Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Jornada – Il G20 chiude la porta all’evasione fiscale delle multinazionali

Roma. I leader delle 20 maggiori economie mondiali (G20) hanno sostenuto ieri l’introduzione di una tassa globale del 15% – promossa dagli Usa – sui profitti delle multinazionali che cercano di porre fine ai paradisi fiscali. Inoltre, hanno promesso più vaccini contro il Covid-19 per i paesi poveri e hanno inviato segnali sulla lotta ai cambiamenti climatici il giorno prima della COP26 di Glasgow, che inizierà domenica.

Video: Le organizzazioni umanitarie chiedono al G20 di combattere la carenza di vaccini.

In vigore dal 2023

L’obiettivo di questo accordo è rendere operativa la nuova struttura fiscale nel 2023 per garantire che le società multinazionali contribuiscano in modo equo e impediscano alle grandi società di trasferire i profitti oltre confine per evadere le tasse. Questo mira a proteggere le entrate fiscali e fornire stabilità alle imprese.

Uno degli obiettivi principali di questa misura è impedire alle multinazionali, come Apple e Bristol Myers Squibb, di proteggere i propri profitti nei paradisi fiscali, dove le aliquote fiscali sono basse e le società spesso mantengono poca attività fiscale al di fuori della regione in cui la loro si trova la sede.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sottolineato che “la comunità internazionale, grazie a questo accordo, supporta le persone garantendo che le aziende contribuiscano in modo equo”.

Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha celebrato in una dichiarazione che le autorità hanno concordato un “accordo storico sulle nuove regole fiscali internazionali, comprese le tasse minime globali che porranno fine alla dannosa corsa al ribasso dell’imposta sulle società”.

Finora, questo è l’unico annuncio del vertice, secondo i risultati della bozza, e dovrebbe essere approvato ufficialmente domenica durante la chiusura degli eventi. L’idea è che dopo la rivitalizzazione, il paese ospitante di un’azienda aumenterà le sue tasse al 15% se i suoi profitti beneficeranno di aliquote più basse in un altro paese.

READ  La Spagna riceve il primo lotto di fondi di recupero UE di 9000 milioni

Nell’odierna economia globale e digitale, i benefici possono derivare da beni immateriali come copyright e marchi, che possono essere facilmente trasferiti a paesi che applicano tasse quasi zero per attirare entrate che altrimenti non avrebbero.

Un aspetto critico è se il Congresso degli Stati Uniti approverà una legge che rispetti la regola, dal momento che il paese nordamericano ospita il 28% delle 2.000 più grandi multinazionali del mondo.

Gli Stati Uniti hanno cercato una riforma con un’aliquota minima dell’imposta sulle società del 21 percento, ma l’aliquota del 15 percento dell’amministrazione Biden rimane una vittoria.

Il sostegno a questo patto finanziario è arrivato dopo che 136 paesi, compresi i ministri delle finanze e dell’economia del G20, hanno dato il via libera all’inizio di ottobre con il sostegno e la regolamentazione dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

I leader hanno tenuto il loro primo vertice faccia a faccia due anni dopo l’inizio della pandemia con forti appelli. Il gruppo ha ampiamente approvato gli appelli per estendere la riduzione del debito ai paesi poveri e si è impegnato a vaccinare il 70% della popolazione mondiale contro il Covid-19 entro la metà del 2022.

Non sono stati in grado di concordare un meccanismo di finanziamento separato, proposto dagli Stati Uniti e dall’Indonesia, ma hanno affermato che la task force esplorerà le opzioni per mobilitare fondi per migliorare la preparazione, la prevenzione e la risposta alla pandemia.

Aprendo la sessione, il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, ha esortato ad accelerare la consegna dei vaccini contro il virus ai paesi poveri, descrivendo l’enorme differenza nella vaccinazione globale come “moralmente inaccettabile”. Ha affermato che solo il 3% delle persone nei paesi più poveri del mondo è stato vaccinato, mentre il 70% nei paesi ricchi ha ricevuto almeno una dose.

READ  L'ingresso a Venezia costerà tra 3 e 10 euro da giugno 2022 | fortuna

“Queste differenze sono moralmente inaccettabili e minano la ripresa (economica) globale”, ha aggiunto l’ex capo della Banca centrale europea, per la quale le sfide poste dalla pandemia devono essere affrontate “collettivamente”.

Diversi membri, tra cui Canada e Gran Bretagna, hanno annunciato massicce donazioni di vaccini virali alle nazioni più povere. I presidenti di Cina, Xi Jinping e Russia, Vladimir Putin, che hanno preso parte al vertice, hanno chiesto il riconoscimento internazionale della loro biologia contro il virus.

Oggi una discussione sui cambiamenti climatici

L’Italia, in quanto Paese ospitante, ha messo la salute e l’economia in cima all’agenda della prima giornata dell’incontro, e domenica è in programma il dibattito più duro sul clima.

Si prevede che il G20 consegnerà impegni chiave da parte dei paesi che rappresentano l’80% dell’economia globale – responsabili all’incirca della stessa quantità di emissioni globali di anidride carbonica sul pianeta – in vista della 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26).

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato che il fallimento dei leader mondiali nell’impegno ad affrontare l’emergenza climatica al vertice potrebbe portare a “eventi geopolitici estremamente difficili”, tra cui la migrazione di massa e la competizione globale per cibo e acqua.

La polizia di prima mattina è intervenuta per rimuovere il blocco posto da una cinquantina di manifestanti ecologisti su via Cristoforo Colombo, seduti in mezzo alla strada al grido “Se non ci saranno cambiamenti chiuderemo la città”, il Lo riporta il quotidiano italiano. Profeta.

Con lo slogan “Stop al vaccino brevetta un diritto globale, non un profitto sull’epidemia”, centinaia di attivisti hanno continuato le loro proteste vicino alla zona di sicurezza del vertice.

READ  Spagna dietro: gli inglesi possono ora viaggiare in Grecia, Portogallo e Italia | Notizie dell'hotel

António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite (ONU), ha avvertito che la COP26 potrebbe fallire a causa degli impegni tiepidi dei principali inquinatori e ha sfidato i leader del G20 a superare “pericolosi livelli di sfiducia” tra di loro. Paesi.

“Siamo chiari: c’è un enorme rischio che Glasgow non manterrà le sue promesse”, ha detto Guterres in una conferenza stampa a Roma, osservando che gli attuali impegni “continuano a condannare il mondo a un catastrofico aumento di 2,7 gradi” nel pianeta temperatura.

Un recente rapporto ambientale delle Nazioni Unite ha concluso che le dichiarazioni di dozzine di paesi per raggiungere la “neutralità” delle emissioni entro il 2050 potrebbero, se pienamente attuate, limitare l’aumento della temperatura globale a 2,2°C. È vicino, anche se ancora più alto, all’obiettivo fissato nell’accordo sul clima di Parigi di un limite di 2°C rispetto ai tempi preindustriali.

Contrattempi per l’eredità di Trump

Durante il vertice del G20, i rappresentanti di Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Germania hanno espresso la loro “vitale e crescente preoccupazione” per il mancato rispetto dell’accordo del 2015 sul programma nucleare con l’Iran, che hanno esortato a “cambiare”. naturalmente. “.

Questi paesi insieme a Cina e Russia hanno raggiunto un accordo storico nel 2015 per limitare la portata del programma nucleare iraniano per impedirgli di dotarsi della bomba atomica, in cambio della revoca delle sanzioni internazionali. Tuttavia, gli Stati Uniti, allora guidati da Donald Trump, hanno abbandonato l’accordo nel 2018.

Martin Griffiths, il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite, ha esortato i leader del vertice a preoccuparsi per “l’Afghanistan, poiché la sua economia sta collassando e metà della sua popolazione è a rischio di morire di fame prima dell’arrivo dell’inverno”.