Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guerra in Ucraina: tensioni, trasformazioni e un disegno di legge del Dipartimento di Stato per la posizione dell’Argentina contro la Russia

continuo e feroce attacco Da Il presidente russo Vladimir Putin In suolo ucraino, la sua voce continua a risuonare sulle pareti del Balcarce 50 e del Palacio San Martín. La portata dell’invasione e le sue terribili conseguenze per la popolazione civile erano voci temperanti all’interno del governo che difendeva ancora le relazioni commerciali e politiche con il presidente russo, che ne era il capo. Alberto Fernandez L’Argentina è stata introdotta come “porta di accesso” al continente poco più di un mese fa. In ogni caso persistono le tensioni interne e chi ha difeso quel rapporto fin dall’inizio è stato silenziosamente messo a tacere o allontanato, in un momento in cui il rapporto con gli Stati Uniti – principale oppositore di Putin – si sta rafforzando sulla scia degli accordi con il Fondo Monetario Internazionale .

Al ministero degli Affari esteri si parla sottovoce dello status del vicecancelliere Pablo Titano, un ex ambasciatore in Russia e uno dei riferimenti diplomatici a tale collegamento. “Corri. E un po’ l’hanno girata”, conferma il leader albertista che conosce il ritmo del palazzo e alcuni messaggi nascosti e conosce alcuni degli spazi che Titano ha smesso di occupare, proprio in questi giorni. Mentre lo stesso Tatamante si è scusato Nazione Per dare la sua posizione in merito – ha affermato di avere “molto lavoro” – vicino al consigliere Santiago Cafiero Hanno negato che la situazione interna del loro vice fosse cambiata. È un diplomatico professionista e vice consigliere. E nessuno mette in dubbio la posizione dell’Argentina, pubblicamente o privatamente”, hanno sottolineato vicino a Cafiero.

Accanto alle smentite ufficiali, c’è stato il cambiamento nella famigerata retorica del governo, che è passata dalla prima tiepida dichiarazione sulla guerra (la cui paternità è attribuita a Titamante) alla “condanna” dell'”invasione” russa in forum come Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite A Ginevra, in linea con la posizione assunta sin dall’inizio da Washington, dall’Unione Europea e da Paesi del Mercosur come Paraguay, Cile e Uruguay. E un altro collega del mondo diplomatico ufficiale lo ha difeso: “Pablo, che conosce bene Putin, da tempo mette in guardia dal suo messaggio espansionista”. Sono d’accordo con la condanna dell’invasione. Come spieghiamo le Malvina se non lo facciamo? “

Il viceministro degli Esteri Pablo TitanoArchivi

Tuttavia, un altro ex funzionario parla di “approvazione di leggi” contro Tatamante e altri funzionari che hanno incoraggiato il riavvicinamento con Putin e altri paesi come la Cina e i suoi alleati regionali, Venezuela, Nicaragua e Cuba. Questo “affissione a terra” includerà la salita Gustavo Martinez Pandianiattuale agente per gli affari latinoamericani e vicino a Sergio Massa, uno dei leader più strettamente allineati con gli Stati Uniti all’interno del governo. Ex ambasciatore alle Barbados, Martinez Pandiani ha tre decenni di diplomazia per suo conto, anche a Miami e Atlanta, negli Stati Uniti.

All’interno dell’ala del governo “pro-USA” c’è chi fa riferimento, con altrettanta amarezza, a Cecilia Nicolini, il consigliere presidenziale a cui viene attribuito il merito di aver insistito sul fatto che le relazioni bilaterali del presidente con Putin fossero all’ordine del giorno, sapendo che il conflitto con l’Ucraina potrebbe intensificarsi, come è accaduto solo pochi giorni dopo. Nicolini, citato per un incarico diplomatico, ha assunto da pochi giorni la carica di ministro del Clima, che al ministro è vicino. Juan Cabandè.

Coerentemente nei forum internazionali di condanna della Russia, il governo e il ministero degli Esteri hanno lasciato l’ambasciatore russo in secondo piano, Eduardo Zwin, che a dicembre aveva accompagnato a Casa Rosada una delegazione di uomini d’affari del Fondo di investimento della Federazione Russa che ha incontrato il Presidente. Il suo silenzio è simile al basso livello di ambasciatore presso l’Organizzazione degli Stati americani, Carlo Raimondo, Sono sempre riluttanti a condannare le violazioni dei diritti umani in Venezuela o Nicaragua. Se c’è una serie di nazionalisti e autodifesa in Russia e uno di loro avanza nelle sanzioni, molto probabilmente ciò che sta facendo è cooperare per una maggiore tensione piuttosto che per rilassarsi. Questo è il ragionamento che l’Argentina ha seguito in tutti i casi”, ha detto qualche giorno fa Raimondi alla radio AM990, in linea con la posizione di Cafiero, ma senza parlare o condannare l'”invasione” russa.

Eduardo Zuyen, ambasciatore argentino in Russia
Eduardo Zuyen, ambasciatore argentino in RussiaArchivi

Altri revisori nello spazio ufficiale esprimono il loro sgomento per il cambiamento diplomatico dell’Argentina in modo schietto. Ex vice Kirchnerist e Puebla Space Leader José Cruz Campagnoli ha detto a Nazione: Tutti sosteniamo la pace e il dialogo. La posizione assunta dal Dipartimento di Stato sottolinea la responsabilità della Russia e ignora il ruolo degli Stati Uniti e della NATO che ha stimolato l’espansione militare ai confini della Russia. Mi sembra Posizione di parte, in armonia con Washington. L’accordo con il Fondo monetario internazionale sembra fare da sfondo”.

Ma le posizioni che sottolineano la “responsabilità di USA e NATO” nel conflitto scatenato da Putin sono diventate una minoranza nel governo. Mentre sottolineano la partenza degli argentini dall’Ucraina e l’accoglienza finale dei profughi ucraini nel Paese, il ministero degli Affari esteri afferma che oggi “nessuno” è d’accordo con “guerra preventiva” Lanciato dal Cremlino con conseguenze imprevedibili.

READ  Per la prima volta nella storia del Perù, la Corte Suprema ha autorizzato l'eutanasia di una donna malata terminale