Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“La marijuana è una medicina per molti bambini che stanno attraversando un momento difficile”

“È un progetto Conicet in cui non siamo coinvolti, e tutti sanno che siamo un’associazione su cui abbiamo lavorato molto, e pensiamo che sia bello farlo in ospedale, ma sono stati organizzati anche workshop per formare il personale per entrare nella cannabis”, Tachet ha analizzato il nuovo accordo sanitario.

“Tutti stanno affrontando la questione nel miglior modo possibile, da parte nostra siamo molto orgogliosi e scioccati per ciò che abbiamo ottenuto con il supporto del sindaco Gustavo Sastre e del ministro del governo Martin Ebeni”, ha affermato.

“Abbiamo già iniziato a lavorare sulla proprietà Montada, si è detto, e ringraziamo anche il ministro delle Produzioni, Leandro Cavaco, l’ufficio legale di quel dipartimento, il governatore, perché i soldi ci sono già. Come i container e gli immobili. “

“Abbiamo già iniziato a conoscere le persone eccellenti di Montada e la prossima settimana arriveranno altri due nuovi container”, Tachet ha annunciato.

Riguardo al consiglio consultivo sulla cannabis formato sotto l’egida del Consiglio consultivo di Madryn, ha spiegato che “tutti andiamo d’accordo, ad esempio ci chiedono giornate per i bambini nelle scuole, ma tutto procede molto lentamente. La polizia avrebbe dovuto essere addestrata a tanto tempo fa, ora che abbiamo i container, la prima cosa che faremo sarà formare i nostri nuovi colleghi di polizia”.

“Lavori molto lentamente o andiamo più veloci. Ho lavorato molto e ho dovuto viaggiare tre o quattro volte a settimana a Rawson per fare giornali e discorsi, viviamo bussando alle porte, ecco com’è”, ha affermato.

Prevediamo di portare Natalia Taratuto, neurologa pediatrica, il mese prossimo. Saranno viziati quando mi sentiranno dire che abbiamo bisogno di un neurologo pediatrico a Puerto Madryn, non abbiamo un medico, ci sono troppe carenze. Mi addolora dire tutto questo, ma purtroppo ci sono tante mamme che vengono a casa mia piangendo così tanto”.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda l'uso di farmaci per l'artrite reumatoide per il trattamento del COVID-19

“Quel giorno, un neurologo venuto a Trelew da Buenos Aires ha lasciato la madre senza cure perché non poteva aspettarla. A volte mi emoziono molto perché i tempi per i ragazzi speciali sono diversi e hanno bisogno di una scorta. Il tempo della consulenza per i ragazzi la frequenza oscilla tra i 5mila e i 7mila pesos”. rimprovero.

Al contrario, ha sottolineato: “Abbiamo i nostri medici, ogni giorno se ne aggiungono altri. Assistenza ospedaliera per il dolore cronico Ci prendiamo cura di bambini speciali e persone con cancro e malattie croniche. E siamo una rete di madri, che lavorano non solo a Madryn, ma anche a Comodoro, Catamarca, Neuquen”.

“Siamo sempre di più, ad esempio Comodoro non ha medici e inviamo oli e creme, sempre gratuitamente. La richiesta è così grande che dobbiamo mettere soldi dalle nostre tasche per comprare contagocce e flaconi”. Egli ha detto.

Ha spiegato: “Ogni madre lavora al suo posto, e lì ci incontriamo la domenica per preparare l’olio, e facciamo tutto a memoria, sempre con una ricetta prescritta dal medico”.

“Tutti mi hanno detto che lo standard era troppo alto in termini di aspettative, ma vorrei dirvi che ci impegneremo per di più. Abbiamo già le proprietà e i container e stiamo pensando di creare un segretariato regionale per la cannabis, noi dovremo coinvolgere persone specializzate per conferenze e colloqui, siamo qui per saperne di più a Madryn”, pensò Tachit.

“Devi mettereAndando anche a lavorare e studiare, sono stato invitato in Cile per un convegno tra la popolazione dove sarebbero venuti esperti da tutto il mondo. Vorrei portare una madre della Fondazione Daya dal Cile o dall’Uruguay, che è anche più avanzata di noi”, ha desiderato.

READ  Le nuove major MIR: quali si avvereranno?

“Jujuy è l’altra provincia che esporta cannabis, ma lo sta facendo come un grande business, e invece per noi è qualcos’altro”, ha avvertito.

“All’inizio, il capo della Montada ha detto che avremmo coltivato marijuana nella sua proprietà e ha spiegato con le lacrime agli occhi che avremmo coltivato medicine sulla Montada, quello che facciamo è qualcos’altro. Prendiamo più medicine. Non hanno idea di la gioia delle mamme quando i ragazzi reagiscono e possono tornare a dormire”.

“L’altro giorno stavo facendo l’olio nella zona barbecue e ho sentito il rumore dall’altra parte della casa, sono andata in bagno e mia figlia si stava asciugando i capelli con l’asciugacapelli, era autistica e non poteva sentire il rumore, perché ogni volta che sentiva il rumore colpiva il muro”, ha considerato che è un infortunio.

“Per ogni ragazza di 23 anni è normale, ma l’ha raggiunto di recente, quindi non dirmi che la marijuana è una droga, è una droga per molti ragazzi che stanno attraversando momenti difficili. Mi piacerebbe immaginarli , ma non abbiamo questo diritto”, ha sottolineato.

“Mi si spezza l’anima quando vedo che si sta negoziando, mi chiedono perché non lo vendo. Facciamo tutto con il cuore, vorrei ringraziare Pablo Gadan, non lo conosco nemmeno che ci aggiusta l’immobile in modo che i contenitori siano al piano di sopra. Egli riempie le nostre anime perché sappiamo che facciamo le cose per bene”, ha detto.

Non venderemo, non la nostra proprietà. “Salveremo molte persone perché ci sarà sicuramente più domanda e faremo allenamento ma non lavoreremo”, ha detto Tachet.