Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Jornada – I manoscritti preispanici non viaggeranno dall’Italia al Messico per evitare di essere distrutti

città del Messico. Manoscritti fiorentino (1588) e Cosby (1665) Quelli in Italia non possono recarsi in Messico perché “i periti hanno deciso che il loro trasporto è troppo rischioso, data la loro età e sostanza; ha affermato che c’è il rischio di danni irreparabili”, ha affermato in un’intervista a Oggi L’ambasciatore del Messico in quel paese, Carlos García de Alba Zepeda.

Questi due manoscritti (il primo sotto la protezione della Biblioteca Laurenciana di Firenze) e il secondo presso l’Università di Bologna) sono stati ordinati in prestito nell’ottobre dello scorso anno dal governo del Messico, direttamente da Beatriz Gutierrez Muller, capo del coordinamento. Dalla memoria storica, per far parte della grande mostra Grandezza del Messico Che si apre lunedì prossimo al Museo Nazionale di Antropologia, come parte del programma Celebrazioni 2021, Messico Tenochtitlan, Sette secoli.

Tuttavia il diplomatico proseguì: «Abbiamo ricevuto il permesso di copiarlo, insieme al Codice Magliabechiano (XVI secolo, attualmente parte della collezione della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze), ad altissima risoluzione; e ci è stata data una copia fedele di questi tre manoscritti.”

In viaggio anche 22 pezzi “di diverso stile, manifattura, epoca e regioni di origine messicana”, come “ritorno”, grazie alla collaborazione del governo italiano con Mario Draghi. Questi pezzi “verranno probabilmente esposti insieme ad alcuni dei pezzi che l’Italia ci ha già restituito dal 2013”.

Il capo della missione diplomatica non ha fornito ulteriori dettagli sulle caratteristiche dei 22 pezzi che “rimarranno per sempre in Messico”, considerando che invece di evidenziarne uno, l’attenzione dovrebbe essere “sulla chiara collaborazione nella situazione sul parte del governo italiano e del Corpo Bañero, che contrasta con altri paesi e istanze in cui hanno semplicemente taciuto di fronte a vendite e aste di merci dalla nazione messicana”.

READ  Rapporto sulla salute pubblica sul Coronavirus n. 547

Opere confiscate in perizia

García de Alba ha riferito che oltre alle 17 opere sequestrate lo scorso 16 settembre all’asta della Casa di Belle Arti Bertolami, “altri due pezzi che dovranno essere restituiti dal governo italiano sono stati precedentemente giudicati dall’Istituto Nazionale di Belle Arti. Antropologia e Storia (INAH), che si trovano nelle città di Ancona e Udine. .

“La protezione del patrimonio culturale dei Carabineros ci ha avvertito che sospettavano che fossero pezzi messicani preispanici e ci ha chiesto di convalidare i dati; siamo stati avvisati in primavera.

“L’intero processo di recupero richiede solitamente tra i sei e i 12 mesi. Dobbiamo essere consapevoli della velocità e dell’efficienza con cui lavorano gli specialisti dell’INAH perché una volta inoltrata la richiesta di informazioni, ci inviano la conferma poche settimane dopo, o ci informano se sono repliche che non sono importanti. È un business. Una tecnica complessa che solo gli esperti possono fare. “

L’ambasciatore ha sottolineato che l’Italia è un Paese leader e in prima linea nelle questioni di tutela del patrimonio mondiale, perché dal 1969, e addirittura un anno prima dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO), una normativa specifica sulla tutela del patrimonio storico culturale è già stato approvato.

“Da questo quadro legislativo è stata creata l’Unità per la protezione del patrimonio culturale dei Carabineros, che ha scavalcato i governi e i regolamenti di quel paese. Sono responsabili dell’attuazione e del monitoraggio di questo quadro giuridico e hanno personale professionale e altamente qualificato che segue questi problemi.”

Per questo non è la prima volta che l’Italia restituisce al Messico pezzi di valore storico; Almeno dal 2013, abbiamo documentato quattro ritorni per parti molto diverse. Il 2017 è stato un anno di voti anticipati e il 3 maggio il generale Roberto Riccardi, capo delle suddette forze dell’ordine, ci ha presentato 22 reperti, tutti importanti».

READ  Burnout nella prima linea della salute | Quinto...

per il patrimonio culturale

Ha dichiarato che grazie al tempestivo intervento del Legale del Ministero degli Affari Esteri e dell’Istituto Inah, l’asta è stata interrotta il 16 settembre: “Ci hanno informato della vendita e ci hanno dato istruzioni per cercare di fermare questo processo, tutto quanto sopra, per sensibilizzare i gestori delle case d’asta e gli acquirenti che si erano impegnati Ho ricevuto la comunicazione quando ero in incarico di lavoro in Toscana, ma grazie alla professionalità della polizia e del generale Ricciardi, si sono immediatamente attivati ​​sulla questione e in poco tempo l’asta fu interferita, bandita, sospesa e lo stesso Riccardi si assunse il controllo del processo.

“Siamo rimasti in contatto tutto quel giorno fino a quando non ha confermato che l’asta era stata sospesa, che i 17 lotti di proprietà della nazione messicana erano stati confiscati ed erano nelle mani dei suoi associati, otto lotti, sebbene fossero già stati giudicati al momento. Ha ricevuto la nostra segnalazione, ma no Viene consegnato agli acquirenti”. dal Messico. E’ una situazione esemplare, e lo sottolineo perché l’Italia ha mostrato una corresponsabilità su questo tema”.