non identificati. L’anno scorso il numero era 191, secondo i dati forniti da IML attraverso la sua Unit for Public Information Access (UAIP). Di questi, 27 sono stati trovati nel quartiere di Las Flores tra il 10 maggio e il 14 giugno. Solo in due casi, l’IML ha determinato l’età e il sesso delle vittime: si trattava di due uomini, uno di 40 anni e l’altro di 25. Nel resto dei casi, l’IML non è stato in grado di determinare l’età o il sesso.

Con queste informazioni, El Diario de Hoy ha formulato tre domande: in quale cimitero sono stati sepolti questi corpi non identificati? Hai prelevato campioni di DNA da ciascuno di questi corpi? Che tipo di morte è stata assegnata a ciascuno di questi corpi non identificati?

Le domande sono state inviate, via e-mail, in data 20 aprile, al Responsabile dell’Unità Comunicazione presso l’Ufficio Giudiziario, ma fino alla chiusura di tale nota non è pervenuta risposta.

Leggere: La scientifica registra 25 ossa trovate nella casa di un ex agente di polizia a Chalchopa, secondo l’OUDH.

READ  Le aziende affrontano la sfida di garantire il benessere dei propri dipendenti

Quelli che sono identificati

Quando i corpi sono stati scoperti sepolti all’interno dell’abitazione di un ex agente di polizia che in seguito è diventato un utile testimone nel caso contro altre 11 persone, si sapeva solo che in quel luogo furono trovati circa 40 corpi.

Ai 27 corpi non identificati si sono aggiunti i corpi di altre 10 vittime, i cui corpi sono stati identificati e consegnati alle loro famiglie dall’esercito iracheno. Le vittime identificate sono: Myrna Lima Cruz, Alexis Palomo Lima, Jacqueline Cristina Palomo Lima; Carlos X (fratello di un ex poliziotto divenuto testimone con privilegi); Dania Patricia Perez Linares, Eddis Patricia Linares, Helen Lorena Perez Linares, Jose Gabriel Moran Linares e JS minore. l’account. Quando El Diario de Hoy gli scrisse per ulteriori informazioni sul caso, il giovane si rifiutò di parlare.

In tutto, la coorte IML ha consegnato una dozzina di corpi identificati alle loro famiglie.

In questo modo, i dati indicano che almeno 40 corpi sono stati trovati nel quartiere di Las Flores tra il 10 maggio e il 14 giugno 2021 e solo il 33% è stato identificato.

Fatto di boom

In un Paese in cui la scomparsa delle persone preoccupa centinaia di famiglie, il fatto che non esista una banca del DNA per risolvere i casi degli scomparsi è uno dei maggiori debiti dello Stato nei confronti delle vittime e delle loro famiglie. Lo pensa Zira Navas, il capo legale della sicurezza di Cristosal, che ha più volte segnalato che le famiglie delle vittime non hanno il necessario sostegno da parte dello Stato nella ricerca dei loro parenti.

READ  La polizia anti-vaccini che ha preso medicine contro il tarlo muore di COVID

anche: Il ministro della Sicurezza conferma la chiusura della ricerca dei corpi nell’abitazione dell’assassino di Chalchuapa

A febbraio, un gruppo di famiglie di scomparsi ha lanciato El Salvador Alla ricerca degli scomparsi. L’iniziativa cerca di considerare le famiglie nelle loro ricerche e di aiutarsi a vicenda nel processo. Questa iniziativa è supportata da Fespad, Cristosal, Alerta Raquel e la Due Process Foundation (DPLF). E quando i parenti dei dispersi hanno dato l’iniziativa, hanno notato che “i resti trovati in tombe segrete devono essere scientificamente identificati”.

Fatto di boom

tornare a casa