Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La grave malattia del cardinale Cisneros che diede inizio all’epoca d’oro della medicina spagnola

“Un emarginato di tutti i medici”, ha detto il suo biografo e segretario, Cardinale Cisneros Era in punto di morte a Granada nel 1501 a causa dell’inefficacia dei fisici Il re cattolici. Curiosamente, si trattava di un guaritore moresco che, con alcuni cataplasmi, “senza detergere né sanguinare”, riuscì a correggere la malattia “grande e grave” dell’arcivescovo di Toledo, che già una settimana dopo montava sul suo cavallo. Questa esperienza sarà così decisiva che poco dopo il fondatore della Complutense chiese a Roma il permesso papale Compilazione di lauree in medicina presso la Nuova Università di Alcalá.

L’episodio traumatico è servito da catalizzatore per Una rivoluzione medica guidata dalla monarchia spagnola Nel sedicesimo secolo e quella sarebbe stata una generazione d’oro. I suoi promotori, come lo stesso Cisneros, che promosse borse di studio per studenti privi di risorse, o il filosofo Juan Luis VivesChi ha invocato la modernizzazione dell’assistenza sanitaria integrando le istituzioni pubbliche nella gestione ospedaliera e professionalizzando medici, farmacisti e infermieri nel proprio lavoro, si è abbeverato a postulati umani, a concetti come Dignità e tecnica.

rappresenta il primo Etica umana Che mette la persona al centro di se stessa e della società. Il secondo è legato alla scienza: studio, osservazione, analisi e conclusioni. In altre parole, il “modo umano” riassume Gonzalo Gomez Garcia in Guarisci i corpi e salva le anime.

Ricettario di medicina di Fernando de Carcassonne (1564)

Il lavoro del Professore di Storia Antica e Medievale presso l’Università di Francisco de Vitoria e Professore Emerito e Ricercatore di Storia Moderna presso l’Università di Alcala de Henares, che entra a far parte del gruppo Fundación Banco Santander Fundación Fundamental History, è un resoconto radiografico, con documenti inediti, dello sviluppo della medicina nel XVI secolo in Spagna e in America, quando Gli ospedali moderni sono stati istituiti con una struttura di lavoro di gruppoMedici, chirurghi, infermieri e farmacisti.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda l'uso di farmaci per l'artrite reumatoide per il trattamento del COVID-19

Dopo un secolo segnato dalla penuria di medici – ebrei e arabi, espulsi con decreto o con la forza delle armi, mantenendo viva la tradizione – e dall’assistenza in rudimentali ospedali guidati dalla carità, la città di Complutense divenne una sorta di fucina di rinnovamento, sia a causa della sua università, dove i futuri medici venivano formati per le arti e la filosofia prima di iniziare le loro pratiche con i poveri – alcuni, vedi Case Francisco Valles de Covarrubiasuno dei più brillanti di questa generazione unica, finirà come dottori della Camera del Re, nel tuo caso Filippo II– Come all’ospedale Antisana.

[La olvidada epopeya del español que conquistó el ‘Far West’ americano]

In questo istituto c’erano le stanze di cura estive e invernali per donne e uomini, una sala anatomica, uno speziale, un bagno d’acqua per temprare, cucine, un cimitero, una mensa per i poveri, una cappella aperta per il culto, una canonica, camere per infermiere e stanze di convalescenza e anche missionari pesanti come quelli in Ignazio Loyolache ha lavorato come assistente prima dell’apertura della Compagnia di Gesù.

Affari pionieristici

Uno dei venerabili infermieri, il carmelitano Francisco del Niño Jesús, molto apprezzato da Lope de VegaHo portato tre cammelli all’ospedale e li ho messi in ordine Spettacoli per intrattenere le persone in lutto Umile, trasforma i loro dolori in risate. Questa era un’altra novità di quel periodo. Anche il corral de comedias di Alcalá, il più antico della Spagna, aveva un accordo per donare parte del ricavato del biglietto all’ospedale di Antizana.

Ma questo modello, perfezionato con l’incorporazione di sedie di anatomia e chirurgia o permesso di sezionare cadaveri, fu esportato all’estero. nel vicereame americano Fu costruita una rete di ospedali – generali e indiani per far fronte alle principali epidemie europee – e università – al culmine del 1640 nessun’altra potenza europea aveva istituito un centro accademico – che incoraggiavano la formazione umanistica. e persino Farmacopea spagnola arricchita Grazie alla conoscenza di nuovi farmaci originali.

READ  Alimenti che proteggono il nostro stomaco

Medici spagnoli in questa particolare età dell’oro Opere prime pubblicate e anteprime uniche in psicologia, urologia, farmacologia, anatomia, chirurgia, nefrologia o epidemiologia. Ostetrica Giovanni Alonso de Fonteshaper esempio, era un autore Dieci privilegi per le donne incinteÈ un’opera pionieristica in cui ha difeso tutte le donne incinte da qualsiasi circostanza. “Per tutto ciò che un uomo può fare, e anche di più, può rimanere incinta”, ha scritto.

Parlando di donne, è apparso nel XVI secolo Le prime infermiere che non indossavano abitiErano donne laiche, single, sposate o religiose che imparavano un mestiere o una professione. Isabel Rodriguez era in una delle prime spedizioni americane di Diego Columbus S Hernan Cortes. Fece lacci emostatici e applicò oli caldi e acqua come unguenti che agivano come un antico antinfiammatorio. Ma il primo stipendio documentato di un’infermiera ad Alcala, nel 1576, era a nome di Maria Martinez. Sorprendentemente, è stata pagata come gli uomini.