Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La leggenda di Cernano: partita di calcio tra nazisti e partigiani in Italia

Il 1 aprile 1944 si giocò una delle partite di calcio più improbabili della storia. Una partita amichevole può portare alla morte di molti dei suoi partecipanti. La storia è confusa ei dettagli si intrecciano a seconda di chi sta raccontando, ma ciò che è vero è testimoniato nel documentario. La leggenda di CernanoDi Umberto Nigri, Lotta Era tra i soldati tedeschi e il partito italiano. Ed è passato alla storia.

Tutto è successo A Cernobyl, Un piccolo paese della provincia italiana di Massarata. Lì visse Mario Morelli, All’epoca era un giovane arbitro di calcio e stava per fare carriera in Serie A. Un giorno di marzo Maurelli incontrò un soldato della Wehrmacht in un negozio locale. Come al solito nella situazione nella zona – c’erano molti soldati tedeschi lì, perché la città faceva parte della linea Gustav – hanno iniziato la conversazione.

A un certo punto avrebbero dovuto parlare di calcio, e Maurelli ha detto al soldato tedesco che era un arbitro. Come è nata la voglia di fare un torneo a Sarna. Il soldato tedesco ha chiesto ai suoi colleghi di radunare giovani della zona per godersi una partita di calcio, anche se sapevano che molti di loro erano in agguato in montagna. I tedeschi possono usare un po’ di distrazione Aumenta il morale delle truppeNel momento più critico della guerra.

Maurelli era terribilmente spaventato. Non potevo dire di no. Ma sapeva che molti membri del partito, incluso suo fratello, si nascondevano sulle montagne Fare festa può mettere in pericolo la tua vita. Sapendo questo, il soldato tedesco gli assicurò che non ci sarebbero state ripercussioni per il partito. È stato un po’ divertente in mezzo a tanti conflitti.

READ  Gianluca Lapadula raddoppia: l'attaccante della nazionale peruviana è già in testa alla classifica marcatori della Serie B italiana | Video | NCZD | Gioco-totale

Trovare undici giocatori non è facile per l’arbitro. Nonostante la promessa tedesca, sapevano che era pericoloso. Ma lo ha fatto. Sembra Con l’assistenza del Commissario provinciale di Cernano, che ha cambiato i piani per le parti. Tra i calciatori accettati c’era anche il fratello di Maurelli, Mimmo.

Festa dei Morti

Pochi giorni dopo, il 1° aprile (la data esatta dell’incontro è ancora dubbia, sebbene la maggior parte delle versioni indichi tale data), si svolgerà l’incontro tra le forze tedesche – alcune delle quali italiane – e un gruppo di locali, per lo più di partito membri. Trattenuto Dominio di successoVicinissimo alla Chiesa di Cernano.

Detto ciò Nelle cronache che l’hanno recensito Quella storia della festa Aveva deciso di perdere Prima dell’inizio della partita. Il successo è molto pericoloso. Nell’intervallo, invece, Grattini porta a casa di testa per 1-0.

Nella ripresa, come sempre con la maggior parte delle versioni (da notare che alcune fanno riferimento al risultato finale da 3 a 3), gli italiani hanno fatto Tutto ciò che è possibile E così via La squadra tedesca ha pareggiato la partita. Alla fine hanno ottenuto qualcosa in pochi minuti.

Ora sì, Maurelli può tranquillamente segnare la fine della partita. Con la cravatta, tutti erano felici.

Alcune versioni indicano che una volta fischiato, la festa della festa Scomparso dal campo, In fuga verso le montagne. “Un minuto dopo c’erano solo tedeschi in campo”, scrive. Antonio Dipolina nella Repubblica Nel 2001.

Ma ci sono molti dubbi in questo. Questo perché l’obiettivo del partito era quello di fornire un certo default tra i residenti e il pubblico. Dopotutto, i nazisti volevano approfittare della situazione per catturare il partito Sicuramente l’avrebbero fatto. E i risultati sarebbero stati molto diversi…

READ  Google Pay: salva, paga e gestisci

Comunque, La partita è finita in sordina. Pochi giorni dopo, infatti, i tedeschi lasciarono la città, mentre il gruppo tornava sulle colline. La guerra continuò per diversi mesi, ma su altri fronti. Il ricordo di quella partita di Cernano è durata per sempre, la lotta tra due rivali che fino a qualche tempo fa si stavano distruggendo a vicenda. Una storia che si è abbellita per tanti anni, ma che a volte mostra ancora una volta che il calcio è prima di tutto.